ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
14 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
18 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
22 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
22 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
22 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
1 gior

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
03.10.2022 - 19:16

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni

aim-di-mendrisio-crediti-quadro-piu-trasparenti-e-oculati
Ti-Press
In programma lavori sulle reti di acqua, gas ed elettricità

Lo strumento, quello del credito quadro, glielo ha messo in mano lo stesso legislativo della Città di Mendrisio. Ed "essenziale" lo è di sicuro per poter lavorare sul... terreno con una certa continuità. Di fronte, però, all’ultima richiesta avanzata dalle Aim, le Aziende industriali – 9,7 milioni per rinnovare le sottostrutture delle reti di elettricità, acqua e gas –, la Commissione della gestione ha tirato, per così dire, il freno. Pur consapevoli della necessità di poter contare su un paniere finanziario a cui attingere per tenere il passo con i cantieri, le opere infrastrutturali di genio civile e il piano delle manutenzioni, i commissari chiedono maggiore oculatezza e chiarezza nella gestione dei fondi, qui da spendere nei prossimi quattro anni. Un messaggio che vale un segnale inequivocabile.

Per dirla con il rapporto che accompagna il dossier – lunedì prossimo sottoposto al voto del Consiglio comunale – la formula del credito quadro "non è trasparente e controllabile se non a consuntivo". Quindi, si sollecita, serve una verifica "più puntuale", come un "resoconto semestrale dell’utilizzo di tutti i crediti quadro operativi", da consegnare a fine marzo e a fine settembre.

Dossier da emendare, credito da ridurre

Nell’attesa la Gestione propone di smagrire il credito sul tavolo, controfirmando un emendamento, conditio sine qua non per approvare il messaggio municipale. Una linea abbracciata in modo trasversale dagli esponenti dei gruppi rappresentati in seno alla Commissione – dal Plr al Centro/Ppd, dall’AlternativA a Lega-Udc-Udf –, fatta eccezione per Massimiliano Robbiani (Lega) e Luca Pestelacci (Plr), più netti nella loro posizione. A non piacere, come ci spiega Robbiani, è infatti lo stesso modus operandi delle Aziende.

Al di là delle esigenze pratiche, fa capire il consigliere comunale, un tetto va comunque messo all’investimento, sullo sfondo tariffe in rialzo e un quadro generale delicato. Riserve, quelle espresse (rinunciando peraltro a presentare un rapporto di minoranza), che saranno sciolte durante il dibattito consiliare.

Sta di fatto che le criticità, motiva la relazione della Gestione, non mancano. A tal punto da ritenere che "la richiesta totale del messaggio, pari all’importo previsto nel Piano finanziario, non sia accettabile". Non nella forma giunta sui banchi dei consiglieri comunali. La via d’uscita suggerita? Suddividere la spesa "in più messaggi/crediti quadro" e dunque "diminuire la parte per interventi futuri del 50 per cento", per un globale di 1 milione e 725mila franchi, da modulare come previsto sulle diverse esigenze delle tre reti. Reti dove spicca un maggior impegno a favore del settore elettrico.

‘Tutti sono chiamati a risparmiare’

Per la Gestione in questo modo le Aim avrebbero comunque "una buona autonomia per gestire la manutenzione e garantire la continuità degli interventi". Tutto ciò con l’obiettivo dichiarato di "poter avere un maggiore controllo e oculatezza nella gestione delle finanze e delle spese, in un momento in cui tutti i dicasteri e i cittadini, confrontati con l’aumento generale dei costi, sono chiamati al risparmio". A conti fatti, secondo la revisione proposta dalla Commissione, ecco che l’investimento sulle infrastrutture passerebbe da 9,7 milioni a 7 milioni e 950mila franchi.

Servono più dettagli nei messaggi

D’altro canto, la Gestione si sarebbe attesa una lista maggiormente precisa su interventi, lavori e costi. Elencate le varie voci, si illustra ancora nel rapporto, a mancare è il dettaglio di costo. "Non viene neppure spiegato il motivo dell’importo", si annota. In buona sostanza, si ricostruisce, solo "dopo richiesta della Commissione, Aim ha predisposto una tabella riassuntiva degli interventi coperti dal messaggio, con i relativi importi stimati, divisi fra i tre rami delle aziende". Il totale consegnato al vaglio dei commissari ha restituito opere per oltre 5 milioni, ai quali vanno aggiunti altri 500mila franchi per le progettazioni future. Quanto all’importo residuo di 3 milioni e 450mila franchi è, invece, "la riserva per eventuali aumenti delle stime sopracitate e soprattutto per ulteriori interventi a oggi non prevedibili". Un risultato totale "in linea con il Piano finanziario".

I commissari, insomma, si aspettavano più precisione da subito. Di conseguenza, si invitano le Aziende, e "in generale tutti i dicasteri che utilizzano lo strumento del credito quadro, a fornire in futuro il dettaglio degli investimenti previsti in allegato ai messaggi municipali".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved