ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
34 min

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
3 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
5 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
10 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
15 ore

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
29.11.2022 - 20:39

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia

al-centro-temporaneo-per-migranti-si-sente-la-pressione
Ti-Press
Nell’ultima settimana a Stabio si sono alloggiate sino a 48 persone

Nell’emergenza come nella normalità della quotidianità migrante, sin qui, il Canton Ticino è bastato a sé stesso. Sin dall’estate del 2016, quando aprire un Centro unico temporaneo per migranti in procedura di riammissione semplificata era diventata una urgenza, a oggi ci si è fatti carico dei costi della struttura. E gli oneri negli anni, come ci conferma Ryan Pedevilla, a capo della Sezione del militare e della protezione della popolazione, sono stati «non indifferenti» per far fronte alla sicurezza, ai bisogni sanitari e all’alloggio delle persone - uomini, donne, bambini e ragazzi non accompagnati - accolti prima nel capannone industriale adibito alle necessità dell’accoglienza (seppur provvisoria), lì in zona alla Rossa a Rancate, poi, dal settembre del 2020 negli spazi della Protezione civile a Stabio. E sono stati migliaia i migranti passati da quei luoghi prima di essere riconsegnati alle autorità italiane.

Un tema oggi federale

Poi il tema è diventato federale: adesso non è più solo il confine sud a essere il punto di ingresso dei flussi migratori. E la mozione firmata all’epoca dal senatore Fabio Abate (Plr), alla fine, ha fatto breccia. Sino al via libera unanime di martedì del Consiglio degli Stati a una modifica della Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione. Revisione che sancisce la partecipazione della Confederazione alle spese d’esercizio dei cosiddetti "centri di partenza" cantonali situati in prossimità delle frontiere. Un sostegno che si tradurrà in una somma forfettaria ai Cantoni che, in situazioni straordinarie, gestiscono alloggi temporanei per stranieri che possono essere allontanati senza una decisione formale.

‘La pressione è tornata’

«Non conosco le condizioni quadro della modifica di legge, ma sono ben contento che si sia entrati nel merito di questa tematica», ci dice Pedevilla. Anche perché oggi come nel 2016 il Ticino come la Svizzera orientale sono confrontati con nuovi arrivi. «In effetti, la pressione migratoria è la stessa – ci conferma il capo Sezione –, la differenza è che i migranti non entrano più solo da sud». In effetti, a Stabio di recente le presenze temporanee sono costanti, con alcuni picchi, più o meno importanti, chiarisce Pedevilla. Dal 21 di novembre a domenica negli spazi della Protezione civile – a cui si farà capo sino alla fine del 2024 – le cifre oscillano da un paio di decine alla quarantina e oltre. I migranti che vi approdano vi trascorrono, in genere, la notte e il giorno successivo a gruppi di sette vengono riconsegnati alle autorità italiane.

Si pensa sempre a strutture modulabili

Del resto, sin dai tempi di Rancate al Dipartimento delle istituzioni si ragiona su soluzioni logistiche alternative. Si sono fatti passi avanti?, chiediamo al capo Sezione. «Per compiere passi concreti dovremo attendere che il Centro federale d’asilo a Pasture sia ultimato e a piena capacità. Da parte nostra – annota Pedevilla –, resta la volontà di portare avanti la politica di strutture modulabili sulle diverse esigenze: dai migranti ai profughi, alle persone in riammissione semplificata».

Leggi anche:

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved