laRegione
Nuovo abbonamento
metti-un-app-per-uscire-dal-tunnel
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 ore

'Copertura telefonica insufficiente in Val Pontirone'

Due consiglieri comunali Plr interpellano il Municipio di Biasca, chiedendo anche aggiornamenti sulla frana di Biborgo
Luganese
8 ore

Artisti dal Ceresio alla Moravia: conferenza a Curio

L'evento è organizzato dall'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana e si terrà al Museo etnografico il 22 agosto
Luganese
9 ore

Rock&Roll Waves: radio, musica e navigazione sul Ceresio

Radio Morcote International farà rivivere i fasti delle radio pirata inglesi anni Sessanta in una serata speciale sabato 22 agosto
Ticino
10 ore

Operazione Imponimento, convalida di arresto per 4 svizzeri

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata ieri dall'Antimafia di Catanzaro, riguarda 75 indagati: fra questi anche il luganese.
Locarnese
10 ore

Elisarion a Minusio, ultimi giorni della mostra di Tallone

Al centro culturale lavori da settembre, ma la programmazione continuerà fuori sede
Locarnese
10 ore

Poncione di Braga, mezzo secolo in capanna

Il rifugio fu costruito in tre anni da alcuni volontari. Poi è passato all'Utoe di Locarno, che lo ha ampliato
Luganese
10 ore

Collina d'Oro, da lunedì sport gratis per i domiciliati

Yoga, allenamenti intensivi, pilates, percorsi vita e presto corsi di Mountain Bike: il Comun crea 'Gazebo Sport', aperto a tutti ma gratis per i locali
Mendrisiotto
11 ore

Un InterCity per il Mendrisiotto: chiesto supporto ai politici

Sulla scia della petizione il gran consigliere Massimiliano Robbiani coinvolge Comuni e parlamento per fare squadra
Ticino
11 ore

Estradato in Italia latitante albanese catturato in Svizzera

L'uomo si è reso responsabile di una serie di pericolosi reati: violenza sessuale, sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina
Ticino
12 ore

Dalla Supsi un dispositivo per testare il Covid in tempo reale

A ottobre parte un progetto di ricerca congiunto assieme al Poli di Losanna e lo Ior che mira a sviluppare l'apparecchio portatile in due anni
Cantone
27.08.2018 - 06:100

Metti un'App per uscire dal ‘tunnel’

Quando il social diventa dipendenza e il mercato delle applicazioni cavalca l'onda

Nel Diciottesimo secolo era diffusa la paura delle dipendenze dalla lettura, allo stesso modo oggi è diffusa la paura dell’internet-dipendenza. Il mezzo è nuovo, ma la paura è la stessa. Secondo uno studio condotto da Ta-swiss (Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche), su un campione di ragazzi tra i 15 ed i 17 anni, provenienti da diverse aree della Svizzera e suddivisi in tre gruppi, quelli della regione italofona si sono dimostrati essere i più connessi con i loro telefonini ad internet. La ricerca rivela che in Ticino gli adolescenti navigano su internet almeno il 10% in più rispetto ai loro coetanei ginevrini e svizzero-tedeschi. In media passano dalle 3 alle 5 ore al giorno, e la maggior parte di questo tempo è dedicato alla gestione dei social network. Emergono differenze anche tra i sessi: i ragazzi preferiscono giocare, mentre le ragazze scattano in media più fotografie. L’81% degli studenti presi in considerazione da Ta-swiss, mostrano una piena consapevolezza dell’uso eccessivo del telefonino e d’internet. Solo un terzo circa degli allievi pensa che si debba avere paura d’internet, un’affermazione che suscita la maggior approvazione a Bellinzona (49%). E rinunciare all’utilizzo d’internet e del cellulare? Assolutamente no, risponde il 62%, soprattutto in Ticino (80%). «Rinunciare sarebbe difficile per noi che siamo nati in un mondo in cui internet fa parte dell’inventario» commenta una ragazza bellinzonese del gruppo ticinese preso in esame. In tutte e tre le regioni linguistiche, l’ampia maggioranza degli allievi interrogati trascorre il proprio tempo online principalmente su una piattaforma di social media. Facebook è sicuramente il più gettonato e gli studenti non sono ovviamente gli unici a pensarla così, con più di 500 milioni di utenti in tutto il mondo, il social network è spesso definito il “terzo Paese più grande al mondo”. Ma tutto questo in che modo si ripercuote sulle relazioni sociali dei giovani? Dalle reazioni emerge che solo gli adulti possono temere che i loro figli preferiscano restare attaccati al telefono invece di uscire con gli amici. Infatti, per gli adolescenti è più importante il contatto diretto di quello virtuale. Ma cosa ne pensano i giovani riguardo alla cyber-dipendenza? Anche qui gli adolescenti pensano che si tratti soprattutto di una paura degli adulti, anche se la maggior parte dei partecipanti ammette di sprecare troppo tempo sul web. Si nota però come i ragazzi abbiano difficoltà a definire quando il gioco diventa dipendenza.

Internet vs internet

Negli ultimi anni c’è chi ha fiutato il problema e l’affare. Così ecco comparire le prime applicazioni che professano di disintossicare l’utente dagli apparecchi elettronici e quindi anche dai social. Una fra le più conosciute (e scaricate) è senza dubbio Social Fever. Un programmino totalmente gratuito che permetterebbe di limitare il tempo passato sui social bloccando delle funzioni e ponendo obiettivi come camminare all’aria aperta e chiacchierare con degli amici per un minimo di tempo. Questo è solo un esempio dei servizi offerti dal programma. “Disconnect to reconnect with your real life” è lo slogan dell’app. E gli store online sono pieni di queste app “e-detox”. Molte delle quali però sono a pagamento, e il prezzo per tornare in contatto con la vita reale può essere davvero alto.

 

© Regiopress, All rights reserved