ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
1 ora

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
2 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
2 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
2 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
4 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
4 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
5 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
5 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
5 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
10.12.2018 - 20:10
Aggiornamento: 22:47

Polizia ticinese, carcerazione 'preventiva' per 24 ore

Custodia per ubriachi molesti e persone considerate pericolose nonché inchieste mascherate anche sotto falsa identità approvate dal Gran Consiglio

di Luca Berti
polizia-ticinese-carcerazione-preventiva-per-24-ore
Un arresto (Ti-Press)

La Polizia cantonale ticinese potrà trattenere una persona per 24 ore e svolgere indagini sotto copertura e in incognito. Lo ha deciso poco fa il Gran Consiglio, approvando a larga maggioranza la revisione della Legge in materia, dando così un quadro legale ad alcune procedure «che in parte già venivano applicate», ha precisato il deputato indipendente ed ex magistrato Jacques Durcy.

Il parlamento ha quindi voluto dare alle forze dell'ordine ticinesi maggiore spazio di manovra a margine del CCodice di procedura penale per poter mettere sotto chiave uomini e donne che rappresentano un pericolo per sé o per la sicurezza di terzi e trattenerli qualora colpiti da decisione di espulsione, allontanamento o respingimento. Oppure per prendere in consegna minorenni in funzione di essere riconsegnati ("al più presto, di regola entro 24 ore") ai genitori o all'autorità parentale. Inoltre la polizia potrà sorvegliare cittadine e cittadini in presenza di inizi concreti sulla futura commissione di un reato o di un crimine.

Gli inquirenti potranno in particolare osservare e seguire discretamente (anche con apparecchi Gps) i sospettati per un periodo di un mese con la sola decisione di un ufficiale. Oltre i 30 giorni sarà invece necessairo chiedere l'autorizzazione al Ministero pubblico. La polizia potrà inoltre indagare in incognito e – previo ok del giudice dei provvedimenti coercitivi – condurre inchieste mascherate, se del caso, tramite identità false. E questo anche in rete. «Nel 2018 è inconcepibile che si debba accedere alla rete con il nome "polizia" per poter cercare pedofili», ha chiosato Giorgio Galusero (Plr), co-relatore di maggioranza. Chiedendo, poi: «Non vogliamo dare alle forze dell'ordine gli strumenti giusti per combattere le infiltrazioni mafiose?»

«Mi sembra che vi sia una certa sfiducia verso l'agente di polizia - ha proseguito -. Ma non dimentichiamoci che già oggi l'ufficiale può disporre l'allontanamento di una persona da casa per dieci giorni in caso di violenza domestica. Su 120 casi si è visto come gli agenti abbiano sempre operato saggiamente».

«Fatico a comprendere lo scetticismo su queste modifiche - ha rilevato Amanda Rückert, co-relatrice di maggioranza -. Eccesso di potere alla polizia? Ci si dimentica che il nuovo quadro legale è stato salutato positivamente anche dalla magistratura».

A nulla sono valsi gli appelli di Carlo Lepori, relatore di minoranza, a rinviare le modifiche in governo per essere meglio precisate. «Le regole in uno Stato di diritto devono essere chiare. Se le leggi sono confuse, ciò danneggia anche la polizia stessa». Tra i problemi concreti: «La custodia di polizia è una decisione che viene presa in assenza di alcun minimo sospetto di reato. E questo è grave».

Assenza di chiarezza della legge che, si è detto, potrebbe inoltre far emergere dei problemi al momento di utilizzare le informazioni raccolte dalle forze dell'ordine. Si tratta di una base legale «approssimativa», ha incalzato Sabrina Gendotti (Ppd), che assieme a Michela Delcò Petralli e Giovanna Viscardi ha persentato alcuni emendamenti. «Serve una legge solida per evitare che il tutto cada al primo ricorso. Come la Lia».

Una fattispecie che, stando al direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi, non si produrrà, dal momento che il testo ticinese è mutuato dall'analoga legge zurighese, che è già stato esaminato e avallato dal Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved