un-solo-servizio-idraulico-per-il-basso-mendrisiotto
Ti-Press
Più fonti, una sola gestione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
4 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
4 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
4 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
5 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
6 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
6 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
6 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
7 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
7 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
8 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
8 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
8 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
06.05.2022 - 08:30
Aggiornamento: 09:00

Un solo Servizio idraulico per il Basso Mendrisiotto

Balerna, Chiasso, Morbio Inferiore e Vacallo sono pronti a unire acquedotti e condotte. Dal progetto si passa all’atto formale

I Municipi di Balerna, Chiasso, Morbio Inferiore e Vacallo fanno sul serio. Del resto, l’impegno di garantire alla popolazione del Basso Mendrisiotto acqua sicura e a sufficienza è una faccenda di quelle importanti, anzi vitali. Così, consapevoli di essere riusciti a fare breccia già con il solo progetto – presentato il settembre scorso a consiglieri comunali e responsabili delle amministrazioni –, a circa otto mesi di distanza, i governi locali hanno messo sul tavolo il dossier – dagli Statuti al Regolamento – che vale la costituzione formale di un unico Servizio idraulico per l’intera regione entro la fine del 2023. L’acronimo, Sibm, è un po’ ostico da masticare, ma i suoi contenuti sono cristallini... come l’acqua.

I quattro Comuni, insomma, sono pronti a compiere il grande passo: sciogliere le rispettive Aziende acque potabili e mettere in condominio (a titolo gratuito) acquedotti, reti e tubature in nome di un Consorzio al quale affidare l’approvvigionamento futuro di abitanti e imprese. In altre parole, qui nessuno ha remore a parlare di ‘aggregazione’, nel solco peraltro di quel Polo 3 disegnato alla luce dell’Acquedotto regionale del Mendrisiotto. Arm che ha dichiarato di guardare con favore a questa operazione. La nascita di un Consorzio agevolerà rapporti e aspetti organizzativi.

Un comprensorio idrico complesso

Del resto, occorre guardare in faccia alla realtà. Necessità e consumi sono cambiati nel tempo, i rischi di contaminazioni – nel Distretto se ne sa qualcosa tra clorotalonil e Pfos – sono dietro l’angolo e le infrastrutture non facilitano gli scambi idrici tra vicini. Non da ultimo "nessun Comune dispone più di fonti proprie capaci di garantire qualitativamente e quantitativamente il fabbisogno idrico a lungo termine". Non solo: "Va rimarcato – si legge con tutta evidenza nel documento – come nel nostro comprensorio l’approvvigionamento idrico sia oggettivamente uno dei più complessi e delicati del cantone a causa delle critiche situazioni qualitative e quantitative delle fonti". Il messaggio municipale passato di recente al vaglio dei singoli esecutivi, quindi, parla chiaro e ha trovato il sostegno e l’interesse delle autorità superiori. Un consenso (raccolto anche in occasione della serata informativa di settembre) che, in questo caso, sembra mettere al riparo i Municipi protagonisti da possibili delusioni alla prova del voto consiliare.

Quando l’unione fa la forza

Le conclusioni a cui era giunto alla fine del 2018 il rapporto dello Studio Lienhard non avevano, d’altro canto, lasciato spazio a dubbi. Gli esperti interpellati all’epoca in vista della revisione dei Piani generali degli acquedotti avevano evidenziato come "nella nostra realtà geografica e urbana, la soluzione migliore è rappresentata dalla messa in comunicazione delle strutture degli acquedotti dei quatto Comuni". Da quel momento si è lavorato in quella direzione, procedendo passo dopo passo lungo una strada lunga e tortuosa. Un processo complesso che, però, ha dato modo di individuare le soluzioni tecniche, definire la "forma giuridica ideale" (quella del consorzio, appunto) e calcolare le ricadute finanziarie oltre alle tariffe da applicare. A proposito di cifre il futuro Servizio sarà confrontato, da un lato, con gli investimenti legati all’Arm – si parla di 12 milioni e mezzo di franchi , e, dall’altro, con il ‘cantiere’ di messa in rete delle infrastrutture, che comporterà, si annuncia, spese per 15 milioni nell’arco di un decennio.

In equilibrio tra tariffe e tasse

Certo, creato un unico acquedotto, restano da applicare le tariffe partendo dalla situazione economica delle singole Aziende. Si farà leva così su tasse fisse e tasse al consumo a fronte di una utenza composta per lo più da economie domestiche, dunque con "pochi consumatori grossi e variabili". Si riconosce, di conseguenza, l’esigenza di porre attenzione a eventuali differenze in fattura affinché non si perda l’abitudine a comportamenti virtuosi, al fine di evitare sprechi. A conti fatti, si è valutato che la copertura ideale tramite le tasse fisse si pone in una forchetta fra il 40 e il 50 per cento del fabbisogno finanziario. Mentre le tasse sul consumo al cittadino oscilleranno, tra minimo e massimo, fra gli 80 centesimi e i 2 franchi al metro cubo. Per l’acqua industriale, invece, si andrà dai 60 centesimi ai 2 franchi al metro cubo.

Il mandato di gestione? Va all’Age Sa

Un altro nodo delicato è il mandato di gestione del Servizio. I quattro Municipi hanno già scelto a chi affidare la cura del Consorzio – che avrà così sede a Chiasso – e delle sue strutture. La guida sarà affidata ad Age Sa, l’Azienda acqua, gas ed elettricità di cui è azionista unico il Comune di Chiasso. Come si motiva questa strategia? Age, si spiega nel messaggio, "rappresenta fondamentalmente la continuazione della situazione odierna". In effetti, si ribadisce, "da oltre un decennio Age Sa gestisce tutti e quattro gli acquedotti con mandati di prestazione, sia con una gestione completa come per Chiasso e Vacallo, oppure di esercizio tecnico come per Balerna e Morbio Inferiore". In buona sostanza, Age mostra di avere le risorse (anche umane) e le competenze per assumere l’incarico, con reciproca soddisfazione, si rimarca. D’altra parte, da custodire e promuovere c’è un vero patrimonio, ovvero condotte per oltre 34 milioni e impianti per oltre 7. Ma ciò che più conta, questa operazione sarà un unicum a livello cantonale con la quale ci si vuole assicurare un avvenire idrico tranquillo.

Per il Municipio di Chiasso, che per primo ha reso pubblico l’incarto recapitato ai consiglieri comunali, il progetto va concretizzato. L’autorità locale, si fa sapere, ne condivide "gli indirizzi di principio, le scelte effettuate e le soluzioni adottate per ogni singola tematica". Ora non rimane che passare all’azione.

Leggi anche:

Il Basso Mendrisiotto mette in Comune gli acquedotti

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
acquedotti age balerna chiasso consorzio morbio inferiore vacallo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved