laRegione
Nuovo abbonamento
apprendisti-d-azzardo-il-lato-oscuro-del-gioco
(Pixabay)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 ore

'Copertura telefonica insufficiente in Val Pontirone'

Due consiglieri comunali Plr interpellano il Municipio di Biasca, chiedendo anche aggiornamenti sulla frana di Biborgo
Luganese
9 ore

Artisti dal Ceresio alla Moravia: conferenza a Curio

L'evento è organizzato dall'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana e si terrà al Museo etnografico il 22 agosto
Luganese
9 ore

Rock&Roll Waves: radio, musica e navigazione sul Ceresio

Radio Morcote International farà rivivere i fasti delle radio pirata inglesi anni Sessanta in una serata speciale sabato 22 agosto
Ticino
10 ore

Operazione Imponimento, convalida di arresto per 4 svizzeri

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata ieri dall'Antimafia di Catanzaro, riguarda 75 indagati: fra questi anche il luganese.
Locarnese
10 ore

Elisarion a Minusio, ultimi giorni della mostra di Tallone

Al centro culturale lavori da settembre, ma la programmazione continuerà fuori sede
Locarnese
10 ore

Poncione di Braga, mezzo secolo in capanna

Il rifugio fu costruito in tre anni da alcuni volontari. Poi è passato all'Utoe di Locarno, che lo ha ampliato
Luganese
10 ore

Collina d'Oro, da lunedì sport gratis per i domiciliati

Yoga, allenamenti intensivi, pilates, percorsi vita e presto corsi di Mountain Bike: il Comun crea 'Gazebo Sport', aperto a tutti ma gratis per i locali
Mendrisiotto
11 ore

Un InterCity per il Mendrisiotto: chiesto supporto ai politici

Sulla scia della petizione il gran consigliere Massimiliano Robbiani coinvolge Comuni e parlamento per fare squadra
Ticino
11 ore

Estradato in Italia latitante albanese catturato in Svizzera

L'uomo si è reso responsabile di una serie di pericolosi reati: violenza sessuale, sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina
Ticino
12 ore

Dalla Supsi un dispositivo per testare il Covid in tempo reale

A ottobre parte un progetto di ricerca congiunto assieme al Poli di Losanna e lo Ior che mira a sviluppare l'apparecchio portatile in due anni
Locarnese
12 ore

Locarno, la Polizia in piazza

Torna l'iniziativa che vuole rafforzare il concetto di prossimità territoriale
Luganese
13 ore

Assunzione, celebrazione eucaristica in San Lorenzo a Lugano

Sarà presieduta alle 10 dal vescovo Valerio Lazzeri. Annullata invece la processione al monastero di Santa Maria Assunta in Claro
Bellinzonese
13 ore

A 160 km/h sull'A2, pirata della strada denunciato

In territorio di Quinto è stato intercettato un 54enne svizzero, domiciliato nel Locarnese, che viaggiava a 160 chilometri orari dove il limite è di 80
Luganese
13 ore

Tesserete, annullata la festa multietnica 'Km 0'

Quella che sarebbe dovuta essere la quarta edizione è stata rinviata a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19
Locarnese
13 ore

La Locarno-Venezia salpa a Ferragosto

Trekking di 700 chilometri verso la Serenissima. La quindicesima edizione si carica di simboli
Grigioni
15 ore

Al Lucomagno sarà migliorata la protezione dalla caduta massi

L'intervento di protezione costerà 720'000 franchi: un progetto si trova al portale sud della galleria di Caschlatsch, l'altro su un'area del comune di Medel
Grigioni
15 ore

Passo del Forno, gravi ferite per due motociclisti

L'incidente è accaduto ieri poco prima di mezzogiorno dopo che i motociclisti si son scontrati con un Camper a Zernez
Mendrisiotto
15 ore

La musica al tempo del Covid-19 in corte a Meride

La rassegna 'Cibo per l'anima' ospita Swing Power Manouche Project e Anton Jablokov per una prima svizzera davanti al pubblico
Ticino7
28.04.2018 - 17:200
Aggiornamento : 29.04.2018 - 08:38

Apprendisti d’azzardo. Il lato oscuro del gioco

Una recente ricerca ticinese evidenzia i pericoli creati da scommesse, lotto e «gratta e vinci» tra studenti e giovani adulti.

Pubblichiamo un articolo apparso venerdì 27 aprile su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il finesettimana

Il gioco d’azzardo è ormai a tutti gli effetti considerato potenzialmente problematico. E i costi economici derivati dalle patologie legate al gioco si aggirano tra i 545 e i 658 milioni di franchi all’anno.

Negli ultimi due decenni il fenomeno del gioco si è andato sempre più diffondendosi nei Paesi occidentali, favorito dalle politiche che hanno liberalizzato l’offerta. A questa diffusione hanno senz’ombra di dubbio contribuito lo sviluppo del gioco online e la crescente pubblicizzazione dei giochi d’azzardo. E così le innumerevoli possibilità di giocare hanno fatto aumentare anche il numero dei potenziali giocatori, e quindi anche dei potenziali giocatori problematici. Tra coloro che maggiormente sono a rischio ci sono le giovani generazioni, un bacino d’utenza che si affaccia al mondo del lavoro, più sensibile e sicuramente maggiormente a rischio.

Stefano Casarin, dell’Istituto di Ricerca sul gioco d’Azzardo e del Gruppo Azzardo Ticino – Prevenzione, ha condotto uno studio per capire in che misura la pratica dei giochi d’azzardo sia presente tra gli apprendisti del territorio.

Signor Casarin, che cos’è il gioco d’azzardo?

«Vengono considerati d’azzardo tutti quei giochi in denaro che prevedono “l’intervento” della fortuna, come il lotto, i gratta e vinci, le scommesse sportive, la tombola, il poker. Ma anche la roulette, le corse dei cavalli o il bingo. Solo per citarne alcuni. Il gioco d’azzardo, dal 1980, è stato inserito nel Manuale diagnostico e statistico dei problemi mentali tra i disturbi del comportamento e la dipendenza è considerata al pari delle dipendenze da sostanze come gli stupefacenti e l’alcool, con le quali condivide i comportamenti problematici persistenti e ricorrenti che sfociano in importanti difficoltà di ordine clinico».

Perché nei giovani è maggiore il rischio dello sviluppo di una problematica legata al gioco?

«L’adolescenza è un periodo particolarmente critico per lo sviluppo di comportamenti a rischio perché, come sappiamo, è un momento di passaggio e dunque di crisi. Si vive un’instabilità che può essere gestita in molti modi. Per superare le difficoltà i ragazzi cadono spesso vittime di comportamenti rischiosi, un modo di agire e di porsi che sfida i limiti dello spazio in cui la loro sicurezza è teoricamente assicurata. Paola Carbone (già autrice del saggio Le ali di Icaro. Capire e prevenire gli incidenti dei giovani, Bollati Boringhieri 2009, ndr) ipotizza due tipi di comportamento a rischio: il rischio costruttivo, ovvero quello nel quale si cercano le proprie potenzialità e i propri limiti; e quello distruttivo, che esprime il bisogno di fuggire da sé stessi o di colmare un vuoto. Il gioco d’azzardo si inserisce proprio tra quei comportamenti distruttivi ai quali i giovani possono più facilmente tendere. Il mercato, inoltre, soprattutto con l’avvento di internet, li pone sempre più a contatto con prodotti di gioco».

Quali sono gli atout che i giochi d’azzardo hanno per gli adolescenti?

«I giovani sono attratti da molte tipologie di gioco. Tra le preferite dagli adolescenti ci sono le scommesse sportive, le lotterie e i gratta e vinci. Ma anche giochi di carte come il poker. La maggior parte dei giocatori sono maschi. L’età in cui fanno la prima giocata, secondo la letteratura internazionale, si situa tra i 10 e i 14 anni, mentre la cifra spesa dalla maggior parte dei giocatori in Ticino si attesta tra 0 e 49 franchi al mese (la maggioranza dei miei intervistati dichiara di spendere tra 0 e 19 franchi al mese). Tra gli elementi che concorrono a rendere il gioco attraente per i più giovani ci sono sicuramente la rapidità, per esempio nei gratta e vinci, la sensazione di potere, l’illusione di una ricompensa immediata, tutti fattori che vanno ad aumentare l’illusione di controllo. Nei giochi online, inoltre, concorrono la grafica accattivante e la musica studiata per suscitare una gratificazione anche laddove c’è stata una perdita, parificandola in questo modo a una vincita. Questi elementi hanno un effetto che tende a rafforzare il comportamento di gioco e facilitano inoltre l’insorgere di comportamenti a rischio. Anche la pubblicità ha un effetto pericoloso per i più giovani, perché invia messaggi che vogliono il gioco d’azzardo come qualcosa di glamour e sdoganano così l’illusione di un’innocuità del prodotto».

Ma nel nostro cantone qual è  il rapporto degli adolescenti rispetto al gioco d’azzardo?

«La mia ricerca ha confermato quello che la letteratura già aveva osservato. Dal campione osservato, 341 studenti della SPAI di Locarno, è emerso che la maggior parte di coloro che hanno giocato almeno una volta nella vita ad un gioco d’azzardo o di denaro sono maschi, ma va rimarcato che in proporzione anche il numero di femmine è significativo e merita di essere preso in considerazione. I giovani ticinesi prediligono sicuramente le scommesse sportive e il poker, che ha avuto un boom mediatico importante proprio negli ultimi anni. Spesso i giocatori professionisti sono giovani uomini che veicolano un messaggio forte: ovvero quello di poter diventare ricchi senza grandi sforzi e soprattutto con un’attività divertente. Anche le scommesse sportive rappresentano un mondo più tipicamente maschile, e sono spesso legate a partite di calcio che presuppongono una conoscenza del gioco e del mercato calcistico. In entrambi i giochi la componente di sfida riveste un ruolo fondamentale. Per le ragazze, invece, le lotterie, la tombola e il lotto rappresentano la scelta preferita. Sono giochi di puro azzardo. Si potrebbe fare un parallelo con i giocatori adulti: tra essi, le donne scelgono di preferenza giochi di puro azzardo come le slot machine, mentre gli uomini prediligono giochi nei quali la sfida prevale. I gratta e vinci, invece, attirano in maniera trasversale i due sessi. Quello che è importante notare è che nonostante l’insorgenza di comportamenti problematici si attesti in età più avanzata, nei giovani esiste una componente che non è da sottovalutare. Il gioco regolare può infatti generare un potenziale pericolo di insorgenza, un fattore che occorre tenere ben presente soprattutto per lo sviluppo di adeguati programmi di prevenzione e di monitoraggio del fenomeno».

© Regiopress, All rights reserved