mountain-bike-sul-san-giorgio-stan-e-pro-natura-pedalano-contro
Ti-Press
Dal 2003 patrimonio Unesco
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello

Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
5 ore

5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa

Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Luganese
7 ore

Ripartono a Lugano i corsi di italiano per stranieri

A partire da settembre, l’Associazione Il Centro organizza moduli di 60 ore fino a dicembre
Luganese
8 ore

A Gandria metti una sera tra lago, canti e balli

Musica reggae venerdì 8 luglio alla Bottega. Ospite l’artista brasiliano, Dom Lampa. Musica latina e reggae
Ticino
8 ore

Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro

Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
8 ore

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
8 ore

Peter Burkard presidente dell’Ordine dei farmacisti ticinesi

Prende il posto di Mario Tanzi, che lascia dopo 32 anni di mandato e la nomina a presidente onorario
Bellinzonese
8 ore

‘Lumino si doti di un fondo di incentivi al risparmio idrico’

Con un’interrogazione Marianna Cavalli chiede di prevedere contributi per interventi tecnici al fine di ridurre il consumo giornaliero di acqua potabile
25.05.2022 - 17:11
Aggiornamento: 17:59

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb

Percorsi per la Mtb sul Monte San Giorgio? Pro Natura Ticino e la Stan – Società ticinese per l’arte e la natura – non ci stanno. E hanno appunto deciso di ricorrere contro l’autorizzazione dei municipi di Mendrisio, Riva San Vitale e Brusino Arsizio di trasformare 36 chilometri di sentieri escursionistici sul San Giorgio in piste per mountain bike. L’azione non fa che rafforzare una posizione critica che aveva visto le due Associazioni già opporsi alla domanda di costruzione.

Le associazioni chiedono ora al Consiglio di Stato di annullare la decisione perché viola numerose disposizioni di legge che tutelano il Monte San Giorgio e la sua fruizione tranquilla e rispettosa da parte degli escursionisti.

Secondo l’istante del progetto, l’Organizzazione turistica regionale Mendrisiotto e Basso Ceresio, le nuove piste sono concepite per attirare un numero importante di nuovi utenti di Mtb e riposizionare così l’offerta turistica del San Giorgio su scala regionale, nazionale e internazionale. Con domanda del marzo 2021 essi hanno in realtà chiesto percorsi Mtb ancora più lunghi: 43 chilometri in tutto, quasi integralmente all’interno del paesaggio protetto d’importanza nazionale del San Giorgio.

Le autorità hanno però ritenuto che due percorsi circolari di 6,75 chilometri di lunghezza fossero talmente dannosi per la natura e il paesaggio, tanto da doverli escludere dall’autorizzazione. Restano così i 36 chilometri autorizzati.

No a una promozione degradante

Secondo le due associazioni, questa politica di promozione banalizza l’unicità del Monte San Giorgio, un patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco per i suoi fossili, facendola diventare una rumorosa e affollata palestra all’aperto come ne sono sorte negli ultimi anni un po’ ovunque.

Già il dossier di candidatura del San Giorgio all’Unesco aveva ammonito che andranno prese misure contro l’affollamento, legato alla notorietà che il monte avrebbe acquisito con il prestigioso riconoscimento.

In un paesaggio di simile valore naturalistico e culturale un’utilizzazione di questo genere dev’essere pianificata, come ha peraltro previsto il Consiglio di Stato con la revisione della legge sui sentieri pedestri e i percorsi escursionistici messa in consultazione l’ottobre scorso, e non autorizzata ovunque, fin nei paesaggi più preziosi.

La promozione unilaterale delle Mtb è invece sottratta alla pianificazione del territorio e quindi anche alla volontà della
popolazione locale.

Leggi anche:

In mountain bike sul San Giorgio. Ma l’idea non piace a tutti

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
monte san giorgio mountain bike pro natura stan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved