in-mountain-bike-sul-san-giorgio-ma-l-idea-non-piace-a-tutti
Ti-Press
La meta appare ancora lontana
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 min

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
14 min

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
14 min

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
18 min

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
18 min

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
Luganese
31 min

Lugano promuove il confronto sui rapporti tra Svizzera e Taiwan

Al Campus Est si terrà una conferenza organizzata dal Dipartimento tecnologie innovative della Supsi in collaborazione con la Città
Bellinzonese
44 min

‘Ottimizzato’, prosegue il test della Cupra verso i passi

Osservata la reazione dell’utenza nelle scorse settimane, Ustra ha apportato delle migliorie alla corsia di uscita preferenziale tra Quinto e Airolo
Bellinzonese
1 ora

Corso sulle tecniche di innesto con i frutticoltori ticinesi

Appuntamento a Biasca per sabato 27 agosto
Mendrisiotto
2 ore

A Coldrerio si cammina con il nordic walking

Dal 29 agosto prossimo riaprono i corsi. L’appuntamento è già fissato tre volte la settimana
Bellinzonese
3 ore

Penuria energetica: ‘Qual è la strategia di Bellinzona?

Claudio Cattori (Centro) sollecita il Municipio in merito alle possibili misure di risparmio e alla capacità dell’Amb di aumentare le produzione
Grigioni
3 ore

Proporzionale e ambulanza, a Mesocco riuscite le iniziative

Raggiunto il limite di firme. Le due tematiche saranno ora sottoposte al legislativo. In caso di bocciatura i promotori potranno chiedere il voto popolare
Mendrisiotto
3 ore

A Mendrisio ci si prepara per la Sagra del Borgo

Un ritorno che segna la quarta edizione della manifestazione rinnovata. Per associazioni e no c’è ancora spazio per iscriversi
Locarnese
3 ore

Gerra Gambarogno festeggia San Rocco

Domenica vi sarà la tradizionale messa seguita dalla maccheronata e dalle animazioni
Luganese
4 ore

Monteceneri, c’è la proposta di tiro obbligatorio

Lo organizzano i Tiratori del Vedeggio, gratuitamente, settimana prossima al poligono militare
Mendrisiotto
4 ore

L’Asm Arzo tira le somme e guarda alla stagione 2022-2023

I soci si riuniranno a inizio settembre per l’assemblea annuale. In programma relazione presidenziale e nomine
Locarnese
5 ore

A Locarno il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti

In visita alla Schindler Sa, ha incontrato il presidente Cassis e una delegazione cittadina
Locarnese
5 ore

Risparmio energetico, Brissago fa la sua parte

Allo studio misure per ridurre i consumi senza penalizzare l’attività e l’appeal del paese. A cominciare dall’illuminazione natalizia
Luganese
5 ore

Motociclista tamponato sull’A2 a Mezzovico: ferite gravi

L’incidente della circolazione si è verificato poco prima delle 7. L’uomo, un 30enne del Varesotto, è stato tamponato dall’auto guidata da un 23enne
Ticino
7 ore

‘Una task force cantonale per l’approvvigionamento energetico’

È quanto auspica il Ps. Interpellanza del capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch. Che cita l’esempio grigionese
laR
 
26.01.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:44

In mountain bike sul San Giorgio. Ma l’idea non piace a tutti

Da un anno il progetto è fermo. Tra la decina di opposizioni vi sono anche le censure di Pro Natura e della Stan

Il dossier sul San Giorgio ormai è fermo al palo da quasi un anno. Le ambizioni dell’Otr, l’Organizzazione turistica regionale del Mendrisiotto e Basso Ceresio, in questi mesi, comunque, non sono cambiate. Certo riuscire a tracciare il ‘Grande giro’ su e giù per la montagna targata Unesco non sarà una passeggiata; che ci si arrampichi a piedi o in sella a una mountain bike. Il punto – anzi, il nodo da sciogliere – sono proprio le due ruote, che negli scenari turistici del Distretto mettono il Monte al cuore della rete di percorsi praticabili in rampichino, tanto da ritagliarsi uno spazio nell’offerta a livello nazionale. Come dire che escursionisti e ciclisti lì possono convivere, esaltando (nelle aspirazioni dell’Otr) l’identità del San Giorgio. Non tutti, però, da queste parti la pensano allo stesso modo. E a testimoniarlo da un po’ non sono solo i cartelli su cui, qua e là lungo gli itinerari (come la vecchia mulattiera o verso la vetta) sono comparse evidenti le scritte ‘No bike’. Depositata la domanda di costruzione, la primavera scorsa, a insorgere contro le intenzioni dell’Otr sono stati in una decina, in testa Pro Natura e la Stan, la Società ticinese per l’arte e la natura. A non piacere, in particolare a queste ultime, è l’estensione e l’impatto sull’ecosistema locale di un intervento che interessa i territori di tre Comuni – Riva San Vitale, Brusino Arsizio e Mendrisio – e che vale un investimento di mezzo milione di franchi circa. Spesa alla quale vanno aggiunti 32mila franchi di manutenzione e gestione.

Un’operazione divisiva

Una volta di più, quindi, nella regione ci si ritrova davanti a una operazione che divide. Da una parte MendrisiottoTurismo ed enti locali, che ci lavorano dal 2017 e ci scommettono parecchio; dall’altra due associazioni che rivendicano il diritto di dire la loro e che temono per gli effetti del progetto sulla natura e il paesaggio del Monte. E questo proprio perché ci si muove in una “area di grande pregio”, peraltro iscritta tra i beni inseriti nella lista dell’Unesco. Questo è un passaggio su cui nelle sei pagine dell’opposizione si insiste molto. Tanto da aver chiesto udienza e da evocare l’esame della Commissione federale per la protezione della natura e del paesaggio. Commissione, si motiva, che “deve esprimersi in merito all’opportunità dell’intervento”.

‘Quei vincoli di tutela’

Per Pro Natura e la Stan, del resto, non si può prescindere dalle tutele che vincolano quel territorio. L’area sulla quale ci si focalizza, ricordano, è inserita nel perimetro dell’Inventario federale dei paesaggi e dei monumenti naturali. E questo, insistono le due associazioni, comporta di principio che l’oggetto venga “conservato intatto e salvaguardato per quanto possibile”. Senza trascurare le indicazioni del Piano direttore cantonale e il riconoscimento dell’Unesco. Ecco che i lavori necessari per attuare i piani, si argomenta nell’opposizione, “paiono essere in forte contrasto con lo scopo di protezione, come pure con l’attenta ponderazione degli interventi antropici e la sua limitazione allo stretto necessario previsti per i comprensori inventariati”. In effetti, si chiarisce ancora, “per permettere il passaggio di un maggiore numero di biciclette, i sentieri dovranno essere allargati e spianati, modificando così l’equilibrio naturale esistente”.

‘A rischio flora e fauna’

Come riferisce la stessa relazione tecnica, si fa notare, il progetto toccherà “sostanzialmente tutti i percorsi esistenti, ufficiali e non. Con l’intensificarsi dei passaggi in bicicletta è inevitabile che le piante lungo i sentieri verranno danneggiate, se non distrutte, e gli animali presenti nel comparto saranno fortemente disturbati”. E qui Pro Natura e Stan attirano l’attenzione in particolare su due zone: il Serpiano e il comprensorio della vetta. Nel primo caso si parla addirittura di una “minaccia” e si ventila il rischio che le piste possano “distruggere puntualmente stazioni di specie importanti che si trovano fino al bordo dei sentieri esistenti”; nel secondo preoccupa l’inserimento nei tracciati proposti dei sentieri che conducono sino in cima alla montagna. Questi itinerari, si spiega, “attraversano prati secchi di importanza nazionale e unici a livello svizzero”, quindi si domanda che “vengano definitivamente esclusi da eventuali integrazioni in percorsi per mountain bike”.

‘Ci saranno dei conflitti tra utenti’

Da non sottovalutare per le due associazioni sono poi i conflitti che “si creeranno con i nuovi utenti che si intende attrarre nel comparto – si parla di ‘utenti elettro-motorizzati’ – e gli escursionisti che già frequentano la zona con modalità meno invasive”. Di controcanto stando ai promotori del progetto la convivenza tra pedone e biker è possibile, tutto sta, si illustra nella relazione tecnica, “in una corretta informazione ai fruitori e nel rispetto delle regole”. Una convinzione corroborata dalla scelta di rivolgersi tanto alle famiglie quanto ai ciclisti esperti e di prevedere 2 discese, 5 loop, un giro del Monte San Giorgio con discesa e un bike park. Tant’è che l’intervento darà modo di mantenere anche la funivia Brusino-Serpiano: un aspetto che Otr non manca di mettere in evidenza.

‘Svago da pianificare’

I firmatari dell’opposizione, però, non ci sentono. Per loro sussiste un’unica via. “La fruizione della natura attraverso mezzi tecnici – si suggerisce – dovrebbe essere oggetto di una pianificazione attiva dello svago, affinché vi sia una coordinazione tra le offerte e non sorgano ovunque iniziative locali di questo genere che finiscono per impedire una fruizione più dolce e rispettosa, come pure per banalizzare l’approccio alla montagna mettendo in secondo piano la tutela ambientale e paesaggistica”.

Sul fronte opposto, per Organizzazione turistica regionale ed enti locali questo progetto rappresenta “una tappa fondamentale nel rilancio turistico del Monte San Giorgio”, si rileva nella relazione tecnica. Per quale motivo? L’intervento, si rimarca, “permette di creare una nuova offerta di mountain bike, strategica per il territorio regionale e cantonale, grazie alla valorizzazione di tracciati esistenti e alla messa in rete delle strutture ricettive che caratterizzano il comparto”.

Il confronto resta aperto, in attesa di un arbitrato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mountain bike natura opposizione pro natura stan san giorgio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved