licenze-edilizie-e-ricorso-diretto-al-tram-tribunale-paralizzato
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 min

Paolo Sauvain alla testa della Fondazione Monte Generoso

Cambio della guardia all’interno del Consiglio dopo le dimissioni del già presidente Riccardo Rossi e di altri tre membri
Ticino
6 min

Pioggia e grandine spazzano le strade: diversi tratti chiusi

Caduta di alberi segnalate in Gambarogno e a Monte Carasso. E a Riazzino allagato il sottopassaggio delle Ffs
Bellinzonese
12 min

Tunnel del Gottardo chiuso per un veicolo in avaria

Lo segnala il Tcs su Twitter
Mendrisiotto
46 min

Mendrisio è divenuta la casa di settanta profughi ucraini

Il Municipio restituisce il quadro della situazione. Oltre duecento gli alloggi messi a disposizione; sedici i bambini scolarizzati
Ticino
1 ora

Ukraine Recovery Conference, ecco un sito e una helpline

Attivati dalla Polizia, il loro scopo è quello di migliorare la comunicazione, con lo scopo di assicurare e mantenere i servizi di sicurezza
Ticino
1 ora

Ripresa la circolazione dei treni sulla linea del Gottardo

Risolto il problema che alle prime ore di stamane aveva provocato la paralisi dei convogli da e per il Ticino
Ticino
2 ore

Piogge torrenziali, grandine e forte vento sul Ticino

Allarme di intensità ‘rossa’ per le prossime ore in alcune regioni a ridosso del confine con l’Italia
Bellinzonese
3 ore

Il temporale lascia ‘muto’ internet a Gudo

Ha provocato qualche disagio il fronte di maltempo che nella notte ha attraversato il nostro cantone
Ticino
3 ore

Guasto tecnico alla linea Flüelen-Biasca, treni soppressi

Interrotto fino almeno a mezzogiorno il traffico ferroviario da e per il Ticino lungo il Gottardo. Mattinata di perturbazioni
Luganese
5 ore

Lidi e piscine nel Sottoceneri: dov’è l’acqua più ‘salata’?

Famiglie, persone in Avs, studenti: quanto pagano per una giornata di tuffi? Dall’economica Riva San Vitale alla chic Riva Caccia, viaggio fra le tariffe
Ticino
5 ore

‘Due milioni di franchi per proteggere gli allevamenti dal lupo’

Li chiede al Cantone una mozione di Gardenghi (Verdi), firmata anche dal Ps. Donati (Protezione dai grandi predatori): ‘Non servono soldi, ma meno lupi’
Bellinzonese
5 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
12.04.2018 - 06:10
di Andrea Manna

Licenze edilizie e ricorso diretto al Tram? 'Tribunale paralizzato'

Il giudice Matteo Cassina: spero che il Dipartimento del territorio riveda la propria proposta

Il ricorso diretto al Tribunale cantonale amministrativo in materia di licenze edilizie? «Il Tram rischierebbe la paralisi», afferma il giudice Matteo Cassina. Presidente del Tribunale d’appello e vice di quello amministrativo, il Tram appunto, Cassina non usa giri di parole nell’indicare le conseguenze di una delle proposte centrali del progetto di riforma della Legge edilizia elaborato dal Dipartimento del territorio. Con l’obiettivo di “accelerare i tempi complessivi di evasione delle domande di costruzione”, il Dipartimento prospetta fra l’altro un cambiamento della procedura in caso di contestazione della decisione del Municipio: se oggi deve essere impugnata dinanzi al Consiglio di Stato e poi eventualmente davanti al Tram, un domani il ricorso andrebbe presentato direttamente a quest’ultimo (il verdetto finale spetterebbe come ora al Tribunale federale). Uno scenario che non entusiasma per nulla il Consiglio della magistratura, che nel proprio rapporto sull’andamento della giustizia ticinese nel 2017 scrive: “Nell’ottica del già importante carico di lavoro cui deve far fronte il Tram – con immediate ripercussioni sulle tempistiche di evasione – preoccupa il progetto di revisione della legge edilizia, in consultazione, che prevede di abolire il Servizio dei ricorsi del Consiglio di Stato quale prima istanza cantonale, lasciando il Tribunale cantonale amministrativo quale istanza di ricorso unica. Questa modifica comporterebbe un aumento di entrate stimato in 380 incarti in più l’anno, ciò che appare manifestamente insopportabile”.

Uno scenario che non entusiasma neppure Cassina. «Più che come presidente del Tribunale d’appello, sono preoccupato come membro del Tram – rileva il giudice –. Già oggi siamo confrontati con una situazione oggettivamente molto pesante. È ormai da un triennio che superiamo agevolmente la quota di settecento nuovi incartamenti all’anno». Oltre settecento pratiche aperte annualmente «concernenti i diversi ambiti, e non sono pochi, del contenzioso amministrativo – ricorda il magistrato –. L’attribuzione di nuove competenze comprometterebbe l’operatività del Tribunale amministrativo». E per essere ancor più esplicito, Cassina avverte: «Qualora il Tram dovesse diventare la prima e unica istanza ricorsuale cantonale per il settore dell’edilizia, la paralisi della sua attività sarebbe inevitabile, mantenendo immutato l’organico dei magistrati». Che attualmente, compresi la presidente Flavia Verzasconi e Cassina, sono sei. Un incremento annuo, ancorché stimato, di 380 incarti, «imporrebbe l’assunzione di altri vicecancellieri, ma soprattutto un potenziamento del numero di giudici: almeno tre in più», osserva il vicepresidente del Tribunale amministrativo. «Tre nuovi giudici che in seno al Tram sarebbero tenuti a occuparsi esclusivamente di ricorsi in materia di licenze edilizie, perché – spiega il magistrato – il Tribunale dovrebbe – oltre che esaminare la causa dal profilo del diritto, come ora, essendo istanza d’appello – svolgere l’istruttoria al fine di accertare i fatti. E questo anche con dei sopralluoghi, che solo un giudice però può eseguire».

Tuttavia, tiene a puntualizzare Cassina, «un Tram composto di nove o addirittura dieci giudici non si giustificherebbe: sarebbe un numero sproporzionato, considerate dimensioni e popolazione del nostro cantone, e fonte di costi importanti. Anche per questo motivo spero che il Dipartimento del territorio riveda la propria proposta».

La Divisione giustizia: ‘Preoccupazioni condivisibili’

Commenta dal Dipartimento istituzioni la responsabile della Divisione giustizia Frida Andreotti: «Le preoccupazioni del Tribunale cantonale amministrativo riguardo al ricorso diretto sono da noi condivise». Oggi il Servizio ricorsi del governo «funge comunque da filtro». E allora «eventuali modifiche legislative non possono prescindere da un’adeguata messa a disposizione di risorse al Tram, già ora in affanno». A maggior ragione «dopo che il Gran Consiglio ha soppresso la figura del giudice supplente per la giustizia amministrativa e per quella civile».

© Regiopress, All rights reserved