ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri

Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
4 ore

Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’

Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
4 ore

Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino

Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
4 ore

Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo

Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
12 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
12 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
12 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
12 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
13 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
13 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
14 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
14 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
14 ore

Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport

A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Bellinzonese
14 ore

Ospedali di valle, Gina La Mantia nominata presidente

L’attuale presidente del Gran Consiglio è stata eletta al vertice dell’associazione, dopo la scomparsa di Tiziana Mona
Mendrisiotto
15 ore

Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee

Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
15 ore

Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’

Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Locarnese
15 ore

Locarno on ice, dal 2 dicembre con... ice

Pronta per l’apertura la pista di ghiaccio. E continua il programma dei concerti
Luganese
15 ore

Villa Luganese, la lotteria di Casimiro Piazza

È stata organizzata per sottolineare il 17esimo anno di attività della Scuola. L’elenco dei 20 numeri vincenti
Bellinzonese
16 ore

Lodrino, castagnata con il Ps di Riviera

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 16 al Centro sportivo
Luganese
16 ore

La lingua lombardo-ticinese protagonista ad Arogno

Il Tepsi presenterà domenica 4 dicembre al Teatro ‘Scapa ti... che scapi anca mi’
laR
 
07.10.2022 - 10:25
Aggiornamento: 16:08

‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’

Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’

ampliare-le-scuole-un-pilastro-per-attrarre-famiglie
Ti-Press
Un referendum porterà al voto i cittadini il 30 ottobre

A Breggia è un nervo scoperto. L’ampliamento del comparto scolastico, lì a Lattecaldo, in Valle tocca sensibilità e vissuti che rischiano di dividere la popolazione in due fazioni. Su un fronte i favorevoli al progetto – in testa il Municipio locale –, sull’altro i contrari, cementati in un Comitato e promotori di quel referendum che il 30 ottobre prossimo chiamerà i cittadini a dirimere il contenzioso. E qui si intuisce subito che in gioco nel futuro del Comune c’è ben più di una nuova sede della scuola dell’infanzia e una mensa per le Elementari. Di fatto nessuno oggi contesta il diritto di rafforzare strutture e servizi scolastici. Il punto è un altro, almeno per chi si è messo di traverso al piano d’azione dell’amministrazione. Non è questo per i referendisti il momento di lanciarsi in nuove operazioni e altri investimenti. Ne va, dicono, della solidità finanziaria comunale.

L’esecutivo, da parte sua, difende il dossier a denti stretti: l’ambizione di mettere mano alle scuole, del resto, è sul tavolo dal 2013. Tanto per cominciare, chiarisce subito il sindaco di Breggia Sebastiano Gaffuri, «non è nostra intenzione aumentare il moltiplicatore (oggi al 95 per cento, ndr)». E anche le cifre del Piano finanziario (commissionato ad hoc) non sono così brutte come le dipingono, fa capire il capodicastero Finanze e imposte Stefano Coduri. Pur nella consapevolezza che si parla di un investimento da oltre 6,7 milioni – 5,2 dei quali destinati alla sede scolastica – che, però, tranquillizza Coduri, al netto comporterà per il Comune un impegno da 4,2 milioni. Tanto più si sottolinea a più voci, che l’orizzonte di riferimento è quello dei prossimi 50 anni.

Timore decrescita

In realtà, la preoccupazione dentro le quattro mura della sala municipale è un’altra. Serve una tattica per frenare la decrescita e attrarre nuove famiglie. «A differenza di altri Comuni – spiega Gaffuri – non abbiamo risorse fiscali straordinarie. I nostri argomenti sono il paesaggio e la qualità di vita che possiamo offrire a fronte di un target quale quello dei giovani nuclei familiari. Ecco che questo investimento – in discussione i 687mila franchi per la progettazione del complesso, ndr – rappresenta uno dei pilastri portanti di questa strategia».

La parola d’ordine, insomma, è frenare lo spopolamento. E la chiave di volta per l’autorità comunale sta nei servizi che il territorio è in grado di garantire. Oggi, fa presente Coduri, «la Valle vive di fatto due tendenze: nella parte Bassa si registra una crescita, in quella Alta una decrescita superiore però alla prima». Ecco che agli occhi del Municipio uno degli antidoti sta nella scuola. In effetti, rivela la direttrice dell’Istituto scolastico Laura Terzi, «una delle domande ricorrenti che ci pongono le famiglie è relativa a ciò che possiamo offrire».

Il nodo della centralizzazione dei servizi

Si innesta qui, dunque, la scelta del Comune di puntare su Lattecaldo. «Peraltro – tiene a sottolineare ancora il sindaco – un esempio di qualità nell’ambito delle infrastrutture scolastiche. Con il progetto previsto non facciamo altro che replicare quanto realizzato negli anni Settanta, continuando a centralizzare le diverse strutture didattiche. All’epoca è stato un notevole salto di qualità, oggi è un deciso balzo in avanti».

Questo approccio, visto dai contrari, è un altro tasto dolente. C’è chi fatica ad accettare lo spostamento delle sezioni dalle frazioni di Caneggio e Morbio Superiore a Lattecaldo. Anche se a livello comunale si hanno già dei piani per entrambe le sedi: la prima diventerà la base di un asilo nido, di cui ora, si fa notare, si sente la mancanza, la seconda darà modo all’amministrazione di allargarsi. «Per noi rappresenta la soluzione ideale – conferma Mariella Maghetti, a capo del Dicastero educazione –. Se vogliamo convincere nuove famiglie a trasferirsi dobbiamo dare quei servizi che adesso sono scarsi». Il pensiero oltre che alla mensa – frequentata da una ventina di bambini – e al nido va pure al doposcuola e alla possibilità di ottimizzare, esemplifica la vicesindaca, i trasporti scolastici. Ne è convinta: «Essere tutti sotto lo stesso tetto porterà dei vantaggi».

Non tutti, però, la vivono così. «Un rischio dal punto di vista emotivo nelle popolazioni delle due frazioni c’è – riconosce il sindaco – mancherà qualcosa. Ma è realistico domandarsi che tipo di scambi ci sono nella quotidianità tra la scuola e il territorio». Il timore di vedersi impoveriti, comunque, resta. «Sarà così se non potremo far venire da noi altre famiglie», rilancia la vicesindaca.

‘Ne va della qualità didattica’

«Uno dei nostri obiettivi – rassicura dal canto suo la direttrice scolastica – è quello di essere presenti, come scuola, sul territorio, organizzando eventi e iniziative nelle varie frazioni». Negli anni, rende attenti, la realtà scolastica è cambiata: Laura Terzi ne fa un fatto di contenuti (didattici) ma anche di contenitore. «La scuola oggi a Breggia funziona, la sede di Lattecaldo è funzionale, ma vi sono margini di miglioramento. Questo progetto ci dà l’opportunità di guadagnare in qualità, nel segno di una realtà scolastica più snella e flessibile. Sarà possibile armonizzare Elementari e scuola dell’infanzia, rafforzare la collaborazione tra i docenti e permettere ai bambini dell’Alta e della Bassa Valle di accedere a servizi come la palestra e la biblioteca e conoscersi reciprocamente in modo naturale».

Demografia a scuola: ‘C’è stabilità’

La scuola è chiamata, in ogni caso, a fare i conti anche con la demografia. Tra i temi sollevati dai contrari vi è proprio pure quello della popolazione scolastica. Ci si chiede se, a fronte di altre priorità, il progetto si giustifichi ancora qualora gli scolari non dovessero aumentare di numero. Breggia ha delle proiezioni in tal senso? «In prospettiva – ci confermano sia Maghetti che Terzi – si preannuncia una certa stabilità. Fra tre anni si ipotizza pure la presenza di qualche bambino in più alla scuola dell’infanzia». I toni, in altre parole, si mostrano rassicuranti.

Per finire, per far pendere la bilancia dalla parte del ‘sì’, il sindaco Gaffuri aggiunge pure le «altre diverse opportunità» che l’intervento a Lattecaldo porta con sé. Il riferimento esplicito è alla costruzione del rifugio pubblico da 497 posti, sussidiato per intero e che, si ricorda, va a colmare una lacuna, e, soprattutto la ristrutturazione dell’attuale sede scolastica. Riattazione che, tiene a rimarcare il sindaco, sarà realizzata di pari passo alla nuova opera.

Il confronto a Breggia si annuncia, dunque, serrato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved