il-caso-tisin-finisce-in-pretura-per-mano-di-una-lavoratrice
Ti-Press/Pablo Gianinazzi
Il segretario regionale Ocst Giorgio Fonio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
4 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
4 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
4 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
5 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
5 ore

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
5 ore

‘Bissone Arte ’22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
5 ore

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
5 ore

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
5 ore

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
5 ore

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
6 ore

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
Locarnese
6 ore

Assemblea Losone Sportiva nella sala del Consiglio comunale

L’appuntamento è per giovedì 18 agosto alle ore 20. Al termine dell’assemblea verrà offerto un rinfresco.
Mendrisiotto
6 ore

Al nastro di partenza la Camminata popolare castellana

Sui percorsi di Castel San Pietro torna la kermesse non competitiva. Dieci chilometri nella natura e nel paesaggio
24.06.2022 - 17:34
Aggiornamento: 30.06.2022 - 19:24

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro

È ‘solo’ una giovane donna. Ma ha dimostrato di avere un grande coraggio. Da sola, messa davanti al Contratto collettivo di lavoro targato (allora) TiSin e promosso da Ticino Manufacturing ha detto di ‘no’. E per tutta riposta ha ricevuto dal suo datore di lavoro, la Tecnomatic di Stabio, la lettera di licenziamento dopo cinque anni di collaborazione. Lei, in effetti, è stata l’unica dipendente dello stabilimento a ribellarsi anche solo all’idea di assoggettarsi a un accordo che, di fatto, aggirava la norma e l’applicazione del salario minimo (oggi un obbligo a tutti gli effetti). E la sua lotta non si è esaurita lì. La disdetta tra le mani, ha deciso infatti di chiedere giustizia, al suo fianco il sindacato Ocst. E ha portato la sua storia davanti alla Pretura di Mendrisio nord. Una vicenda che riaccende i riflettori sulla strategia messa in campo, l’autunno scorso, da un drappello di industrie manifatturiere del Mendrisiotto – oggi all’esame dell’Ispettorato del lavoro –; azione che nei mesi scorsi ha animato di nuovo il dibattito sul salario minimo e il rispetto della legge.

Conciliazione, tentativo fallito

Il primo atto è andato in scena oggi, venerdì, con un tentativo di conciliazione fra le parti. Tentativo, però, naufragato. «In effetti, non si è raggiunto alcun accordo – conferma a ‘laRegione’ il segretario regionale dell’Ocst Giorgio Fonio –. Riteniamo che la controparte non abbia dimostrato l’apertura necessaria, visto la situazione vergognosa in cui si è trovata la lavoratrice. Ci appelleremo a tutte le sedi legali per difenderla da una decisione che, ribadisco, è stata vergognosa». In buona sostanza, ci fanno capire a margine, nell’ora circa di udienza non si è visto alcun reale margine per una trattativa.

Proposta inaccettabile

Dopo aver rifiutato quel contratto e aver reagito al licenziamento, per l’ex dipendente era difficile accettare una proposta (l’unica) messa sul tavolo dai titolari della Tecnomatic – in aula era presente l’amministratrice unica –, ovvero una somma che non sfiorava nemmeno una mensilità di salario. Da un’azienda leader di settore – quanto a lavorazione meccanica e montaggio di componenti elettrotecnici e termoplastica –, si lascia intendere dagli ambienti sindacali, ci si aspettava ben altro. Da noi interpellato, il legale dell’impresa, l’avvocato Daniele Molteni, ci ha fatto sapere che nel merito non si sarebbe rilasciata alcuna dichiarazione.

Si punta a fare scuola

Quindi si va avanti?, chiediamo di rimando a Giorgio Fonio. «Certo, andiamo in causa. D’altro canto, ne va del rispetto della dignità di questa giovane donna, umiliata dal suo datore di lavoro».

A livello sindacale pensate che questa storia possa fare scuola? «Si tratta di una vicenda vergognosa – rimarca una volta di più Fonio –. Non dimentichiamo che questa lavoratrice si è vista mettere alla porta solo per non aver acconsentito ad aggirare le norme».

La storia

‘Quel novembre ho detto subito no’

La lavoratrice sa che di coraggio dovrà ancora averne tanto. La strada da qui alla decisione del giudice è ancora lunga, soprattutto ora che ha scelto di procedere e di depositare una azione semplificata in Pretura. Nei prossimi mesi vi sarà lo scambio della documentazione, la presentazione di ulteriori mezzi di prova e l’eventuale citazione di testimoni, passaggio obbligato per giungere, poi, all’udienza vera e propria.

L’ex dipendente, però, non si scoraggia. Il piglio sembra quello di una persona agguerrita. «Agguerrita? Diciamo che sono tranquilla nella mia posizione – risponde a ‘laRegione’ –. Certo sono dispiaciuta per quello che ho vissuto e subìto. Anche oggi in Pretura non è stato un momento facile: ascoltare quella proposta estremamente umiliante. È stato come ricevere una mancia».

La tenacia a questa donna, del resto, non manca. Lo ha testimoniato con il suo agire. Ci vuole coraggio, però, a mettersi contro il proprio datore di lavoro?, le domandiamo. «A volte ci sta – ci dice con semplicità –. È bello poter avere le proprie convinzioni e quando, con quel contratto davanti, ho visto che non rispettava il salario minimo previsto, ho risposto che non avrei firmato».

E quale è stata la reazione dei titolari? «Un giorno di fine novembre ci è stato illustrato il nuovo accordo di TiSin e la giornata successiva sono stata convocata e, davanti alla conferma che non accettavo, poche ore dopo ho ricevuto la lettera di licenziamento».

A quel punto, da ciò che si è compreso oggi, non si è arresa. «No. Ho chiamato subito il sindacato Ocst: quella disdetta era ingiusta». Da quel momento, quindi, si è preparata ad affrontare una causa? «Esatto».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
conciliazione giorgio fonio pretura mendrisio nord salario minimo tisin udienza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved