laRegione
Nuovo abbonamento
listeriosi-i-casi-in-ticino-sono-quattro
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

Coronavirus, tre casi in Ticino, nessun decesso

Continuano a rimanere bassi i nuovi contagi giornalieri a sud delle Alpi, dove da inizio pandemia sono risultate positive 3'466 persone
foto
Bellinzonese
4 ore

S. Antonino: le protesi volano sempre più alto

Smb Medical verso l’espansione del sito di produzione e del numero dei suoi dipendenti. Durante la pandemia neanche un contagio
Mendrisiotto
4 ore

Alla ‘Piccola velocità’ di Chiasso spunta un’area di svago

Il comparto delle Ffs si prepara a cambiare vocazione ai magazzini, aprendo al Comune. Che sogna un suo ‘Gleis 4’
Ticino
4 ore

Tassa di collegamento, parte il conto alla rovescia

Il governo si appresta a decidere il futuro del balzello, alla luce pure dei paletti del Tf. C’è chi chiede l'abrogazione, chi il congelamento, chi la sostiene
Bellinzonese
15 ore

'Copertura telefonica insufficiente in Val Pontirone'

Due consiglieri comunali Plr interpellano il Municipio di Biasca, chiedendo anche aggiornamenti sulla frana di Biborgo
Luganese
15 ore

Artisti dal Ceresio alla Moravia: conferenza a Curio

L'evento è organizzato dall'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana e si terrà al Museo etnografico il 22 agosto
Luganese
16 ore

Rock&Roll Waves: radio, musica e navigazione sul Ceresio

Radio Morcote International farà rivivere i fasti delle radio pirata inglesi anni Sessanta in una serata speciale sabato 22 agosto
Ticino
16 ore

Operazione Imponimento, convalida di arresto per 4 svizzeri

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata ieri dall'Antimafia di Catanzaro, riguarda 75 indagati: fra questi anche il luganese.
Locarnese
16 ore

Elisarion a Minusio, ultimi giorni della mostra di Tallone

Al centro culturale lavori da settembre, ma la programmazione continuerà fuori sede
Locarnese
17 ore

Poncione di Braga, mezzo secolo in capanna

Il rifugio fu costruito in tre anni da alcuni volontari. Poi è passato all'Utoe di Locarno, che lo ha ampliato
Luganese
17 ore

Collina d'Oro, da lunedì sport gratis per i domiciliati

Yoga, allenamenti intensivi, pilates, percorsi vita e presto corsi di Mountain Bike: il Comun crea 'Gazebo Sport', aperto a tutti ma gratis per i locali
Mendrisiotto
17 ore

Un InterCity per il Mendrisiotto: chiesto supporto ai politici

Sulla scia della petizione il gran consigliere Massimiliano Robbiani coinvolge Comuni e parlamento per fare squadra
Ticino
17.10.2018 - 05:500
Aggiornamento : 09:33

Listeriosi: i casi in Ticino sono quattro

Uno è riconducibile agli 11 segnalati a livello nazionale. Due persone sono morte. Hanno consumato tutti lo stesso alimento. Jermini: 'Difficile stabilire quale'

Quattro casi di listeriosi in Ticino quest’anno, di cui uno assimilabile agli altri 11 segnalati dall’Ufficio federale della sanità pubblica lunedì (vedi ‘laRegione’ di ieri, pagina 6). Ufficio che ha registrato un aumento di persone colpite dal batterio (l’infezione avviene per ingestione di alimenti contaminati), due delle quali nel frattempo decedute. “Presumibilmente la recrudescenza è dovuta a una fonte comune di contagio che ora deve essere trovata”, scrivevamo ieri. Riuscire a stabilire di quale cibo si tratti, ci confermano da Bellinzona, risulta impresa assai complessa. «Negli anni, salvo in una circostanza, non siamo mai riusciti a collegare i casi ticinesi a una derrata in particolare – spiega Marco Jermini, direttore del Laboratorio cantonale –. La collaborazione con il medico cantonale funziona molto bene, il paziente viene debitamente interrogato affinché si possa stabilire una lista di derrate che ha consumato prima dell’insorgenza dei sintomi. Ma non è affatto semplice: il tempo d’incubazione è di circa dieci giorni». Pochi anni fa, quando i casi erano stati 7/8 a seguito di un episodio collettivo, era stato possibile capire dove si annidava il batterio: «Si trattò di un pâté, riuscimmo a procedere col ritiro dal commercio». Oltre agli interventi mirati, il Laboratorio si occupa dell’attività analitica. «Sì, costante e molto intensa. Cerchiamo la listeria dappertutto – annota Jermini – perché è un batterio che si trova ovunque». Le derrate più a rischio? Formaggi a crosta fiorita, salumi, pesce, insalata. Cibi pronti e generalmente crudi. Il punto è che se contamina alimenti di un certo tipo che poi vengono manipolati male e in seguito ingeriti da persone a rischio (anziani, bambini, donne in gravidanza), allora diventa pericoloso. «Il tasso di mortalità è molto elevato, siamo tra il 20 e il 40%». Tant’è che nell’ultima “ondata” di contaminati, i dodici casi segnalati da Berna, sono morte due persone. «In Ticino a mia memoria non ricordo decessi legati direttamente al batterio» risponde il direttore del Laboratorio a precisa domanda. I casi con cui ha avuto a che fare concernono persone ‘over 70’. Quali i sintomi? Dalla semplice influenza all’infiammazione delle meningi, alla setticemia. Ma all’ignaro consumatore quali consigli si possono dare? «Le infezioni da listeria sono generalmente riconducibili a problemi a livello di produzione – spiega ancora Jermini –. Quindi le uniche indicazioni che si possono dare alla popolazione sono quelle di rispettare le temperature di conservazione, in particolare per quegli alimenti che vanno tenuti in frigo, così come la data di scadenza». Oltre a confidare che all’igiene, prima di tutto, ci pensi chi mette in commercio il cibo.

Latte e formaggi in generale ‘buoni’

La qualità nella produzione di latte e formaggi sugli alpeggi ticinesi è “globalmente buona” e i consumatori “possono gustare i prodotti senza timori”. Queste le conclusioni a cui giunge il Laboratorio cantonale dopo l’analisi, pubblicata lunedì, dei prodotti lattiero-caseari. «Zero listerie negli alpeggi», conferma il direttore Marco Jermini. “Il formaggio d’alpe ticinese è sicuramente uno dei prodotti gastronomici legati al territorio di maggior successo e può vantare la denominazione Dop” si legge nella ‘newsletter’ del Laboratorio, il quale “verifica con controlli periodici che le buone prassi d’igiene e di fabbricazione siano applicate scrupolosamente dai casari e dagli operatori del settore”. Nell’ambito dei controlli effettuati nella stagione alpestre 2018 sono stati prelevati 311 campioni con l’obiettivo “di verificare la qualità igienico-microbiologica”. Dalle analisi è emerso che il “10% dei campioni prelevati è risultato non conforme”. Ergo una trentina, in particolare burro e cagliate. “I punti critici – commenta il Laboratorio – sono rappresentati dalla qualità del latte, dalla produzione di burro senza il rispetto delle buone procedure e dalla qualità spesso insufficiente dell’acqua utilizzata nei locali di produzione”. 

© Regiopress, All rights reserved