ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
28 min

Bellinzona-Locarno, dacci il nostro cantiere quotidiano

La cantonale di sponda destra è diventata negli ultimi due anni una via crucis. La mappa dei lavori che terminano, che tornano e che sono previsti
Bellinzonese
10 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
10 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
11 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
11 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
11 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
11 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
12 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
12 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
12 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
12 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
13 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
laR
 
17.08.2022 - 08:00
Aggiornamento: 08:27

Un gruppo autonomo unito da una passione comune: il Tai Chi

Nessun maestro, non c’è problema. A Riva San Vitale, una decina di persone si riunisce ogni giovedì per dedicarsi alla pratica orientale

un-gruppo-autonomo-unito-da-una-passione-comune-il-tai-chi
Tai Chi nel parco in compagnia

È possibile praticare Tai Chi senza una guida? A quanto pare sì. Lo dimostra un gruppo del Mendrisiotto che si riunisce ogni giovedì alle 18.30 al parco Rivalago di Riva San Vitale. Le origini di questa pratica sono cinesi, e si ritiene affondino nel diciottesimo secolo. Nonostante le radici lontane dal Ticino, questo gruppo singolare ha saputo fare della propria memoria un punto di forza. Perché memoria? Quasi ciascuno di loro ha iniziato molti anni fa con lo stesso maestro, il quale teneva diversi corsi nella zona. Egli però ha poi deciso di trasferirsi all’estero. Questo non ha però demoralizzato i partecipanti ma, al contrario, li ha spinti a unire le forze per ricostruire il gruppo e i movimenti necessari per arrangiarsi in maniera indipendente. Il gruppo è infatti oggi autogestito e autonomo, e si affida alla memoria collettiva degli insegnamenti ricevuti. Simona Mazza, membro del collettivo, ci ha raccontato la loro storia, uniti nella passione per il Tai Chi. «Non volevamo smettere e così, parlando abbiamo deciso che avremmo proseguito autonomamente – ha illustrato–, Per farlo però abbiamo dovuto radunare il materiale necessario e la memoria di tutti ha permesso di ricordare gran parte degli esercizi, ognuno ricordava qualcosa di diverso, è stato come costruire un puzzle. Sta funzionando proprio perché c’è il piacere di ritrovarsi e ritrovare i movimenti che da soli avremmo faticato a ricordare. Ora abbiamo un gruppo whatsapp, e siamo circa una decina. Chiunque voglia provare o praticare insieme a noi è il benvenuto».

Un sistema per integrare tutti

«Di regola, il Tai Chi, non ha indicazioni precise da seguire, ma si basa sull’osservazione e la ripetizione dei movimenti, che ogni volta cambiano. Per questo, quando arrivano nuove persone, siamo felici di poter spiegare da capo gli esercizi. Non è una perdita di tempo, al contrario, ci consente di rivedere i movimenti e migliorarli sempre e questo è un sistema che integra tutti». «Non c’è una performance da fare – ha spiegato Mazza –, né tanto meno un giudizio. È un momento personale in cui concentrarsi, si tratta di una meditazione attiva, e per noi è quasi come una vacanza fuori dagli schemi di pressione che viviamo ogni giorno. Ma non è solo individuale, significa anche condivisione perché lo si pratica in gruppo, anche se ognuno cerca di migliorare sé stesso». In effetti, tradizionalmente, i principi del Tai Chi venivano trasmessi a voce e non tramite documenti scritti, ed è quindi consigliato seguire direttamente dei corsi, piuttosto che impararlo dai libri.

Benefici per mente e corpo

L’obiettivo del Tai Chi è di ottenere attraverso l’armonia del corpo quella dello spirito. L’esecuzione dei movimenti serve a comporre le varie "forme" che mimano il combattimento con un ipotetico avversario. Questa pratica punta a sviluppare l’energia interiore dell’individuo, ovvero il Chi, considerata ben più potente della semplice forza fisica. Le sue basi poggiano sul concetto taoista di equilibrio tra gli opposti, tra Ying e Yang. Da qui si parte verso una riscoperta del proprio essere interiore e il miglioramento di sé. Le attività del Tai Chi non sono vincolate a spazi chiusi, al contrario, sono piuttosto diffusi corsi che prevedono la sua pratica all’aria aperta, più a contatto con la natura e l’ambiente circostante. «Durante la stagione estiva – ha confermato infatti Mazza –, preferiamo trovarci all’aperto e abbiamo quindi deciso di trovarci nel bellissimo parco di Riva San Vitale. D’inverno invece dovremo trovare un altro spazio. Probabilmente, come in passato, se si potrà, torneremo a riunirci all’Istituto Canisio».

«Come il Tao, i movimenti che pratichiamo vanno e vengono, non si fermano. Ci piace iniziare con un riscaldamento, eseguiamo degli esercizi di Qi Gong (ovvero movimenti fisici per il controllo del respiro e della mente), il saluto al sole e poi iniziamo la pratica di Tai Chi per un’ora e mezza o due, insomma finché abbiamo tempo e voglia. Il bello è che nonostante il nostro maestro ora viva all’estero, ogni tanto ritorna e ci illustra delle nuove sequenze».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved