vapori-di-nicotina
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
29 min

Locarno, alla Gestione piacciono gli orti comunali

Il rapporto commissionale preavvisa favorevolmente la richiesta di credito municipale per la realizzazione di 16 appezzamenti in zona Morettina
Bellinzonese
58 min

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
1 ora

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Locarnese
1 ora

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
2 ore

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
2 ore

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
2 ore

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
2 ore

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
2 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
3 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
06.07.2018 - 05:500
Aggiornamento : 07:22

Vapori di nicotina

Sigarette elettroniche e vendita ai minori. Bramani: potrebbe essere il primo passo verso il fumo. De Benedetti: divieto da estendere. Kandemir Bordoli: prudenza con i giovani

a cura de laRegione

Si (ri)accende il dibattito sulle sigarette elettroniche. Per la precisione sulla loro vendita ai minorenni, visto che – segnala l’Agenzia telegrafica svizzera – proprio per oggi le autorità federali hanno indetto un incontro per discutere dell’attuale ‘deserto’ legislativo. Sì, perché se fino allo scorso aprile in Svizzera le e-sigarette con nicotina erano proibite, a seguito di un ricorso è ‘saltato’ il vincolo. Con conseguente ‘boom’ di vendite e di giovani interessati al loro acquisto.

A parlare di “rischi per la salute” è tra gli altri l’associazione Dipendenze Svizzera, che cita fra questi anche la composizione chimica dei liquidi che vengono inalati. “Alcune sostanze – si legge in un flyer informativo – possono provocare, a corto termine, irritazioni alle vie respiratorie”. E ancora : “Il vapore dei vari liquidi contiene sostanze pericolose per la salute di cui ignoriamo, ad oggi, tutti gli effetti”. «Fintanto che non ci sono sufficienti dati bisogna essere prudenti, soprattutto quando parliamo di giovani – commenta la deputata socialista Pelin Kandemir Bordoli, autrice a suo tempo di una delle due iniziative parlamentari sfociate nel divieto (dal settembre 2013) di vendita di tabacco ai minori in Ticino –. Il discorso di una strategia di protezione della gioventù, su cui abbiamo messo l’accento introducendo quel divieto, può senz’altro valere anche per la sigaretta elettronica. Se perlomeno a livello di sensibilizzazione e di autoregolamentazione possono essere trovate delle convergenze, ben vengano». Anche perché, come evidenzia ancora Dipendenze Svizzere, le sigarette elettroniche e le campagne di comunicazione che ruotano attorno ad essere “possono far credere che questi prodotti siano innocui: cosa assolutamente falsa! Esiste, al contrario, il grosso rischio di favorire il passaggio dalla sigaretta elettronica a quella tradizionale”.

«Da parte nostra c’è sicuramente uno sguardo attento nei confronti delle e-sigarette – sottolinea Chiara Bramani, collaboratrice esterna dell’Associazione svizzera non fumatori –. Nonostante non vi siano ancora studi del tutto neutrali sugli effetti di queste sigarette, la nostra associazione punta comunque molto sulla prevenzione. Cerchiamo quindi attraverso le nostre iniziative di non far cominciare a fumare, perché poi smettere è molto difficile». Purtroppo, osserva Bramani, «tra gli adolescenti la percentuale di coloro che iniziano è ancora molto alta. Dal nostro punto di vista l’utilizzo della sigaretta elettronica potrebbe essere il primo passo verso quella tradizionale». Per la presidente della Conferenza cantonale dei genitori Anna De Benedetti, il divieto di vendita delle sigarette ai minorenni «dovrebbe essere non solo mantenuto per quelle tradizionali, ma essere esteso a quelle elettroniche, senza o con poca nicotina, perché si acquisisce comunque un gesto». Riguardo all’eventuale quantità ridotta di nicotina nelle e-sigarette, il rischio, avverte De Benedetti, «è di ‘vaporizzare’ di più con l’illusione di non subire danni alla salute perché non si sta fumando una sigaretta cosiddetta normale. Insomma, secondo me la sigaretta elettronica alimenta in ogni caso una falsa sicurezza». Il ricorso dei punti vendita all’autoregolazione (niente e-sigarette ai minori), come si ipotizza nel servizio dell’Ats? «L’autodisciplina – rileva la presidente della Conferenza cantonale dei genitori – dipende dalla sensibilità di chi vende. E non sempre è sufficiente quando si parla di tutela della salute dei giovani».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved