ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
10 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
12 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
16 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
21 ore

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
29.11.2022 - 10:21
Aggiornamento: 30.11.2022 - 19:04

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori

da-berna-un-sostegno-per-il-centro-di-partenza-di-rancate
Ti-Press

La Confederazione deve partecipare alle spese d’esercizio dei cosiddetti "centri di partenza" cantonali situati in prossimità del confine, come quello di Rancate nel Mendrisiotto. Lo ha deciso oggi il Consiglio degli Stati approvando all’unanimità una modifica della Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione. La riforma legislativa prevede esplicitamente la possibilità per Berna di sostenere finanziariamente con una somma forfettaria i Cantoni che in situazioni straordinarie – come nel 2016-2017 in Ticino – gestiscono alloggi temporanei per stranieri che possono essere allontanati senza che una decisione formale sia necessaria (ossia senza una decisione di un giudice, ndr). Ad essere interessati dalla novità sono in particolare i Cantoni di frontiera, maggiormente confrontati con questo tipo di consegna agli Stati limitrofi. Nel corso del dibattito, la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha più volte fatto riferimento al centro di Rancate, tanto che ha parlato anche di "Lex Ticino".

La legge prevede anche una modifica delle disposizioni sul fermo di breve durata: la competente autorità federale o cantonale potrà trattenere in un centro cantonale di partenza per un massimo di tre giorni chi è sprovvisto di permesso di soggiorno di breve durata, di dimora o di domicilio. Questo tipo di fermo è ammissibile solo quando esiste un accordo di riammissione facilitato con uno Stato limitrofo (come quello concluso con l’Italia, ndr). Su questo punto c’è ancora una divergenza, per cui il dossier ritorna alla Camera del popolo: i "senatori" non vogliono escludere da tale fermo di breve durata – fino a tre giorni – fanciulli e adolescenti sotto i 15 anni per non dividere le famiglie. Se per Stefan Engler (Centro/GR) si tratta invece di preservare la dignità dei fanciulli, per la maggioranza le strutture in questione non sono centri di detenzione, bensì luoghi che consentono alle persone interessate di avere un tetto e una cena. Keller-Sutter ha poi fatto notare che i casi di bambini o giovani finiti in questi centri negli ultimi anni si contano sulle dita di una mano.

 

La modifica legislativa trae origine da una mozione depositata dall’ex "senatore" Fabio Abate (PLR/TI) e approvata dal Parlamento nel 2018. Nel suo atto parlamentare Abate faceva riferimento proprio all’apertura a Rancate di un centro asilanti provvisorio nel 2016. All’epoca la Confederazione aveva concluso un accordo eccezionale con le autorità ticinesi in merito a un aiuto finanziario. La legge adottata oggi dai "senatori" permette di assicurare le basi legali per eventuali altri sostegni di questo tipo, ha spiegato la ministra di Giustizia e polizia.

Leggi anche:

Un sostegno per la gestione del centro di Rancate

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved