ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
16 min

La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina

Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
16 min

Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro

Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
7 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
7 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
7 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
9 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
10 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
10 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
11 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
12 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
12 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
17.08.2022 - 17:32
Aggiornamento: 17:57

A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole

Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento

a-breggia-in-333-sono-per-il-referendum-sulle-scuole
I numeri dicono che si va al voto popolare

A Breggia i promotori del referendum segnano un punto a loro favore. Nello spazio di questa lunga estate calda sono riusciti a raccogliere attorno a sé il consenso necessario per chiamare i cittadini al voto popolare. Sulla bilancia dei ‘sì’ e dei ‘no’ c’è l’investimento che, nei piani del Comune, si prefigge di ampliare il comparto scolastico, costruendo una nuova sede della scuola dell’infanzia e una mensa per le elementari e concentrando di fatto i servizi a Lattecaldo. L’operazione, però, non convince, dentro e fuori le istituzioni. A firmare la domanda di referendum sono stati 333 residenti, dunque un centinaio in più del quorum richiesto. Il risultato dovrà ora essere ufficializzato ma, ultimata la conta, fra i contrari martedì sera si respirava già aria di soddisfazione. In effetti, l’obiettivo che ci si era prefissati, si fa capire, è stato raggiunto. La testimonianza plastica è il plico di formulari consegnato oggi pomeriggio, mercoledì, in Cancelleria a Morbio Superiore da una delegazione dei referendisti, bruciando anche il termine previsto del 22 agosto. A questo punto, se il referendum sarà dichiarato riuscito, il Municipio avrà quattro mesi di tempo per fissare la data della consultazione.

Una questione di mezzi (finanziari)

All’interno del gruppo (eterogeneo) di cittadini che da inizio luglio si è mobilitato per fare argine al progetto comunale non si nasconde di essere andati porta a porta per sondare gli umori locali. E l’impressione è che il confronto aperto al tavolo delle Commissioni delle opere pubbliche e della gestione e sui banchi del Consiglio comunale il 22 giugno scorso da Sinistra e Verdi – sul fronte opposto Plr e Ppd – permei anche parte della società civile. Le motivazioni che muovono i referendisti sono chiare e scritte, nero su bianco, sui fogli recapitati in Comune. Il punto non è tanto legato all’intenzione di ristrutturare la scuola o di potenziare un servizio: sull’esigenza di risanare gli edifici esistenti (soprattutto dal profilo energetico) vi è condivisione. Il nodo dolente è semmai di natura finanziaria: nel piatto oggi i 687mila franchi stanziati per la progettazione e gli appalti, domani gli oltre 4 milioni netti per concretizzare le opere in cantiere. In buona sostanza chi sostiene il referendum pone il veto su "un investimento senza copertura finanziaria" promuove la linea della prudenza.

‘Meglio congelare il progetto’

Il rischio a cui si dà corpo è quello di una uscita eccessiva – tanto più in un momento di "incertezza economica" –, in grado di incidere sulle capacità di spesa del Comune e sulla pressione fiscale. Senza trascurare il debito pubblico, che veleggia su valori eccessivi e che le previsioni del Piano finanziario (contabilizzato l’intervento alle scuole) spingono fino a 13’200 franchi pro capite, doppiando il debito medio pro capite a livello cantonale. Quanto basta, dunque, per dire che questa mossa non è indispensabile, non è prioritaria e nemmeno opportuna. Come uscirne? Dal versante dei contrari si suggerisce di congelare il progetto per qualche anno e dare la precedenza ad altri investimenti, senza escludere un rafforzamento dei servizi scolastici ed extra scolastici – "buoni e vicini alla popolazione" –, mantenendo al contempo vive la frazioni di Breggia e risparmiando.

Quanto al moltiplicatore d’imposta (ora al 95 per cento), rilanciano i referendisti, andrebbe abbassato in vista dei rincari delle tasse causali (sui rifiuti e l’uso delle canalizzazioni). Insomma, come si lascia intendere sono altre le vie per mantenere la popolazione di Breggia legata al territorio e attrarre nuove famiglie. Al momento, non si manca di rimarcare, le statistiche cantonali segnalano poi "un numero stabile di bambini iscritti (alle scuole, ndr) negli ultimi dieci anni, con tendenza al ribasso".

Cuore e portafoglio

Nella popolazione si è divisi tra cuore e portafoglio. Tra chi ha aderito alla proposta di referendum non mancano, in effetti, le persone amareggiate per la prospettata chiusura delle sedi di Caneggio e Morbio Superiore, tanto da farne anche una questione di affetto. A ciò si aggiungono le preoccupazioni per l’evoluzione delle finanze comunali. La percezione è che Breggia viva al di sopra delle sue possibilità.

«Da quanto abbiamo potuto constatare durante la raccolta firme, tanti hanno manifestato la loro delusione per l’agire dell’amministrazione comunale – ci spiega uno dei referendisti –. I timori sono legati alle scelte dettate dalla politica scolastica, d’un canto, e alle spese continue e alla prospettiva di un ritocco del moltiplicatore dall’altro. Sostenere la domanda di andare al voto è stato, nei fatti, un modo per dire il loro dissenso».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved