ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Bellinzonese
3 ore

Violenza domestica, serata pubblica a Bellinzona

Mercoledì 12 ottobre interverranno Giorgio Carrara (Polizia cantonale), Frida Andreotti (Divisione giustizia) e l’avvocato Roberta Soldati
Bellinzonese
3 ore

Scuola bandistica del Bellinzonese, al via le lezioni d’assieme

Si apre la trentesima stagione dei corsi formativi
Bellinzonese
4 ore

Torna Poesia Curzútt, con Francesca Matteoni e Yari Bernasconi

Appuntamento per venerdì 14 ottobre
Locarnese
4 ore

‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai

Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
6 ore

La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara

Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Locarnese
7 ore

Ascona, per 6 mesi lavori allo svincolo San Materno

Messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e nuova pavimentazione le opere previste
Bellinzonese
12 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
1 gior

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
1 gior

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
2 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
2 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
2 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
2 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
2 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
laR
 
13.05.2022 - 08:30
Aggiornamento: 15:29

Mendrisio, ‘Operazione risparmio’. Ecco le dritte dell’esperto

Il rapporto mette sul tavolo della politica una serie di ipotesi di lavoro. Il risultato? Un taglio da 2 milioni e mezzo

mendrisio-operazione-risparmio-ecco-le-dritte-dell-esperto
Ti-Press
Sugli eventi si potrebbe spendere mezzo milione in meno

In questi anni Mendrisio ha lavorato più che altro di lima. Andando a levigare le uscite là dove vi era margine; smussando certi meccanismi all’interno della macchina amministrativa; raschiando il superfluo pur con una certa sapienza. In poche parole si è cercato di risparmiare sulla spesa pubblica senza farsi troppo male; un occhio attento alla socialità e ai bisogni (crescenti) della popolazione. Oggi, però, la Città è arrivata al punto di dover usare le forbici (se non l’accetta). E l’operazione potrebbe rivelarsi dolorosa. Andando al sodo del dibattito politico, rimbalzato lunedì scorso dall’aula del Consiglio comunale, ormai sui due piatti della bilancia ci sono, da una parte, l’esercizio di contenimento dei costi, dall’altra, l’aumento di due punti del moltiplicatore (dal 75 al 77 per cento). Rimedio quest’ultimo che non va giù soprattutto al Ppd (oltre che alla Lista civica).

Ciò non toglie che il governo del Comune dovrà, in ogni caso, riflettere su alcuni provvedimenti. La lista dei suggerimenti stilata dal consulente esterno interpellato dal Municipio locale è lunga quanto fitta. Certo, avvertono gli stessi esperti, si tratta di ipotesi di lavoro, e come tali andrebbero verificate sul campo. Sta di fatto che, calcolatrice alla mano (e riferimento ai dati del 2021), l’esercizio ha portato a un potenziale risparmio di 2 milioni e mezzo di franchi. Sotto la lente ci sono finiti diversi settori dell’amministrazione, dalla politica del personale alla manutenzione degli stabili, passando dagli sportelli nei Quartieri. Va detto che il rapporto, di cui abbiamo potuto visionare alcuni passaggi, mette sul tavolo altresì delle proposte per aumentare le entrate. Con la consapevolezza, si legge fra le righe, che si tratta di un "tema delicato, visto il periodo pandemico e post-pandemico".

Non solo tagli. C’è un’idea per le entrate

E qui il pensiero corre subito alle tasse causali, e in particolare a quella sui rifiuti. È ormai certo, infatti, che lieviterà – non senza, pure su questo punto, il suo strascico di polemiche –, anche per riuscire ad assicurare, come legge comanda, una copertura dei costi del 100 per cento. In realtà il consulente spinge oltre la sua riflessione, interrogando sul possibile adeguamento dei biglietti d’accesso alle infrastrutture sportive, sugli affitti degli stabili pubblici o addirittura sulla vendita degli immobili ereditati per aggregazione, o ancora sulle multe. Poi, certo, tocca alla politica darsi delle risposte.

Eventi, c’è mezzo milione di margine

Tornando a una possibile dieta alla voce ‘spese’, balza all’occhio come una delle cifre più corpose – si parla di un risparmio potenziale di mezzo milione l’anno – riguarda il capitolo ‘Manifestazioni e misure attive a sostegno delle società’. Tenendo il conto, a Mendrisio, in effetti, si supportano e finanziano 350 eventi annuali. Ovvero un "impegno di grande importanza" che, a parere degli specialisti, "non è pienamente giustificato, visto il contesto e le dimensioni territoriali". E ciò a "maggior ragione – motivano – in tempi in cui bisogna contenere in modo importante i costi di gestione".

Per rassicurare subito i momò, va detto che il rapporto tiene in debito conto storia e tradizione locali oltre alle ricadute turistiche e ‘salva’ le tre manifestazioni principali: Fiera di San Martino, Sagra del Borgo e Processioni storiche. L’attenzione, semmai, è sulle altre. Detta fuori dai denti, si fa capire che vi è la necessità di porre un limite a questa voce di spesa, in termini di contributi ma anche di personale messo a disposizione delle organizzazioni. Sarebbe tempo, si lascia ancora intendere, di chiedere alle società di fare la loro parte in riferimento agli allestimenti.

Meno sportelli e straordinari?

Agli occhi del consulente esterno un Comune polo chiamato a fare delle economie non potrà, poi, non misurarsi anche con la decentralizzazione dei servizi, tra gli elementi cardine del processo aggregativo. È indubbio – e lo si riconosce pure nel documento – che "la presenza nei Quartieri costituisce un segnale politico di coesione importante per la Città". D’altro canto, "la realtà dei fatti evidenzia che vi sono sportelli con due o tre visite al mese"; il che induce a chiedersi, si suggerisce, se non sia il caso di immaginare una organizzazione diversa a fronte dei costi significativi sostenuti per le infrastrutture e la manutenzione degli edifici. E allora ci si può domandare, si elenca, se non sia il caso di ridurre il numero degli sportelli o di spingere sulle tecnologie con la digitalizzazione che avanza.

Da ripensare per lo studio è altresì il monte ore degli straordinari del personale, per il quale nel 2021 si sono accantonati 500mila franchi. Su questo versante, si annota, "urge un cambiamento rapido". Come? Magari, si prospetta, essendo più selettivi e incentivando il recupero in tempo libero.

La Complementare? ‘Da ripensare’

L’‘operazione risparmio’ va a infrangere, poi, anche un tabù nel settore sociale. Nell’esercizio, si mette nero su bianco, ci sta pure una revisione della prestazione complementare comunale, pur ammettendo che la sua "funzione sociale è assolutamente importante". In effetti, si osserva nel dossier, "sono molto rari i Comuni e le Città che dedicano questa attenzione agli anziani in difficoltà". Di conseguenza, si concede, "fatichiamo a pensare una misura di risparmio a questo livello, anche perché gli effetti della pandemia sono e saranno importanti soprattutto per i meno favoriti". Ciò nonostante questo contributo ‘vale’ 700mila franchi a bilancio, quindi "una riflessione si impone". La soluzione praticabile? Essere ancora più mirati nell’aiuto e contenere l’importo a 500mila franchi lordi annui: "Rimarrebbe un segnale comunque importante di responsabilità sociale per la Città", si commenta.

La terza via, le collaborazioni

Il piano strategico degli esperti mostra, infine, un’altra via d’uscita di sicurezza, quella che porta dritti a nuove collaborazione sovracomunali. I campi d’azione individuati sono almeno cinque nel solco di una migliore gestione della cosa pubblica e di quanto si sta realizzando nella gestione delle infrastrutture sportive grazie alla nascita dell’Ente regionale per lo sport. Il riferimento esplicito è alla promozione e al coordinamento delle attività culturali, al ‘governo’ delle scuole montane e alle sinergie sul versante dell’energia, dell’acqua (un po’ come con il Consorzio del Basso Mendrisiotto al vaglio ora dei Consigli comunali) e dei rifiuti.

Oggi, si spiega nel rapporto, non è possibile stimare gli effetti finanziari di questi interventi, "ma le esperienze fatte in altri contesti indicano che le economie di scala che si verificano con una massa critica superiore sono molto importanti, sia a livello di qualità delle prestazioni che per quanto attiene alla compressione dei costi e all’aumento delle entrate".

La ricetta è servita.

Leggi anche:

Un tabù chiamato moltiplicatore. Mendrisio litiga

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved