ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 min

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Cinque professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
2 min

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
7 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
11 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
12 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
12 ore

Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda

Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
12 ore

Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa

Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Locarnese
12 ore

Corsi 2023 dell’Associazione per l’infanzia e la gioventù

Nella sede di Locarno, tedesco e inglese. Ma anche tutoring per dislessia e discalculia
Locarnese
13 ore

Scuola medico-tecnica a Locarno, pomeriggio informativo

Per aspiranti assistenti di studio medico o studio veterinario e per i futuri guardiani di animali
Grigioni
13 ore

Il Parco Val Calanca è realtà

Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
10.12.2018 - 20:10
Aggiornamento: 22:47

Polizia ticinese, carcerazione 'preventiva' per 24 ore

Custodia per ubriachi molesti e persone considerate pericolose nonché inchieste mascherate anche sotto falsa identità approvate dal Gran Consiglio

di Luca Berti
polizia-ticinese-carcerazione-preventiva-per-24-ore
Un arresto (Ti-Press)

La Polizia cantonale ticinese potrà trattenere una persona per 24 ore e svolgere indagini sotto copertura e in incognito. Lo ha deciso poco fa il Gran Consiglio, approvando a larga maggioranza la revisione della Legge in materia, dando così un quadro legale ad alcune procedure «che in parte già venivano applicate», ha precisato il deputato indipendente ed ex magistrato Jacques Durcy.

Il parlamento ha quindi voluto dare alle forze dell'ordine ticinesi maggiore spazio di manovra a margine del CCodice di procedura penale per poter mettere sotto chiave uomini e donne che rappresentano un pericolo per sé o per la sicurezza di terzi e trattenerli qualora colpiti da decisione di espulsione, allontanamento o respingimento. Oppure per prendere in consegna minorenni in funzione di essere riconsegnati ("al più presto, di regola entro 24 ore") ai genitori o all'autorità parentale. Inoltre la polizia potrà sorvegliare cittadine e cittadini in presenza di inizi concreti sulla futura commissione di un reato o di un crimine.

Gli inquirenti potranno in particolare osservare e seguire discretamente (anche con apparecchi Gps) i sospettati per un periodo di un mese con la sola decisione di un ufficiale. Oltre i 30 giorni sarà invece necessairo chiedere l'autorizzazione al Ministero pubblico. La polizia potrà inoltre indagare in incognito e – previo ok del giudice dei provvedimenti coercitivi – condurre inchieste mascherate, se del caso, tramite identità false. E questo anche in rete. «Nel 2018 è inconcepibile che si debba accedere alla rete con il nome "polizia" per poter cercare pedofili», ha chiosato Giorgio Galusero (Plr), co-relatore di maggioranza. Chiedendo, poi: «Non vogliamo dare alle forze dell'ordine gli strumenti giusti per combattere le infiltrazioni mafiose?»

«Mi sembra che vi sia una certa sfiducia verso l'agente di polizia - ha proseguito -. Ma non dimentichiamoci che già oggi l'ufficiale può disporre l'allontanamento di una persona da casa per dieci giorni in caso di violenza domestica. Su 120 casi si è visto come gli agenti abbiano sempre operato saggiamente».

«Fatico a comprendere lo scetticismo su queste modifiche - ha rilevato Amanda Rückert, co-relatrice di maggioranza -. Eccesso di potere alla polizia? Ci si dimentica che il nuovo quadro legale è stato salutato positivamente anche dalla magistratura».

A nulla sono valsi gli appelli di Carlo Lepori, relatore di minoranza, a rinviare le modifiche in governo per essere meglio precisate. «Le regole in uno Stato di diritto devono essere chiare. Se le leggi sono confuse, ciò danneggia anche la polizia stessa». Tra i problemi concreti: «La custodia di polizia è una decisione che viene presa in assenza di alcun minimo sospetto di reato. E questo è grave».

Assenza di chiarezza della legge che, si è detto, potrebbe inoltre far emergere dei problemi al momento di utilizzare le informazioni raccolte dalle forze dell'ordine. Si tratta di una base legale «approssimativa», ha incalzato Sabrina Gendotti (Ppd), che assieme a Michela Delcò Petralli e Giovanna Viscardi ha persentato alcuni emendamenti. «Serve una legge solida per evitare che il tutto cada al primo ricorso. Come la Lia».

Una fattispecie che, stando al direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi, non si produrrà, dal momento che il testo ticinese è mutuato dall'analoga legge zurighese, che è già stato esaminato e avallato dal Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved