ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
14 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
17 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
21 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
09.10.2022 - 14:41
Aggiornamento: 16:41

Assenza del vescovo: ‘Lo abbiamo saputo all’ultimo’

Monsignor Valerio Lazzeri non ha celebrato le cresime di ieri a Mendrisio. Attesa per domani la conferma delle sue dimissioni

assenza-del-vescovo-lo-abbiamo-saputo-all-ultimo
A presiedere la funzione c’era don Nicola Zanini, vicario generale della Diocesi di Lugano

«Sono arrivato qui pensando che ci sarebbe stato il vescovo, invece alle 17.30 ci hanno informati che sarebbe stato assente», ci racconta un fedele. Atteso ieri sera per celebrare le cresime dei giovani di Mendrisio, monsignor Valerio Lazzeri ha chiesto invece a don Nicola Zanini, vicario generale della Diocesi di Lugano, di prendere il suo posto. «Ci hanno detto che non se l’è sentita. Si è parlato tanto della sua ultima messa ed essendoci molte persone lo posso capire, anche perché avrebbe dovuto dire qualcosa al riguardo», ci dice una signora. «Mi è sempre sembrata una persona molto timida e riservata e umanamente comprendo la scelta di non venire. Mi dispiace se lascia, però immagino non sia facile fare il vescovo».

Da alcune settimane, infatti, vi sono indiscrezioni circa il fatto che monsignor Lazzeri abbia deciso di rinunciare all’incarico. Poi venerdì il quadro si è parzialmente chiarito. Non è chiaro, al momento, quali siano le motivazioni dietro alla decisione di Lazzeri, le cui dimissioni risalirebbero a diverse settimane fa. Tanto che papa Francesco le avrebbe nel frattempo accolte. La conferma è attesa per domani, lunedì, con la pubblicazione a mezzogiorno del bollettino quotidiano della Santa Sede. La Curia finora non ha confermato né smentito. «Sono stupito, non me l’aspettavo. Lo vedevo in forma anche se, in realtà, si sente parlare di problemi di stress», prosegue il fedele presente alla celebrazione nella chiesa parrocchiale dei Santi Cosma e Damiano. «Mi è dispiaciuto che non sia venuto».

‘Inopportuno mediatizzare’

Circa l’assenza, il portavoce della Diocesi, Luca Montagner, ha affermato: «Nostre fonti ci hanno comunicato di una presenza rilevante di giornalisti a Mendrisio. Per rispetto ai cresimandi e al sacramento che avrebbero ricevuto, ci è sembrato inopportuno e scorretto mediatizzare un momento così importante per loro. Tutto qua». «Abbiamo sentito le voci riguardo al fatto che non seguirà più la Diocesi», ci dice un’altra signora presente ieri sera. «Ci saranno certamente dei motivi dietro a questa scelta, che sarà stata meditata, ma immagino comunque sofferta. In ogni caso nessuna polemica, credo che la Diocesi sia comunque ben rappresentata. Gli facciamo dunque tutti gli ‘in bocca al lupo’, sperando che sia una decisione serena».

Alain De Raemy per la carica ‘pro tempore’

Senza Lazzeri, in carica dal 2013, cosa succederà? Per garantire l’amministrazione della Diocesi di Lugano ‘pro tempore’, ovvero fino a quando il papa non sceglierà e nominerà il nuovo vescovo, sarà designato un amministratore episcopale. Per questo ruolo è stato scelto Alain De Raemy, vescovo ausiliare della Diocesi di Losanna, Ginevra e Friborgo; la prima scelta, poi caduta, era caduta su Pierre Farine, di origini ticinesi, oggi vescovo emerito e già ausiliare, fino al 2015, della medesima Diocesi romanda. Non è invece stato coinvolto, pur essendosi messo a disposizione, il vescovo emerito Pier Giacomo Grampa, che aveva lasciato l’incarico come vescovo di Lugano dieci anni fa per raggiunti limiti d’età. Più voci nel clero indicano un certo scetticismo per la decisione di affidare provvisoriamente le redini della Curia a un esterno, sebbene Alain De Raemy conosca bene la realtà ecclesiale ticinese.

Leggi anche:

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved