ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
16 min

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
2 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
2 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
10 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
11 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
11 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
11 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
11 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
11 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
11 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
11 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Mendrisiotto
12 ore

Ligornetto, mattinata musicale al museo Vela

Domenica 4 dicembre le note del clarinetto, del violoncello e del pianoforte allieteranno gli spettatori della 44esima Stagione concertistica di musica
Mendrisiotto
12 ore

L’artista dei presepi in mostra a Morbio Inferiore

Giuseppe Bollini, sacrestano presso la chiesa San Giorgio, espone le sue opere alla Fondazione Casa San Rocco
07.10.2022 - 17:09
Aggiornamento: 19:16

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore

lascia-il-vescovo-lazzeri-due-nomi-per-la-gestione-pro-tempore
Ti-Press

Il Vescovo di Lugano Valerio Lazzeri, in carica dal novembre 2013, sarebbe a un passo dalle dimissioni. Ignote al momento le motivazioni. Secondo informazioni in nostro possesso, sarebbero due i nomi che circolano nell’ottica di garantire l’amministrazione della Diocesi di Lugano ‘pro tempore’ fino alla designazione del nuovo vescovo ticinese da parte del Papa: Alain De Raemy, vescovo ausiliare della Diocesi di Losanna, Ginevra e Friborgo, e Pierre Farine, vescovo emerito e già ausiliare fino al 2015 della medesima diocesi. Sempre stando a nostre informazioni, Farine inizialmente sarebbe stato il nome su cui puntare principalmente, ma nelle ultime ore la scelta si sarebbe indirizzata sempre più verso il nome di De Raemy. In sé ci potrebbe essere un terzo nome, quello del ticinese Pier Giacomo Grampa, a sua volta vescovo emerito dopo aver smesso i panni di vescovo di Lugano dieci anni fa per raggiunti limiti d’età.

Interpellato dalla ‘Regione’, don Mino Grampa si dice pronto ad assumere l’incarico provvisorio, ma specifica anche di non essere mai stato interpellato fino a oggi dalle autorità ecclesiali elvetiche. Aggiunge inoltre di aver saputo di recenti visite fatte da Farine a Lugano. Quest’ultimo, zio del parroco di Losone Jean-Luc Farine, ha origini ticinesi, essendo nato a Locarno nel 1940, e parla correntemente l’italiano.

L’ufficialità probabilmente lunedì

Voci non confermate - la Curia da alcune settimane si trincera dietro il massimo riserbo sulle probabili dimissioni di Lazzeri - indicano che De Raemy sarebbe pronto ad assumere la carica nella serata di domenica. Un’accelerata ipotizzabile sia con il fatto che per lunedì sarebbe prevista una comunicazione, sia - come scrive il portale osservatore.ch - le dimissioni del vescovo Lazzeri non solo sarebbero già state inoltrate, ma Papa Francesco le avrebbe addirittura accettate. L’ufficialità dovrebbe, ad ogni modo, arrivare con il Bollettino della Santa Sede di lunedì.

Quella nomina mancata al Vaticano

Un anno fa, era il 29 settembre 2021, il Vaticano annunciava la nomina del vescovo Lazzeri quale nuovo membro della Congregazione per l’educazione cattolica, dove aveva già lavorato in qualità di addetto alla segreteria dal 1993 al 1999. "Questa importante e significativa nomina – sottolineava il portale catt.ch – impegnerà mons. Lazzeri, accanto al suo ordinario lavoro di vescovo di Lugano, in un preziosa attività di consulenza". Fra le righe si poteva leggere in quel frangente una sua ambizione a diventarne poi segretario. Ma dopo appena otto mesi, lo scorso maggio, la congregazione scompare venendo accorpata, insieme al Pontificio Consiglio della cultura, nel nuovo Dicastero per la cultura e l’educazione. Alcuni posti di responsabilità sono di conseguenza eliminati e il 27 settembre il Papa nomina come prefetto del dicastero il cardinale portoghese José Tolentino, finora archivista e bibliotecario di Santa Romana Chiesa. Incarico, questo, affidato a monsignor Angelo Vincenzo Zani, finora segretario della già Congregazione per l’educazione cattolica. E quale segretario del nuovo dicastero viene designato l’italiano Giovanni Cesare Pagazzi. Insomma, tutte le caselle vengono occupate da altri e la Santa Sede non specifica che fine facciano le nomine decise nel 2021, compresa quella del vescovo ticinese.

Ignote le motivazioni, ma l’Assemblea diocesana di agosto...

Le motivazioni della decisione del vescovo Lazzeri di dimettersi sono per ora ignote, si diceva. Non trovano conferma i motivi di salute di cui alcuni mormorano, ma a ‘laRegione’ risulta che l’Assemblea diocesana organizzata ‘dal basso’ a fine agosto, in assoluto la prima organizzata dai preti ticinesi, non è stata particolarmente apprezzata dal vescovo Lazzeri. Né durante il suo svolgimento, né sin dai mesi precedenti quando questo incontro veniva proposto dalla ‘base’.

LA SUCCESSIONE

Circolano già i primi nomi

Detto della successione ‘pro tempore’, che vede favorito De Raemy, nei corridoi echeggiano già alcuni nomi per la successione vera e propria di Lazzeri. I nomi che si fanno sono quelli di don Nicola Zanini, vicario generale della Diocesi di Lugano, e don Emanuele Di Marco. Per quanto riguarda l’area di Comunione e liberazione, gli spifferi indicano in quota padre Mauro Lepori. Un altro nome che gira è quello di padre Mario Imperatori, nato a Muralto, è gesuita e insegna teologia dogmatica presso la Pontificia facoltà teologica, sezione San Luigi, a Napoli.

Difficile che sarà un esponente Opus Dei

Ultimo, per ora, in lizza è don Arturo Cattaneo. Il fatto che sia sacerdote dell’Opus Dei, però, lo penalizza in quanto potrebbe essere difficile che il Papa nomini un altro Vescovo di quest’area dopo la nomina di Joseph Bonnemain a Coira.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved