ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
2 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
2 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
2 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
3 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
4 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
4 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
29.11.2022 - 17:26
Aggiornamento: 18:47

Mendrisio: l’imputato ha scherzato col fuoco, e si è bruciato

Inflitta una pena di 13 mesi sospesi condizionalmente per due anni a un 23enne che nel 2017 ha bruciato dei cartoni, cagionando un incendio

mendrisio-l-imputato-ha-scherzato-col-fuoco-e-si-e-bruciato
Ti-Press
Un modo di dire che diventa realtà

Per un giovane del Mendrisiotto il 28 aprile 2017 è stata una serata di bagordi finita male. Accompagnato da due coetanei e amici d’infanzia, il ragazzo, oggi 23enne, ha letteralmente giocato con il fuoco. Alla stazione Ffs di Mendrisio, attorno a mezzanotte, il ragazzo ha provocato un incendio, causando danni per oltre 11’000 franchi. A testimoniare il susseguirsi degli eventi è stata una telecamera di sicurezza della stazione, che ha ripreso il giovane accendere, soffiare sulla fiamma e abbandonare poco dopo il luogo. Il presidente della Corte delle Assise correzionali Mauro Ermani ha giudicato il 23enne colpevole di incendio intenzionale, infliggendogli una pena di 13 mesi sospesi condizionalmente per un periodo di prova di due anni, e confermando così il decreto d’accusa firmato dal procuratore pubblico Zaccaria Akbas. L’avvocato della difesa Niccolò Giovanettina ha, invece, chiesto l’assoluzione del proprio assistito.

Danneggiato un distributore di merendine e parte della facciata Ffs

Quella fatidica sera di aprile il 23enne ha infiammato un contenitore di cartone colmo di carta posto sopra il distributore di giornali, sul quale, a sua volta, era posato un contenitore di polistirolo. Dopo aver acceso la fiamma ci ha soffiato sopra e si è allontanato per rientrare a casa. E mentre lui avanzava verso la sua abitazione, in stazione avanzava la fiamma, che si è poi propagata, alimentata dal cartone, dai giornali e dal polistirolo, fino a raggiungere anche il distributore automatico di merendine, danneggiando sia l’apparecchio che il contenuto. Danneggiata anche parte della facciata della stessa stazione Ffs.

«Come dimostra il filmato – ha affermato il giudice Mauro Ermani –, è stato lui ad accendere la fiamma e ci ha soffiato sopra. Non è come soffiare su una candelina. A fronte di quello lui se ne è andato. Il comportamento è da considerarsi intenzionale, anche sul risultato finale che non è certo di lieve entità. Come non lo sono l’atteggiamento da balordo e la messa in pericolo in un luogo in cui circolano delle persone».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved