ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Pomeriggio di ballo liscio a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Appuntamento per giovedì 9 febbraio al ristorante Alla Botte
Bellinzonese
1 ora

Omaggio a più voci a Enrico Della Torre a Camorino

Appuntamento per lunedì 13 febbraio alle 19 al centro culturale areapangeart
Locarnese
1 ora

La sfida: ricreare (e degustare) i 101 stili di birra ufficiali

L’iniziativa, promossa dal BeerLab di Gordola, è aperta a tutti e si ripeterà settimanalmente il giovedì sera
Luganese
1 ora

Appuntamento su sostenibilità e architettura in ambito alpino

Questi i temi che verranno trattati all’Istituto internazionale di Architettura a Lugano martedì 14 febbraio alle 18.30
Locarnese
1 ora

L’Arte dell’ascolto profondo, evento online con Daniel Levy

Lo propone l’Accademia Internazionale di Eufonia di Locarno giovedì 9 febbraio dalle 20
Bellinzonese
2 ore

L’Ambri Piotta sostiene la lotta contro una malattia rara

Il 17 febbraio i giocatori indosseranno una maglia speciale: il ricavato dell’asta andrà all’associazione ‘Noi ci siamo’ che sensibilizza sulla Fop
Ticino
2 ore

Superamento dei livelli, il Plr boccia la proposta commissionale

In Gran Consiglio arriverà anche il rapporto di minoranza di Polli: da Lega, Ps, Centro e Verdi ‘proposta evidentemente fragile, non ha obiettivi’
Mendrisiotto
2 ore

Anche i Quartieri di Mendrisio si mettono la maschera

Dopo il Carnevale di Genestrerio, andato in scena domenica scorsa, è giunta l’ora di Besazio, Capolago e Ligornetto
Mendrisiotto
2 ore

A Novazzano torna ‘Ul Zanzara’

Per gli amanti del Carnevale sarà possibile festeggiare già a partire da martedì sera
25.10.2022 - 17:26
Aggiornamento: 17:41

Truffa per quasi due milioni: sulle tracce dell’imputato

Tutti presenti oggi in aula penale, giudice, difesa e pubblica accusa. Mancava solo il 66enne accusato di aver ingannato almeno 19 persone

truffa-per-quasi-due-milioni-sulle-tracce-dell-imputato
Ti-Press

Tutti presenti oggi in aula penale per un processo per truffa: giudice, difesa e pubblica accusa. A mancare era però l’imputato che, da informazioni da noi raccolte, sembrerebbe essere irreperibile sia per corrispondenza sia telefonicamente. Un caso, quindi, di contumacia, quello odierno alla Corte delle Assise correzionali di Mendrisio. L’imputato, un 66enne cittadino italiano, non ha presentato alcuna giustificazione. Ma in sua assenza l’atto d’accusa, firmato dal procuratore pubblico Daniele Galliano, ne ripercorre comunque i presunti capi d’imputazione per truffa aggravata per quasi due milioni di franchi. Il 66enne, tra l’agosto 2012 e il marzo 2014 e tra Chiasso e Lugano, si sarebbe procacciato un indebito profitto (agendo anche in correità con più complici) attraverso operazioni finanziarie a discapito di almeno 19 clienti.

Tracciato il modus operandi

L’uomo si sarebbe rivolto inizialmente a un fiduciario, con la richiesta di aprire una succursale a Chiasso di un’azienda attiva nella consulenza per l’ottenimento di crediti bancari in favore di clienti. Succursale di cui sono divenuti dirigenti i due complici, l’amico e la ex-fidanzata. Parallelamente, il 66ene avrebbe preso contatto con un altro fiduciario, dicendogli di essere interessato ad acquistare delle società vuote allo scopo di vendere a una potenziale clientela italiana. Dal fiduciario avrebbe ottenuto il pacchetto azionario di ben cinque aziende, oggi quasi tutte radiate.

Grazie a questi sotterfugi, l’uomo avrebbe descritto delle operazioni finanziarie complesse e proposto degli investimenti finanziari fittizi, facendo credere che la succursale – con a capo i suoi complici – e una delle aziende da lui acquistate avevano accesso a ingenti investimenti, garanzie bancarie e linee di credito milionarie. In questo modo, si sarebbe fatto versare dai propri clienti un anticipo in denaro al fine di concretizzare le operazioni finanziarie promesse. Promesse che in sostanza, secondo l’accusa, non si sarebbero mai realizzate. Inoltre, per contattare il maggior numero di persone possibili, il 66enne avrebbe ingaggiato anche consulenti e procacciatori di clienti.

Diciannove clienti truffati

La sua clientela era composta da almeno 19 persone in difficoltà finanziaria. Dieci di loro sarebbero stati truffati attraverso la succursale con sede a Chiasso, versando ingenti somme per degli investimenti finanziari mai effettuati. Alcuni gli avrebbero versato addirittura 300’000 euro, con la speranza – mal riposta – di ottenere milioni in cambio. Ai restanti nove sarebbe capitata la stessa sorte, ma attraverso un’altra azienda di investimento. Le linee di credito proposte alle vittime derivavano dai più disparati progetti: dalla costruzione di un campo da golf in Croazia, alla riattivazione di un impianto minerario in Canada.

La Corte delle Assise correzionali di Mendrisio, presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti, si riunirà attorno al caso il prossimo 27 gennaio. L’imputato, rappresentato dall’avvocato Marco Masoni, si presenterà questa volta?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved