operatore-di-prossimita-mendrisio-sceglie-di-fare-da-se
Ti-Press
All’epoca del furgone rosso, nel 2018
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 min

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
58 min

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
1 ora

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
1 ora

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
1 ora

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
1 ora

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
2 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
2 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
3 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
3 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
3 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
4 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
4 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
4 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
4 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
4 ore

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
5 ore

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
5 ore

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
20.06.2022 - 23:25
Aggiornamento: 21.06.2022 - 03:01

Operatore di prossimità: Mendrisio sceglie di fare da sé

La Città ‘divorzia’ dal Servizio regionale. Scelta convinta del Consiglio comunale. ‘Le criticità sono venute al pettine’

Mendrisio farà da sé. E ci guadagnerà: il Consiglio comunale di Mendrisio non ha avuto dubbi. Giusto il tempo di pubblicare il bando di concorso e la Città dal 2023 attiverà sul territorio comunale un ‘suo’ operatore di prossimità. Questa sera, lunedì, il legislativo ha quindi seguito la linea tracciata dal Municipio: tra il Comune e il Servizio regionale si è consumato, insomma, un ‘divorzio’ definitivo. La proposta era stata tradotta nei mesi scorsi in un messaggio municipale, che ha trovato il consenso e il supporto convinto dell’aula consiliare. Mendrisio di fatto dimostra così di voler far suoi modelli già praticati a Lugano e Bellinzona, senza venire meno alla disponibilità, dichiarata, di collaborare con il territorio.

Prima di arrivare sin qui, del resto, a dare luce verde alla decisione di non più rinnovare la convenzione e quindi di non aderire alla fase "a tempo indeterminato" del progetto è stata, a inizio giugno, anche la Commissione delle petizioni. Tutti sono consapevoli che si tratta di un passo importante, che vale un reale "cambio di strategia", peraltro già comunicato al direttore e al presidente della Fondazione ’Il Gabbiano’, che dal 2019 gestisce il Servizio.

All’origine della scelta di Mendrisio ci sono, d’altro canto, delle criticità già manifestate dai commissari in fase di esame del dossier. Il nodo gordiano della questione? Il Servizio di prossimità, come si legge nel rapporto delle Petizioni, dispone di "personale limitato, che purtroppo non gli consente di operare su tutto il territorio del Mendrisiotto". Di conseguenza è arduo dare seguito a tutte le necessità espresse dalla Città, in particolare nel corso del fine settimana; tanto da dover far capo agli operatori del Centro giovani in talune circostanze (si legga gli assembramenti alle scuole Canavée). Vista dai banchi dell’AlternativA, sono venuti al pettine nodi che si erano già palesati nel 2019, come ha fatto memoria Andrea Stephani. Il consigliere ha riconosciuto «il coraggio, la trasparenza, l’ascolto e l’umiltà del dicastero Politiche sociali di presentare una proposta che dà forza al servizio e al controllo democratico e della spesa, che è fondamentale».

Certo, ha richiamato dal canto suo la municipale responsabile Françoise Gehring, si tratta di una «sfida importante. Da parte nostra - ha tenuto a precisare -, non chiudiamo la porta in faccia a nessuno: siamo pronti a continuare a collaborare anche con lo stesso Servizio regionale e a incontrare la Fondazione». Se si è arrivati sino a qui, d’altra parte, è al termine di «un accurato processo di valutazione e su più anni e da parte di persone competenti, con la convinzione da andare a rafforzare le politiche giovanili con una figura che dedicherà al settore 20 ore di lavoro».

Una realtà dal 2015

Progetto a valenza distrettuale, il Servizio è figlio di un lungo e non facile percorso iniziato diversi anni fa e che ha modificato, di fatto, l’approccio alla tematica giovanile. In molti a livello istituzionale ricordano il varo dell’iniziativa, pilota per i primi due anni, nel settembre del 2015. All’epoca in forze c’erano quattro operatori, il bacino di riferimento i giovani tra i 12 e i 30 anni. Adesso proseguirà il cammino senza Mendrisio.

Consuntivi 2021

Commissionato uno studio sul tessuto economico

Il Municipio ha fatto i compiti. Il disavanzo si è ristretto (e di parecchio rispetto alle previsioni). E il legislativo lo ha riconosciuto a una voce, promuovendo - nel solco della Commissione della gestione - quasi a pieni voti i Consuntivi 2021 della Città. In ogni caso, in particolare da cento destra, non si sono risparmiati appunti e critiche all’indirizzo del Municipio. Se da un lato (Lega-Udc-Udf con Massimiliano Robbiani) si è fatto memoria sull’imperativo di non ritoccare (verso l’alto) il moltiplicatore (oggi al 75%), dall’altro si è invocata la necessità (da parte in particolare di Luca Pestelacci, Plr) di avere una visione e una strategia sullo sviluppo economico futuro, che deve passare anche dalla pianificazione (si legga il Piano direttore comunale, Pdc).

Di fatto, il capoluogo non può avere un unico sguardo. «A fronte di un tessuto economico che si è andato consolidando - ha ricordato il sindaco Samuele Cavadini -, servirà una strategia territoriale capace di contemplare in maniera olistica tutte le esigenze della cittadinanza. Va detto poi che il territorio di Mendrisio non è inesauribile: ciò che c’è va preservato al meglio». E comunque, l’esecutivo, si è fatto capire, non sta a guardare. «In effetti - ha annunciato il capo dicastero Finanze Daniele Caverzasio -, è stato assegnato un mandato per elaborare una radiografia del tessuto economico della città: senza demonizzare la crescita economica, sarà importante attirare aziende che hanno attenzione e attaccamento al territorio». Aspetto non trascurabile, ha richiamato ancora, «per non trovarsi con delle bolle di sapone». E qu i riferimento è a quelle imprese che hanno avuto un peso sulle casse comunali, ma sono state altresì delle presenze «fugaci». Lo studio, ha precisato Francesca Luisoni, a capo del dicastero Economia, sarà utile dunque per «capire come posizionarci» con la giusta cura verso le aziende.

Senza dimenticare, ha rilanciato ancora il sindaco, che l’esercizio del Pdc sta permettendo di mettere mano al «disordine territoriale che stiamo cercando di sistemare. L’intento? Ripartire dal territorio per capire che città vogliamo». Magari aiutandosi, ha suggerito Nicola Rezzonico del Plr (al quale si è unito Maurizio Agustoni, Ppd), con un po’ di ottimismo e del marketing territoriale.

La Capolago Arena sarà riasfaltata

A denunciare i problemi di impraticabilità della pista, l’aprile scorso, era stato lo stesso Ihc Capolago Flyers. Al varo della stagione i ragazzi del sodalizio si erano ritrovati infatti a pattinare (su rotelle) su una superficie che aveva tutta l’aria di essere una lastra di ghiaccio. Tutta colpa, si lamentava all’epoca, della pavimentazione scelta per sostituire il vecchio fondo in asfalto. Una situazione su cui di recente ha acceso i riflettori anche l’interpellanza del consigliere comunale Plr Marco Tela. La conclusione? La struttura, ha confermato il capo dicastero Paolo Danielli, sarà asfaltata di nuovo: si torna al vecchio.

Leggi anche:

Più vicini ai giovani grazie a un furgone rosso

Operatori di prossimità da lunedì sul campo nel Mendrisiotto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mendrisio operatori prossimità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved