ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
19 min

Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive

È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
21 min

Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus

Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
35 min

A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto

Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
41 min

Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno

Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
44 min

Ecco il bando per progettare il nuovo ospedale di Bellinzona

L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050
Ticino
1 ora

Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto

La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, consigli per evitare le truffe

Incontro rivolto agli anziani nella sala del Consiglio comunale. Lo organizzano diversi enti, in collaborazione con la Polizia cantonale
Bellinzonese
2 ore

‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli

Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
4 ore

Pizzicato al confine con 750 mila franchi non dichiarati

Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
6 ore

La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina

Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
6 ore

Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro

Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
GALLERY
Mendrisiotto
13 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
13 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
13 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
13 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
laR
 
11.10.2022 - 12:14
Aggiornamento: 14:09

Spesa pubblica, a Mendrisio ‘dov’è il piano d’azione?’

Il Centro e Verdi liberali tornano alla carica. E chiedono al Municipio a che punto sono le proposte di risparmio di cui si parla da oltre due anni

spesa-pubblica-a-mendrisio-dov-e-il-piano-d-azione
Ti-Press
Futuro e finanze, un nodo da sciogliere

Il Centro e i Verdi liberali a Mendrisio non intendono mollare l’osso della riduzione della spesa pubblica. Per gli ex Ppd sono oltre due anni che il Municipio della Città non fa i compiti. Nonostante sul tavolo dal febbraio del 2021 ci sia il rapporto firmato dal consulente esterno, al quale lo stesso esecutivo si è rivolto per individuare le misure utili a risparmiare, ottimizzando le risorse sia umane che finanziarie a disposizione. Apertamente contrario al prospettato aumento del moltiplicatore di due punti a partire dal 2023, il gruppo mostra, quindi, di attendere l’autorità locale al varco. Tanto da tornare, ieri, alla carica con una interpellanza. Sulla lista delle domande girate al governo cittadino ne spicca una: a che punto sono le "proposte di riorganizzazione e contenimento della spesa?".

‘Solo promesse e retorica’

Il drappello di consiglieri comunali guidati da Gianluca Padlina non nasconde di avere la netta impressione che l’esecutivo stia "menando il can per l’aia". In effetti, "da oltre due anni a questa parte – si motiva nell’atto parlamentare –, sul fronte delle misure di riorganizzazione e, soprattutto, su quello delle misure di contenimento della spesa, la minestra che il Municipio continua a propinare al Consiglio comunale è sempre la stessa: vacue promesse e fumosa retorica. A non averne dubbio alcuno, è decisamente ora che sui banchi del legislativo comunale arrivi qualcosa di più sostanzioso".

Suggerimenti e misure

L’intenzione, oltre che la necessità, anche per Mendrisio di dover stringere la cinghia è dichiarata, d’altra parte, da tempo. Confrontato com’è il capoluogo con un deficit che Centro e Verdi liberali ricordano essere "strutturale". Sullo sfondo gli scenari della pandemia prima e della guerra in Ucraina e della crisi energetica poi, la Città si è messa all’opera. Infatti, si fa notare nell’interpellanza, già l’anno scorso sono state previste "diverse riunioni e un ampio coinvolgimento dei quadri dell’amministrazione comunale" con l’obiettivo di mettere a punto il piano d’azione.

In effetti, tra le mani il Municipio ha, dal dicembre scorso, le previsioni finanziarie ed economiche sino al 2027. Che si aggiungono alla ricetta cucinata dall’esperto (del centro di competenze IQ Center) e che suggerisce una ‘dieta’ da 2 milioni e mezzo. Sacrifici che, al momento, non contempleranno comunque il potenziale taglio lineare da mezzo milione su manifestazioni e società: su questo punto l’esecutivo è stato chiaro. Per ora, ha fatto sapere in settembre rispondendo agli interrogativi della Lista civica Per Mendrisio, non si applicherà quella misura di risparmio, "perché arrecherebbe un duro colpo alla vitalità dei Quartieri e all’esistenza stessa di parecchie associazioni e manifestazioni".

Bilanci, ‘e i dettagli?’

Giunti sin qui, ecco che Il Centro vorrebbe sapere se si è già proceduto a un ulteriore aggiornamento del Piano finanziario, "tenuto conto della radicale modifica delle condizioni congiunturali". E a proposito di cifre e pezze d’appoggio, a fronte di un quadro complessivo "oltremodo sconfortante", gli autori dell’interpellanza si domandano per quale motivo l’esecutivo comunale, "senza fornire alcuna spiegazione", durante le sedute di Consiglio comunale, in coincidenza con la discussione dei bilanci preventivi e consuntivi, abbia "interrotto la prassi ultra decennale, che prevedeva una presentazione completa dei dati previsionali e dei dati di esercizio". Una procedura che "si auspica venga immediatamente ripristinata".

Rimasto così in sospeso l’invito del gruppo a rinunciare a un ritocco del moltiplicatore (dal 75 al 77 per cento), il maggio scorso, in occasione del legislativo – nel piatto il Piano finanziario 2020-2027 –, dal Municipio, rilanciano Padlina e i colleghi Fabrizio Poma, Davide Rossi e Daniele Raffa, "non è giunta alcuna informazione concreta sullo stato di avanzamento dei lavori, ma unicamente l’indicazione che il processo fosse ancora in corso". Agli orecchi dei consiglieri è risuonato "un fiume di parole sui massimi sistemi (grandi progetti di revisione degli indirizzi strategici, visioni, strategia delle Aim, qualità di vita…), condito da qualche luogo comune". Senza trascurare il fatto che "da parte dei membri dell’esecutivo comunale non è stata menzionata nemmeno una cifra corretta".

‘Quale sarà la strategia?’

E allora Centro e Verdi liberali chiedono al Municipio se "intende affrontare il problema del deficit strutturale del Comune, presentando delle misure di contenimento della spesa, oppure pensa semplicemente di accontentarsi di proporre di aumentare di 2 punti percentuali il moltiplicatore di imposta". Ma soprattutto, rilanciano, la Città "è consapevole che, a fronte dell’inflazione galoppante, dei previsti aumenti dei premi di cassa malati, dell’aumento del prezzo della benzina e dopo aver già aumentato la tassa sul sacco e le tariffe per la fornitura dell’elettricità, un aumento del moltiplicatore sarebbe assolutamente insostenibile per una larga parte della cittadinanza?".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved