un-tabu-chiamato-moltiplicatore-mendrisio-litiga
Ti-Press
Il legislativo è tornato a ... casa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
17 min

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
1 ora

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
1 ora

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
1 ora

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
1 ora

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
1 ora

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
2 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
3 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
3 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
3 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
3 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
4 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
4 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
4 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
09.05.2022 - 23:20

Un tabù chiamato moltiplicatore. Mendrisio litiga

Il Consiglio comunale si divide sull’aumento di due punti della pressione fiscale. Per il Municipio è un sacrificio inevitabile

Era nell’aria e, come da copione, l’aula consiliare di Mendrisio si è ritrovata a fare i conti con il futuro fiscale della Città (e dei suoi cittadini). Il moltiplicatore va ritoccato (verso l’alto) o no? Qui la domanda è una sola. A fare la differenza dall’anno prossimo potrebbero esserci, insomma, due punti, quanto basta per far salire l’aliquota dal 75 al 77 per cento. E a quel punto è stato un po’ un Ppd contro tutti. I popolari democratici, infatti, non intendono toccare la pressione fiscale. Pur di fronte a un Piano finanziario vergato dal Municipio tutto intero (ha ricordato lo stesso capo dicastero Finanze Daniele Caverzasio). In un passato non troppo lontano, del resto, proprio da quello stesso partito (e dal sindaco di allora, Carlo Croci) si era fatto capire, e a chiare lettere, che le riserve locali si sarebbero erose, prima o poi. E allora si è pronti a qualche sacrificio in nome di finanze sane e della possibilità di «continuare a fare politica»? Oggi come allora (come ai tempi delle grandi scelte) ci vuole coraggio, ha rilanciato Caverzasio.

Un tabù o no?

Inevitabile, quindi, veder surriscaldare il dibattito. Spettatori d’eccezione questa sera, lunedì, gli allievi della scuola media di Riva San Vitale, che hanno potuto assistere da vicino alle dinamiche della politica. E a questo proposito, ha fatto memoria il sindaco Samuele Cavadini, «davanti a risparmi di una certa rilevanza dobbiamo fare delle scelte. E non potete pensare - ha chiarito rivolto al legislativo - che ad assumersele sia solo l’esecutivo». Certo i tagli, non lo ha nascosto Caverzasio, potrebbero essere dolorosi e qualcuno andranno a toccare. La forza della Città, quindi, ha tenuto a sottolineare ancora il sindaco, è Mendrisio stessa, grazie alla sua posizione geografica, alle sue peculiarità e alla sua amministrazione. Detto altrimenti, la sua capacità di attrazione, come polo comunque al di sotto dell’80 per cento di moltiplicatore. Dai banchi dell’Alternativa Claudia Crivelli Barella lo ha affermato con nettezza: «Il moltiplicatore nn è un tabù e oggi bisogna essere pragmatici. Non è possibile operare con misure concrete ed efficaci senza entrate sufficienti. Per noi ora è prioritario non tagliare nel settore degli investimenti nell’ambito della politica sociale e ambientale».

Dal canto suo Gianluca Padlina (Ppd) non ha fatto retromarcia: «Un aumento del moltiplicatore non può entrare in linea di conto in una situazione che vede i privati già confrontati con un rincaro delle materie prime, la tassa sul sacco, e le casse malati. La pressione fiscale per le imprese riveste poi un ruolo decisivo: si sprecano gli esempi a livello cantonale». A quel punto il Ppd e Padlina hanno temuto di restare soli. In realtà non è stato così. A mettersi di traverso alla crescita della pressione fiscale è stato anche Tiziano Fontana (Lista civica): «Non sono d’accordo: la si diminuisce alle aziende e la si aumenta sui cittadini».

Esortati così a prendere posizione, dagli altri gruppi non sono mancate le parole chiare (e qualche frecciatina in puro stile campagna elettorale).

‘Ogni gruppo faccia delle proposte’

«Siamo consapevoli - ha riconosciuto Vincenzo Crimaldi (Plr) - che una tale misura può creare un certo malcontento nella popolazione e nelle aziende presenti sul territorio. Ma se vogliamo servizi di qualità da qualche parte bisogna pure intervenire. Servizi da offrire sfruttando al meglio le risorse a disposizione. D’altro canto, vi sono margini di manovra per fare scelte anche più incivisive, ma occorre la collaborazione di tutte le forze politiche: ogni gruppo porti proposte concrete da mettere sul tavolo».

E il Municipio? Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) non ha dubbi: «Ha preso il toro per le corna e ha varato un documento che dà una prospettiva al Comune in termini finanziari e apre a nuove visioni. Alfine c’è un Piano finanziario sul quale discutere e lavorare e vi è una buona piattaforma dalla quale scaturiranno proposte, idee, innovazioni e soluzioni concrete al passo coi tempi».

Vista da Maurizio Agustoni (Ppd) non è facile digerire il ritocco del moltiplicatore: «Prima di chiedere sacrifici ai cittadini occorre essere convinti di aver fatto tutto il possibile per un attento esame dei costi pubblici. E non sono così convinto che tocchi al legislativo verificare certe voci di contenimento della spesa. Dando fiducia al capo dicastero Finanze, tocca a lui avere strategia fiscale».

Non c’è altra via che la stabilità, ha ribadito Luca Pestelacci (Plr). Ha riportare tutti con i piedi per terra ci ha pensato poi Daniele Stanga (AlternativA). «Chiediamoci cosa significano quei due punti di moltiplicatore. Si parla di 54 centesimi a cittadino a fronte di 900mila franchi nelle casse del Comune. Una somma che può garantire la cala neve, l’assegno educativo, un supporto alle Processioni storiche, la manutenzione delle auto della Polizia, il riscaldamento delle scuole e la cura dei centri sportivi. In caso contrario a cosa siamo disposti a rinunciare?».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mendrisio moltiplicatore
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved