in-mountain-bike-sul-san-giorgio-ma-l-idea-non-piace-a-tutti
Ti-Press
La meta appare ancora lontana
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
24 min

Fusio, festa in paese e mulini in azione

Si celebra il patrono mentre l’Apav metterà in mostra le macchine idrauliche per una macinata di segale
Locarnese
1 ora

Giumaglio, il paese è in festa

Appuntamento al Grotto Preonz con buona cucina e musica
Luganese
1 ora

Frontale tra due auto a Taverne

I due conducenti hanno riportato ferite di media gravità. Il tratto di strada è stato chiuso in entrambe le direzioni.
Locarnese
2 ore

‘Con quella circolare volevamo informare’

La sindaca di Cevio prende posizione riguardo alla doppia raccolta firme su scuola e vendita di un terreno
Bellinzonese
5 ore

Estate di successo grazie al fresco e al divertimento

Le aree di svago a Faido apprezzate per la frescura, mentre la Spiaggetta di Arbedo-Castione per i concerti. Buona affluenza per entrambe le zone.
Ticino
5 ore

Corsa a stufe e caminetti, ‘ma mancano i controlli’

I prezzi dell’energia spingono verso soluzioni alternative. Gli spazzacamini avvertono: ‘La manutenzione è importante e i comuni devono verificare’.
Luganese
5 ore

Rovio, gli amici del giovane: ‘Famiglia disagiata’

‘È vero ha delle dipendenze, ma fra i due la persona più pericolosa è il padre, è stato spesso violento’. Parlano gli amici del 22enne colpito ad Agno.
Ticino
13 ore

Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche

l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
14 ore

WikiMafia non ammessa come parte civile

Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
15 ore

Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori

Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
15 ore

Arrivano le multe disciplinari con il QR

La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
16 ore

Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione

Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Bellinzonese
17 ore

Una mostra fotografica e Daniele Dell’Agnola al Dazio Grande

Doppio appuntamento a Rodi-Fiesso sabato 20 agosto a partire dalle 15.30
Locarnese
18 ore

Vergeletto, evento benefico alla pista

Sabato dalle 11 si presenta al pubblico l’Associazione Dsa Adhd. Maccheronata e giochi allietano la giornata
Grigioni
18 ore

Il ponte in pietra ‘Casott’ non verrà demolito

La strada artificiale con l’antica struttura ad arco è stata inserita fra gli oggetti di importanza nazionale e verrà ceduta al Comune di Rheinwald
Mendrisiotto
19 ore

Fiera di San Martino, è tempo di iscrizioni

Appuntamento a Mendrisio dal 10 al 13 novembre. Entro il 26 agosto vanno annunciate vendite, mescite, spacci e impianti per il divertimento
Grigioni
19 ore

Niente fuochi d’artificio neppure a Ferragosto a San Bernardino

Le pessime condizioni idriche e il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto rimandano la ricorrenza all’anno prossimo
Mendrisiotto
20 ore

Cucina, musica e sport per le feste della Sav Vacallo

L’appuntamento si terrà all’ex asilo Riva e inizierà mercoledì 17 agosto con la proiezione di ‘Spider-Man’
Mendrisiotto
20 ore

Serata al chiar di luna alle scuole di Lattecaldo

L’evento, con entrata libera, si terrà venerdì 19 agosto nell’anfiteatro del centro scolastico
laR
 
26.01.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:44

In mountain bike sul San Giorgio. Ma l’idea non piace a tutti

Da un anno il progetto è fermo. Tra la decina di opposizioni vi sono anche le censure di Pro Natura e della Stan

Il dossier sul San Giorgio ormai è fermo al palo da quasi un anno. Le ambizioni dell’Otr, l’Organizzazione turistica regionale del Mendrisiotto e Basso Ceresio, in questi mesi, comunque, non sono cambiate. Certo riuscire a tracciare il ‘Grande giro’ su e giù per la montagna targata Unesco non sarà una passeggiata; che ci si arrampichi a piedi o in sella a una mountain bike. Il punto – anzi, il nodo da sciogliere – sono proprio le due ruote, che negli scenari turistici del Distretto mettono il Monte al cuore della rete di percorsi praticabili in rampichino, tanto da ritagliarsi uno spazio nell’offerta a livello nazionale. Come dire che escursionisti e ciclisti lì possono convivere, esaltando (nelle aspirazioni dell’Otr) l’identità del San Giorgio. Non tutti, però, da queste parti la pensano allo stesso modo. E a testimoniarlo da un po’ non sono solo i cartelli su cui, qua e là lungo gli itinerari (come la vecchia mulattiera o verso la vetta) sono comparse evidenti le scritte ‘No bike’. Depositata la domanda di costruzione, la primavera scorsa, a insorgere contro le intenzioni dell’Otr sono stati in una decina, in testa Pro Natura e la Stan, la Società ticinese per l’arte e la natura. A non piacere, in particolare a queste ultime, è l’estensione e l’impatto sull’ecosistema locale di un intervento che interessa i territori di tre Comuni – Riva San Vitale, Brusino Arsizio e Mendrisio – e che vale un investimento di mezzo milione di franchi circa. Spesa alla quale vanno aggiunti 32mila franchi di manutenzione e gestione.

Un’operazione divisiva

Una volta di più, quindi, nella regione ci si ritrova davanti a una operazione che divide. Da una parte MendrisiottoTurismo ed enti locali, che ci lavorano dal 2017 e ci scommettono parecchio; dall’altra due associazioni che rivendicano il diritto di dire la loro e che temono per gli effetti del progetto sulla natura e il paesaggio del Monte. E questo proprio perché ci si muove in una “area di grande pregio”, peraltro iscritta tra i beni inseriti nella lista dell’Unesco. Questo è un passaggio su cui nelle sei pagine dell’opposizione si insiste molto. Tanto da aver chiesto udienza e da evocare l’esame della Commissione federale per la protezione della natura e del paesaggio. Commissione, si motiva, che “deve esprimersi in merito all’opportunità dell’intervento”.

‘Quei vincoli di tutela’

Per Pro Natura e la Stan, del resto, non si può prescindere dalle tutele che vincolano quel territorio. L’area sulla quale ci si focalizza, ricordano, è inserita nel perimetro dell’Inventario federale dei paesaggi e dei monumenti naturali. E questo, insistono le due associazioni, comporta di principio che l’oggetto venga “conservato intatto e salvaguardato per quanto possibile”. Senza trascurare le indicazioni del Piano direttore cantonale e il riconoscimento dell’Unesco. Ecco che i lavori necessari per attuare i piani, si argomenta nell’opposizione, “paiono essere in forte contrasto con lo scopo di protezione, come pure con l’attenta ponderazione degli interventi antropici e la sua limitazione allo stretto necessario previsti per i comprensori inventariati”. In effetti, si chiarisce ancora, “per permettere il passaggio di un maggiore numero di biciclette, i sentieri dovranno essere allargati e spianati, modificando così l’equilibrio naturale esistente”.

‘A rischio flora e fauna’

Come riferisce la stessa relazione tecnica, si fa notare, il progetto toccherà “sostanzialmente tutti i percorsi esistenti, ufficiali e non. Con l’intensificarsi dei passaggi in bicicletta è inevitabile che le piante lungo i sentieri verranno danneggiate, se non distrutte, e gli animali presenti nel comparto saranno fortemente disturbati”. E qui Pro Natura e Stan attirano l’attenzione in particolare su due zone: il Serpiano e il comprensorio della vetta. Nel primo caso si parla addirittura di una “minaccia” e si ventila il rischio che le piste possano “distruggere puntualmente stazioni di specie importanti che si trovano fino al bordo dei sentieri esistenti”; nel secondo preoccupa l’inserimento nei tracciati proposti dei sentieri che conducono sino in cima alla montagna. Questi itinerari, si spiega, “attraversano prati secchi di importanza nazionale e unici a livello svizzero”, quindi si domanda che “vengano definitivamente esclusi da eventuali integrazioni in percorsi per mountain bike”.

‘Ci saranno dei conflitti tra utenti’

Da non sottovalutare per le due associazioni sono poi i conflitti che “si creeranno con i nuovi utenti che si intende attrarre nel comparto – si parla di ‘utenti elettro-motorizzati’ – e gli escursionisti che già frequentano la zona con modalità meno invasive”. Di controcanto stando ai promotori del progetto la convivenza tra pedone e biker è possibile, tutto sta, si illustra nella relazione tecnica, “in una corretta informazione ai fruitori e nel rispetto delle regole”. Una convinzione corroborata dalla scelta di rivolgersi tanto alle famiglie quanto ai ciclisti esperti e di prevedere 2 discese, 5 loop, un giro del Monte San Giorgio con discesa e un bike park. Tant’è che l’intervento darà modo di mantenere anche la funivia Brusino-Serpiano: un aspetto che Otr non manca di mettere in evidenza.

‘Svago da pianificare’

I firmatari dell’opposizione, però, non ci sentono. Per loro sussiste un’unica via. “La fruizione della natura attraverso mezzi tecnici – si suggerisce – dovrebbe essere oggetto di una pianificazione attiva dello svago, affinché vi sia una coordinazione tra le offerte e non sorgano ovunque iniziative locali di questo genere che finiscono per impedire una fruizione più dolce e rispettosa, come pure per banalizzare l’approccio alla montagna mettendo in secondo piano la tutela ambientale e paesaggistica”.

Sul fronte opposto, per Organizzazione turistica regionale ed enti locali questo progetto rappresenta “una tappa fondamentale nel rilancio turistico del Monte San Giorgio”, si rileva nella relazione tecnica. Per quale motivo? L’intervento, si rimarca, “permette di creare una nuova offerta di mountain bike, strategica per il territorio regionale e cantonale, grazie alla valorizzazione di tracciati esistenti e alla messa in rete delle strutture ricettive che caratterizzano il comparto”.

Il confronto resta aperto, in attesa di un arbitrato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mountain bike natura opposizione pro natura stan san giorgio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved