ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Lite fra due persone in corso San Gottardo: c’è un arresto

L’alterco è scoppiato alle prime ore del giorno. In manette è finito un 21enne del Mendrisiotto
Luganese
1 ora

Reati finanziari ‘atipici’, chiesti 12 mesi per Davide Enderlin

Il 51enne imprenditore ed e consigliere comunale del Plr di Lugano deve rispondere di amministrazione infedele e falsità in documenti
Ticino
1 ora

Nuova condanna per Scimonelli, il mafioso nato a Locarno

L’uomo ‘bancomat’ di Matteo Messina Denaro, in carcere dal 2015, è stato riconosciuto colpevole anche di numerosi attentati incendiari
Ticino
1 ora

Il primo secolo delle Colonie dei sindacati e un 2023 di eventi

L‘associazione festeggia i 100 anni dalla prima ‘vacanza’ estiva. Nava: ’Tempo fa aiutavamo i giovani per salute e cibo, oggi insegnandogli la comunità’
Bellinzonese
1 ora

Ex direttore Stalvedro, pena ridotta ma carcere confermato

Ricorso in Appello parzialmente accolto. L’uomo è stato condannato a 27 mesi, di cui 3 da espiare e non 6 come deciso in prima istanza
Bellinzonese
3 ore

Capanna Cremorasco pronta per la primavera

I lavori di ammodernamento dello stabile del patriziato di Camorino sono quasi terminati. Inaugurazione prevista il 4 giugno
Mendrisiotto
5 ore

Ricercato, viaggiava su un treno proveniente dalla Svizzera

L’uomo è stato fermato dai finanzieri alla stazione di Como. Su di lui pendeva una condanna per vari reati legati a droga, ricettazione e furto
Ticino
8 ore

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
8 ore

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
15 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
15 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
16 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
18 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
20 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
21 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
21 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
laR
 
10.12.2022 - 05:25
Aggiornamento: 09:22

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali

da-sciaffusa-a-castel-san-pietro-per-la-masseria-di-vigino
Ti-Press
Di recente si sono aggiunti altri ponteggi, per la sicurezza

Il tetto è pericolante da un po’. E di recente, per sorreggerla nel sostenere il peso degli anni e i segni (profondi) del tempo che passa, la Masseria di Vigino, lì a Castel San Pietro, è stata avvolta da nuovi ponteggi. Eppure il suo fascino, testimonianza viva del passato rurale del territorio del Mendrisiotto che rimanda alla prima metà del XV secolo, sa ancora ammaliare. A una coppia di Sciaffusa è bastato incrociare, per caso, lo sguardo con questo antico complesso per invaghirsene. A tal punto da volerne sapere di più sulla sua storia (e le sue peripezie) e da farci persino il classico pensierino. Non è detto, insomma, che da quell’incontro casuale possa nascere qualcosa. Per il momento questo capitolo nella vita della masseria resta ancora tutto da scrivere. Di certo adesso c’è l’interesse, che è reale. Tant’è che marito e moglie, dall’angolo settentrionale al lembo meridionale della Svizzera, hanno fatto i loro passi e contattato il proprietario, lo Stato del Canton Ticino.

Una masseria, un sogno e una sala da concerti

Solo una settimana fa, in effetti, la coppia sciaffusana era in Ticino per vedere più da vicino Vigino. La loro non era la prima visita, questa volta, però, ad accompagnarli c’erano pure il capo dell’Ufficio dei beni culturali, Endrio Ruggiero, e un suo collaboratore. Una presa di contatto iniziale, se non una vera e propria trattativa, che ha fatto seguito allo scambio avuto con l’Ufficio del demanio e il suo responsabile - Antonio De Nigris - e che tutta l’aria di poter avere degli sviluppi. I due coniugi, come da noi accertato, hanno in effetti dichiarato la loro intenzione di acquistare il bene, con l’obiettivo di trasferirsi a vivere al di qua del Gottardo. Hanno già anche una idea su come trasformare la masseria, nella quale immaginano di realizzare una sala da concerti. La signora, infatti, è una compositrice.

Il costo? Un franco simbolico

Questo progetto di vita della coppia resterà un sogno? Difficile ora dare una risposta. Stando alle nostre informazioni, il dialogo aperto coni Servizi cantonali è stato sin qui costruttivo. Da un lato, del resto, c’è il governo cantonale pronto a cedere la sua proprietà, anche al prezzo simbolico di un franco; dall’altro vi è una coppia arrivata da fuori Ticino e innamorata delle vecchie testimonianze rurali del cantone. Nel mezzo una operazione onerosa: recuperare la masseria, dal 2007 iscritta tra i beni
culturali di interesse cantonale - quindi tutelata -, richiederà un investimento di vari milioni di franchi. I responsabili degli Uffici cantonali sono stati i primi a mettere al corrente la coppia sui vincoli esistenti, dentro e fuori le mura di Vigino.

Così, le parti si sono lasciate con un reciproco impegno: i Beni culturali metteranno a disposizione tutte le informazioni del caso, i documenti esistenti e anche i vecchi progetti tratteggiati sul futuro della masseria e rimasti tali; e dal canto loro i coniugi presenteranno un progetto curato da professionisti. Non rimane che stare a guardare come andrà a finire.

Castello intervenuto sulla sicurezza

Alla finestra c’è, d’altro canto, anche il Municipio di Castel San Pietro, ai cui orecchi è giunto dell’interessamento da Oltralpe. Una novità, quest’ultima, che pone qualche interrogativo. Perché anche nell’ente locale c’è la volontà di salvare Vigino, semmai sono i modi e le procedure ad aver alimentato qualche perplessità in questi anni. E perché si vorrebbe dare la precedenza un progetto... nostrano. «Per il nostro Comune, da solo, è una iniziativa impegnativa – ribadisce la sindaca Alessia Ponti –. Avremmo bisogno di un aiuto, anche solo a livello progettuale».

L’autorità comunale sa bene di essere stata la prima alla quale il Cantone ha offerto la masseria quasi a costo zero: una offerta, quella giunta la primavera scorsa, a cui non ha più fatto seguito nessun contatto. «Prima di accertare, però – fa memoria Ponti –, volevamo ricevere delle garanzie, soprattutto sulla messa in sicurezza dello stabile. Che da sola richiede una spesa di migliaia di franchi». Interventi, peraltro, urgenti e necessari. «Con le ultime piogge – ci fa sapere la sindaca – il nostro Ufficio tecnico ha sollecitato il Cantone. Il quale qualche settimana fa ha poi provveduto a posare di ponteggi supplementari».

Le mosse dell’ente locale

Anche l’esecutivo, comunque, non è rimasto fermo al palo. Sulla spinta del Consiglio comunale ci si accinge a dare vita a un gruppo di lavoro tecnico, che si concretizzerà a gennaio. Ovvero una volta che i partiti politici avranno indicato i loro rappresentanti. «A quel punto – ribadisce Alessia Ponti – si cercherà di portare avanti il dossier, per ridare vita alla masseria».

Ci si è mossi, però, pure in un‘altra direzione. Messa nero su bianco da parte del Consiglio di Stato la decisione di vendere Vigino a un franco, il Municipio ha tentato un riavvicinamento con la Fondazione privata già intenzionata a farsi carico del recupero della masseria, sul tavolo un progetto per la creazione di una ’Maison du terroir’, vetrina dei prodotti locali, e un investimento di 10 milioni di franchi. Una proposta poi ritirata, proprio davanti al costo della transazione, in ultima analisi di 800mila franchi. Naufragata l’iniziativa, l’interesse non si sarebbe mai spento.

Leggi anche:

Il governo cede Vigino a costo zero a Castel San Pietro

Naufraga il recupero della Masseria di Vigino

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved