laRegione
Nuovo abbonamento
finche-divorzio-non-vi-separi
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Museo Epper Ascona, tante domande... Nessuna risposta

Contro il trasloco delle opere dei due artisti, a breve partirà una segnalazione alla Commissione amministrativa della Vigilanza sulle fondazioni
Ticino
1 ora

Strutture turistiche, 'Valutare se prolungare l'apertura'

Angelo Trotta (Att): 'Per alberghi o impianti di risalita sarebbe l'anno giusto per rimanere aperti anche in novembre o riaprire nel periodo natalizio'
Luganese
1 ora

'Il mio anno in Zambia e un lockdown impossibile'

L'esperienza di Roberta Bernasconi, cooperatrice di Comundo, che ha portato il digitale nelle scuole
Audio
Ticino
14 ore

'La ripresa dei grandi eventi fa felici, fa respirare'

Daniele Finzi Pasca sull'allentamento previsto per le manifestazioni con più di mille persone. La sua compagnia, però, da settembre punta sul... 'Luna Park'
Foto
Bellinzonese
14 ore

Malvaglia, esce di strada con la moto e finisce in una vigna

In sella vi era un giovane centauro che, nell'incidente, ha riportato ferite. Abbattuti alcuni pali di sostegno del vigneto
Ticino
15 ore

Settimana radar per tutti (ma di più nel Luganese)

Pubblicato dalla Polizia cantonale l'elenco dei luoghi dove verranno svolti i controlli di velocità tra il 17 e il 23 agosto 2020
Audio
Ticino
15 ore

Cavalli: 'Sui grandi eventi avrei atteso ancora'

Secondo il politico e oncologo ancora troppi, oltre Gottardo, non fanno attenzione. Scetticismo sul vaccino russo: 'Una butade propagandistica di Putin'
Luganese
16 ore

560 firme contro l'antenna 5G a Gentilino

Consegnata ieri al municipio di Collina d'Oro la petizione contro l'edificazione della torre presso il campo da calcio
Mendrisiotto
16 ore

Cabbio e Muggio, acqua di nuovo potabile

Revocato l'avviso pubblicato a inizio settimana a seguito di non meglio precisati problemi all'acquedotto
Foto
Bellinzonese
19 ore

Bellinzona, contro un muro uscendo dal parcheggio: ferite serie

Incidente della circolazione sul mezzogiorno a Ravecchia. Una 82enne del bellinzonese è rimasta incastrata tra le lamiere
Ticino
29.12.2018 - 06:010

Finché divorzio non vi separi

Si stima che più di quattro matrimoni su dieci celebrati nel 2015 finiranno davanti agli avvocati. Cresce il numero di separazioni con il coinvolgimento di almeno un figlio

Più di quattro matrimoni su dieci finiscono con un divorzio. La stima presente nello studio ‘Le famiglie in Ticino - Un ritratto statistico dei nuclei familiari con figli’, curato da Francesco Giudici e pubblicato dall’Ufficio di statistica (Ustat), è chiara: in Ticino il 43,5 per cento dei matrimoni celebrati nel corso del 2015 finirà seduti di fronte con un avvocato per parte. Se, in modo costante, “nel corso degli anni si è assistito a un notevole aumento del numero dei divorzi – si legge nell’analisi – il loro numero ha comunque smesso di crescere”. Si è stabilizzato, insomma. Però c’è un però, ed è relativo alla difficoltà di lettura dei dati. Una lettura resa complicata “sia dal modificarsi della legislazione in materia, sia dal sistema utilizzato per raccogliere i dati”. Ed è proprio quest’ultimo cambio nel metodo di rilevazione che “impedisce di confrontare la situazione odierna con quella precedente al 2011”. Ma cosa è cambiato? Semplice: a partire da ormai otto anni fa, il dato dei divorzi non è più basato sulle sentenze emesse dai tribunali, ma sui registri informatizzati dello stato civile. Siccome in questi ultimi “l’informazione sul divorzio viene inserita solo se i dati dei coniugi vi sono già presenti, non tutti i casi che venivano riportati prima del 2011 lo sono anche con la nuova metodologia di rilevazione”. Questo, va da sé, porta alla rottura della serie storica. Serie che però, dal 2011, non mostra grossi scossoni. Nel 2015, infatti, si sono registrati 672 divorzi “con un tasso di divorzialità anch’esso stabile sugli 1,9 divorzi ogni mille abitanti”.

Prima delle carte bollate si resta sposati, in media, circa 15 anni

Ma quanto dura un matrimonio prima di finire a carte bollate? La durata media dei matrimoni, si legge nello studio dell’Ustat, è in aumento. “Oggi più di quattro divorzi su dieci sono pronunciati dopo meno di 10 anni, un quarto lo sono dopo 10-19 anni mentre la parte restante – vale a dire tre su dieci – dopo più di 20 anni di unione”. La durata media di un matrimonio è fissata in 15,4 anni, in crescita rispetto al passato: nel 1969, infatti, era di 12,8 anni. L’allungamento della durata dei matrimoni che finiscono male, continua l’analisi, “si traduce anche in un aumento dell’età media degli ex coniugi, che oggi sono frequentemente degli ultracinquantenni: la percentuale di chi divorzia dopo i 50 anni è passata dal 10,1 per cento al 28,4 per cento per gli uomini e dal 17 al 40 per cento per le donne”. Il tutto, nel giro di trent’anni. Matrimonio, non obbligatoriamente ma frequentemente, vuol dire anche figli. E va da sé che un divorzio quando ci sono di mezzo dei bambini sia più delicato. Nel 2010, anno in cui è stata svolta l’ultima analisi in questo senso, “quasi la metà degli scioglimenti – il 44,7 per cento dei casi – vedeva coinvolto almeno un figlio minorenne”. E per comprendere meglio la portata del fenomeno, i numeri: “Su 885 sentenze, 369 di queste hanno visto coinvolto almeno un figlio. Per un totale di 608 figli toccati da questa decisione”. Numeri che, se si considerando le cifre assolute, “sono più che triplicati. Nel 1969 i divorzi con figli erano 102, e i bambini coinvolti 175”. Ad ogni modo, nello studio di Giudici viene pure evidenziato un altro fatto importante. Ovvero quello che “raramente i genitori divorziano quando i figli sono ancora molto piccoli. Nel 10 per cento dei casi i figli hanno meno di 5 anni, mentre in 7 divorzi su 10 i figli hanno tra i 5 e i 14 anni”.

© Regiopress, All rights reserved