ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
12 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
14 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
15 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
15 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
19 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
20 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
23 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 gior

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
1 gior

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
1 gior

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
1 gior

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
laR
 
05.12.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:10

Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale

Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde

mendrisiotto-la-qualita-dell-aria-resta-osservata-speciale
archivio Ti-Press
Il tema è anche invernale

Il fine settimana di pioggia ha riportato la situazione alla normalità. La scorsa settimana la qualità dell’aria ha fatto registrare un peggioramento. Il giorno più critico è stato quello di martedì. Come indica la pagina web dell’Osservatorio ambientale della Svizzera italiana (Oasi), martedì scorso alle stazioni di misura di Chiasso e Mendrisio ci si è avvicinati ai limiti stabiliti dall’Ordinanza federale l’inquinamento atmosferico (OIAt), registrando una media giornaliera di 44 e rispettivamente 48 μg/m3 (su 50) per le Pm10 e di 39, rispettivamente 40 μg/m3 per le Pm2,5. Dati che si sono poi gradualmente abbassati nel corso della settimana fino ad arrivare a valori bassi complici le piogge delle ultime ore. Quello dell’inquinamento e dello smog invernale resta sempre un tema di stretta attualità.

Quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde

Sono state quattromila le morti premature registrate nelle quattro province pedemontane lombarde confinanti con Ticino e Grigioni a causa della qualità dell’aria. È l’angosciante dato riferito al 2020 contenuto nell’ultimo aggiornamento del report sull’inquinamento atmosferico pubblicato in questi giorni dall’Agenzia Europea per l’Ambiente che evidenzia come la qualità dell’aria sia ancora "il più grande rischio ambientale per la salute degli europei". Ancora una volta la Pianura Padana, che comprende per intero la Lombardia e in parte Piemonte, Emilia Romagna e Veneto, resta la zona europea in cui si registra il maggior tasso di morti premature a causa della forte concentrazione di Pm2,5, azoto e ozono. Anche se in modo laterale le province di Como, Varese, Lecco e Sondrio, fanno parte della Pianura Padana. È scontato che le sostanze inquinanti che si registrano a Como, non si fermano in dogana a Brogeda, ma valicano la frontiera per riflettersi sulla qualità dell’aria del Mendrisiotto, non a caso la zona in cui in Ticino si registra l’inquinamento atmosferico più accentuato. Per questo motivo i dati dell’Agenzia Europea per l’Ambiente meritano la massima attenzione al di qua e al di la della frontiera. Anche perché, se rispetto agli ultimi due decenni le concentrazioni di sostanze inquinanti nella Pianura Padana sono state ridotte, soprattutto le polveri sottili Pm 2,5 (le più insidiose), così come evidenzia il report dell’Eea (Agenzia Europea per l’Ambiente), le morti premature nel 2020, rispetto all’anno precedente sono aumentate.

L’obiettivo dell’Europa: dati da ridurre entro il 2030

Nel 2019 nelle province di Como, Varese, Lecco e Sondrio le stime indicavano tra le 50 e le 100 morti premature ogni 100mila abitanti. Stime che nel 2020 sono salite tra i 150 e i 200 morti premature. Da qui il dato iniziale in 4mila morti premature nelle quattro province pedemontane lombarde (1’900 a Varese, 1’200 a Como, 680 a Lecco e 360 a Sondrio). Nel 2020 in Lombardia sono state registrate 15’170 morti premature (con 119mila anni di vita persi rispetto all’aspettativa di vita). Dati che si commentano da soli, ma che chiamano tutti a contribuire al raggiungimento dell’obiettivo che si è imposta l’Europa: ridurre del 55% le morti premature entro il 2030.

Cos’è successo in Ticino

Per capire cosa è successo in Ticino nello stesso periodo, e quindi nel 2020, abbiamo consultato il rapporto ‘Qualità dell’aria in Ticino’ pubblicato dal Dipartimento del Territorio. Nello stesso si legge che "seppur in aumento di un’unità rispetto al 2019, la media annua delle Pm10 di tutte le stazioni di misura della rete ticinese rimane, con 17 μg/m3 (microgrammi per metro cubo), simbolicamente al di sotto del limite dell’Ordinanza federale contro l’inquinamento atmosferico (OIAt) di 20 μg/m3". Per quanto riguarda le medie giornaliere, "la situazione in buona parte del Sottoceneri continua a essere non conforme al valore limite di 50 μg/m3", e questo nonostante "dal 2018 la legge permetta tre superamenti annui del limite giornaliero invece di uno solo". Dati delle singole regioni alla mano, "è evidente come in Ticino anche per le polveri fini esista un ‘gradiente’ sud-nord del carico ambientale, con 24 giorni di superamento a Chiasso e 23 a Mendrisio che si contrappongono allo zero di Airolo, a testimonianza di come il Sottoceneri sia la regione maggiormente interessata dall’inquinamento da polveri fini". Discorso analogo per le Pm2,5: il 2020 presenta infatti "un aumento delle concentrazioni rispetto all’anno precedente, con la metà delle stazioni di misura (Chiasso, Mendrisio, Bioggio, Pregassona e Bodio) al di sopra del limite OIAt.

Nel 2021 a Chiasso il limite è stato superato 25 volte

Le medie annue delle Pm10 per il 2021, indica il rapporto cantonale riferito alla qualità dell’aria nel nostro Cantone, "si attestano sui livelli dell’anno precedente, con le stazioni di Chiasso (23 μg/m3) e Mendrisio (21 μg/m3) per il secondo anno consecutivo nuovamente al di sopra del valore limite stabilito dall’Ordinanza federale contro l’inquinamento atmosferico (20 μg/m3)". A Chiasso i superamenti sono stati 25, a fronte dei 3 di Airolo. Le concentrazioni di Pm2,5 sono state "simili a quelle dell’anno precedente, con circa la metà delle stazioni di misura al di sopra del limite annuo".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved