ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
5 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
5 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
5 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
8 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
8 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
9 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
9 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
10 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
10 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
11 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
12 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
12 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
12 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
12 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
12 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
19.09.2022 - 17:43
Aggiornamento: 20.09.2022 - 10:05

‘Parti attive’ nel traffico di 100 chili di hashish

La Corte delle Assise correzionali di Mendrisio ha stabilito tre condanne sospese per il terzetto fermato a fine marzo tra Rancate e Besazio

parti-attive-nel-traffico-di-100-chili-di-hashish
archivio Ti-Press
Il controllo è avvenuto a Rancate

Sono stati «parti attive, anche se probabilmente non gli ideatori e organizzatori» del traffico di 100,5 chili netti di hashish intercettato lo scorso 31 maggio a Rancate dalla Polizia cantonale e dell’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini. È questa la conclusione a cui è arrivata la Corte delle Assise correzionali di Mendrisio chiamata oggi a giudicare i protagonisti del trasporto. Davanti al giudice Marco Villa, che li ha riconosciuti colpevoli di infrazione alla Legge federale sugli stupefacenti, sono comparsi tre uomini: un 23enne marocchino residente in Francia (condannato a 19 mesi di detenzione e a una pena pecuniaria di 45 aliquote da 10 franchi per impedimento di atti dell’autorità), un 34enne algerino residente in Spagna (19 mesi sospesi) e un 24enne cittadino francese (18 mesi e una multa di 100 franchi per contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti). Le condanne sono state sospese per un periodo di prova di due anni. I tre imputati, incensurati, verranno quindi scarcerati. «La prognosi non può ancora essere negativa per quanto concerne il nostro Paese», ha spiegato il giudice.

L’arrivo in dogana e la ‘fuga’

Il trasporto dell’hashish si è svolto tra il 30 e il 31 marzo di quest’anno. Il primo a raggiungere il territorio svizzero è stato il 34enne algerino, arrivato a Ginevra dalla Spagna. Dopo aver noleggiato una vettura nel Canton Vaud, ha raggiunto Milano dove, il giorno seguente, si è incontrato con gli altri due imputati in un ritrovo pubblico. Dopo aver bevuto un caffè, sono ripartiti verso la Svizzera a bordo di due auto: il 23enne alla guida dell’auto noleggiata, gli altri due imputati sull’auto con targhe francesi di proprietà del marocchino. La destinazione, stando a quanto indicato nell’atto d’accusa, era un non meglio precisato luogo di Losanna. È stato in quel momento che il 34enne si è accorto che nel baule dell’auto c’era la droga– «ho visto e toccato i sacchetti, non volevo trasportarli» –, ma ha continuato nell’operazione perché «minacciato» da una «macchina bianca che ci seguiva». Il 23enne ha dichiarato di «non sapere cosa stavamo trasportando: quando mi hanno dato le chiavi e detto di non toccare nulla, ho avuto il presentimento che potesse esserci qualcosa di illegale». Il cittadino francese si è invece «chiamato fuori» anche se «non posso negare che il mio telefono – sul quale era stato inserito l’itinerario fino alla dogana di Ponte Faloppia e trovato sulla seconda vettura, ndr – sia stato utilizzato». Una volta varcato il confine, all’altezza di Rancate sono scattati i controlli. Se l’auto staffetta si è subito fermata, il 23enne è per contro scappato verso i Quartieri della Montagna a una velocità stimata di 80-90 all’ora sul limite di 50, prima di essere fermato a Besazio. Come mai, ha chiesto il giudice Villa, questa corsa sfrenata se ignorava la presenza dello stupefacente? «Non sapevo cosa ci fosse – ha ribadito il giovane –. Ero preso dal panico e dalla paura e non ero cosciente di cosa stavo facendo».

C’era anche della cocaina

Nella vettura con targhe francesi, sotto la leva del cambio, sono stati trovati anche 7,82 grammi netti di cocaina. I tre imputati si sono dichiarati estranei. Il 23enne marocchino ha affermato di «prestare spesso la vettura ad altre persone» ma di non sapere che ci fosse della droga occultata. Per questo specifico reato, la Corte ha prosciolto gli imputati applicando il principio ‘in dubio pro reo’ perché gli atti, ha spiegato Villa, «non dimostrano una connessione diretta con il traffico di hashish».

Le richieste di pena

La procuratrice pubblica Marisa Alfier ha presentato richieste di pena dai 22 ai 24 mesi da scontare ricostruendo «quello che i tre hanno e non hanno detto e hanno pasticciato». Il più giovane degli imputati avrebbe raggiunto l’Italia per recuperare una vettura da portare a Losanna, «per pagare un debito di 300 euro» dopo essere stato «minacciato con un coltello alla gola» e avrebbe portato l’amico francese «che non guida, come supporto morale». Il 34enne, come visto, si trovava già a Milano, «non per prendere dei vestiti come ci ha detto, ma per organizzare il trasporto del giorno successivo». Alfier ha inoltre sottolineato la «scarsa collaborazione, un eufemismo, che non ha permesso di stabilire dove è stata presa la droga, chi l’ha portata e nemmeno la destinazione finale».

Ruoli marginali e da ridimensionare

Le difese si sono battute per pene interamente sospese. Intervenuto a nome del 23enne marocchino, l’avvocato Michele Sisini ha spiegato che «il quantitativo trasportato è considerevole ma si tratta di un singolo episodio e nulla fa pensare che sia coinvolto in altre attività di questo tipo». Per il legale si è quindi trattato di «un isolato errore di gioventù». Véronique Droz Gianolli, legale del 34enne, ha a sua volta sottolineato che la posizione del suo assistito «va ridimensionata: è stato una pedina usata da altri nell’ambito di un solo trasporto, un conducente occasionale e improvvisato». L’avvocato Fabiola Malnati, intervenuta in difesa del 24enne, ha evidenziato il «ruolo marginale se non quasi superfluo» dell’imputato che, non avendo la patente, «non sarebbe potuto servire per il trasporto. Ha accettato di accompagnare l’amico a Milano». La Corte non ha creduto alla «giustificazione delle minacce – ha spiegato ancora Villa –. È troppo semplicistico se non c’è una consistenza materiale». Il ruolo del 34enne è stato ritenuto «principale» per il suo arrivo a Milano il giorno prima e per essere stato il punto di riferimento delle telefonate.

Leggi anche:

Fermati dopo un inseguimento con 100 kg di hashish: tre arresti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved