ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
6 min

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
58 min

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Locarnese
1 ora

Locarno, sul preventivo 2023 la Gestione ‘bastona’

Per nulla soddisfatti della situazione finanziaria della Città i commissari. Nel rapporto evidenziate diverse criticità. La politica di rilancio non va
Luganese
1 ora

Massagno, si è spento Paolo Grandi

Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
2 ore

Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’

Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
3 ore

Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini

Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
3 ore

Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città

Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Mendrisiotto
3 ore

Valichi secondari, ‘di notte bisogna chiuderli’

Lorenzo Quadri (Lega) presenta una mozione al Consiglio federale, dopo l’insuccesso di una analoga presentata nel 2014 dalla collega di partito Pantani
Bellinzonese
4 ore

Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’

Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
4 ore

Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023

Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Locarnese
7 ore

Sull’argine di Losone correre è tutta un’altra cosa

Grazie all’apposito fondo di rivestimento e alle demarcazioni podistiche è possibile svolgere allenamenti specifici in mezzo alla natura
29.04.2022 - 19:24

Mendrisio, ospedale pronto per un nuovo ciclo di vita

Inaugurato l’edificio complementare dedicato esclusivamente all’ambulatoriale, con un intero piano destinato ai Reparti acuti a minore intensità

di Malva Cometta
mendrisio-ospedale-pronto-per-un-nuovo-ciclo-di-vita
Ti-Press (Massimo Piccoli)
+3

A poco più di tre anni dalla posa della prima pietra, l’Ospedale regionale della Beata Vergine (Obv) di Mendrisio ha battezzato oggi la sua nuova ala sud: un edificio composto da cinque piani voluto per ampliare l’offerta sanitaria rivolta alla popolazione della regione, offrire un nuovo ciclo di vita al nosocomio e renderlo un punto di riferimento per tutto il Mendrisiotto. Dal piano sotterraneo con cardiologia, medicina sportiva e neurologia si passa attraverso piani dotati di cure specializzate, fino a giungere al terzo e ultimo piano dedicato interamente ai Reparti acuti a minore intensità (Rami), progettato per assicurare la continuità della presa a carico in particolare per le persone anziane e fragili. L’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) ha inoltre stretto collaborazioni con Hospice, Lega contro il cancro e Lega polmonare.

Il tradizionale taglio del nastro

Alla cerimonia d’inaugurazione, tenutasi stamane tra le fresche pareti del nuovo stabile, sono intervenuti in discorsi celebrativi, le autorità cantonali e i vertici dell’Eoc. Dopo il benvenuto di Pierluigi Lurà, direttore dell’Ospedale regionale di Mendrisio, hanno preso la parola il consigliere di Stato Raffaele De Rosa, direttore del Dipartimento della sanità e della socialità; Paolo Sanvido, presidente del Consiglio d’amministrazione, Glauco Martinetti, direttore generale dell’Eoc; il sindaco della Città di Mendrisio Samuele Cavadini; il dottor Brenno Balestra, direttore sanitario e primario di medicina dell’Obv e infine l’architetto Michele Gaggini, progettista del nuovo edificio.

Complementare e valorizzante

La struttura è nata dalla necessità di far fronte a determinate problematiche: «Confrontati con il recente problema della carenza di spazi, una presa a carico sempre più ambulatoriale e l’invecchiamento della popolazione» – spiega Pierluigi Lurà – «è sorta l’esigenza di ampliare l’ospedale e di favorirne una crescita armoniosa e attenta alle nuove esigenze della medicina. L’ala sud – precisa il direttore dell’Ospedale regionale di Mendrisio – «è un edificio flessibile che non si pone in concorrenza con il corpo principale ma che anzi lo completa e lo valorizza».

Un’ala per il bene del paziente

«La nuova ala sud è realtà – esordisce il consigliere De Rosa –. Il sostantivo in sé evoca mille immagini: l’ala che protegge, che tranquillizza, che ombreggia e che scalda. L’avverbio sud richiama calore, colori, apertura. L’aggettivo nuovo suggerisce la modernità, la novità. L’ala sud è il coronamento di un progetto che va oltre sostantivo, avverbio e aggettivo, essa rappresenta la via da percorrere nell’intento di assicurare sia le cure stazionarie, sia le cure ambulatoriali di prossimità attraverso percorsi di cura ben studiati, valutati e concretizzati da équipe multidisciplinari, che, pur lavorando in ambiti distinti, sanno trovare i collegamenti ideali per raggiungere lo scopo ultimo che è il bene del paziente». Il direttore del Dss ha inoltre precisato che «la strategia volta all’innovazione degli ospedali verso l’ambito ambulatoriale equivale al rafforzamento dell’idea secondo la quale è possibile offrire alla popolazione ticinese un segmento di cura inedito e trasparente. Penso in particolare ai reparti acuti di minore intensità (Rami), con due obiettivi ben chiari: evitare le ospedalizzazioni inutili e costose in ambito somatico acuto ed escludere o limitare le dimissioni anticipate del paziente in condizioni non ancora ottimali. Possiamo definire tutto ciò una conquista soprattutto dal punto di vista del paziente».

A proposito di Rami, il primario Brenno Balestra, volgendo lo sguardo al passato, ha spiegato: «Dove sorge ora l’edificio un tempo trovava nutrimento un vecchio cedro, un albero secolare, possente e maestoso, simbolo di forza, vigore e incorruttibilità, quale migliore auspicio per la nostra nuova ala?».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved