dal-nido-alle-elementari-quando-la-scuola-include
Ti-Press
Essere precoci nel sostegno è importante, per i bimbi e le famiglie
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
7 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
15 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
16 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
17 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
17 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
17 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
17 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
17 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
17 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
18 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
18 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
18 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
18 ore

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Locarnese
19 ore

Locarno, il valore economico della competenza linguistica

Alla Biblioteca cantonale martedì prossimo un incontro sull’importanza della lingua
Mendrisiotto
19 ore

Riva e le aree a lago, la pianificazione è un ‘tema prioritario’

Lo spiega il Municipio, sollecitato da un’interpellanza. Verrà organizzata una serata pubblica per presentare la variante pianificatoria
Locarnese
19 ore

Maggia, lunedì l’Assembla della Parrocchia

Ritrovo alle 20, nella sala della Fondazione San Maurizio
Bellinzonese
19 ore

Bellinzona, prime misure per la riorganizzazione della scuola

La nomina di 3 vicedirettori e la prevista figura di un responsabile generale segue l’obiettivo di sgravare i direttori d’area dalla parte amministrativa
Ticino
19 ore

Attenzione alla ‘pioggia’ di multe: ecco dove saranno i radar

Come ogni venerdì, la Polizia cantonale comunica l’elenco dei comuni oggetto la prossima settimana dei controlli elettronici della velocità
Grigioni
19 ore

Utile milionario per il Comune di Grono

Il Consuntivo 2021 passa da una prevista perdita di 220mila franchi a un avanzo d’esercizio di 928mila, grazie in particolare a maggiori entrate fiscali
Bellinzonese
19 ore

Bellinzona, yoga al castello Montebello con i Verdi

Appuntamento per domenica 26 giugno dalle 10 alle 11 nel prato interno
Locarnese
19 ore

Rinnovo funivie nelle Centovalli: tempistica e costi

Interrogazione al Municipio sul maxiprogetto da 11,7 milioni di franchi da parte del consigliere Stefan Früh
Mendrisiotto
19 ore

C’è anche Vacallo: via libera al Consorzio idrico

Dopo Chiasso, Morbio Inferiore e Balerna, è arrivato il quarto e ultimo sì alla costituzione del servizio idrico del Basso Mendrisiotto
Bellinzonese
19 ore

Mercato sul passo del Lucomagno

Domenica 26 giugno dalle 10 alle 16 si potranno trovare specialità montane e dell’alpe
Bellinzonese
19 ore

Galleria del Gottardo chiusa per incidente con feriti

Le collisioni intorno alle 14.15 nella parte urana del traforo. Tunnel chiuso fino a nuovo avviso
Locarnese
19 ore

Brissago, tiro in campagna e obbligatorio

Il programma si svolgerà allo stand di Piodina
Bellinzonese
19 ore

Inaugurazione della capanna Gesero alla Biscia

Appuntamento per sabato 2 luglio
Locarnese
20 ore

Verzasca, inaugurazione della Capanna Efra

La Società escursionistica verzaschese organizza una giornata speciale
Mendrisiotto
20 ore

‘Di sguardi sospesi’ in mostra a Casa Cantoni

L’esposizione fotografica di Stefano Spinelli che vede protagonisti i richiedenti l’asilo sarà inaugurata sabato 9 luglio a Cabbio
Luganese
21 ore

Passaggio di testimone in diverse parrocchie del Distretto

La Curia vescovile annuncia vari avvicendamenti. L’amministrazione di Cadro e Davesco-Soragno sarà affidata a don Davide Droghini
Bellinzonese
21 ore

Omar Bernasconi lascia il Municipio di Biasca

Il vicesindaco si dimette per motivi professionali. Al suo posto l’ex presidente sezionale Dante Caprara
Mendrisiotto
21 ore

‘Annuario Chiasso e Mendrisiotto’, pronta la nona edizione

Il 2021 del Distretto rivive nella tradizionale pubblicazione, tra la storia delle manifestazioni sul territorio e vari approfondimenti
Luganese
21 ore

Tesserete, è uscito il 34esimo Mosaico

La Scuola media offre a tutta la popolazione la tradizionale rivista confezionata dagli allievi che racconta le storie della Pieve
Ticino
1 gior

‘Ticino a te’, una vetrina per la produzione agroalimentare

La campagna lanciata dal Centro di competenze agroalimentari vuole far conosce l’ampiezza dei prodotti che il Ticino offre
30.03.2022 - 11:30
Aggiornamento : 15:19

Dal nido alle elementari, quando la scuola include

Le esperienze dell’Istituto scolastico di Balerna che a settembre ‘esporterà’ il suo modello a Novazzano. Atgabbes e Famiglie diurne stringono un’alleanza

Includere e non escludere. Perché la scuola è un diritto di tutti, anche dei piccoli alunni che la vita mette subito alla prova. All’Istituto scolastico di Balerna da anni ormai ne hanno fatto un caposaldo e oggi difficoltà nello sviluppo o ritardi evolutivi, quindi nell’apprendimento, non fanno più paura. La piccola comunità si ‘allena’ da tempo, del resto. La presenza sul territorio da oltre cinquant’anni a questa parte di una realtà come la Provvida Madre ha insegnato ad aprirsi al mondo della disabilità. Un’apertura che oggi permette di ‘contaminare’ pure altre sedi scolastiche – come nel caso di Novazzano – e di contribuire a spianare la strada a nuovi progetti. Consapevoli che senza tenacia, impegno e disponibilità a mettersi alla prova da parte del corpo docente non si va da nessuna parte. Tanto fra le mura della sede scolastica locale che nel mondo di Atgabbes, l’Associazione ticinese di genitori e amici dei bambini bisognosi di educazione speciale, ne fanno il loro pane quotidiano. In caso contrario oggi non sarebbe possibile accingersi a varare, il settembre prossimo, una sezione inclusiva di scuola dell’infanzia a Novazzano o rinsaldare l’alleanza tra Atgabbes e l’Associazione famiglie diurne del Mendrisiotto, che al Boscoiattolo, sempre a Novazzano, ha dato vita a un nido e un preasilo inclusivi.

Oggi è un approccio istituzionale

Quando ne parla Christian Pagani, alla direzione degli Istituti scolastici di Balerna e Novazzano, si entusiasma come il primo giorno. Eppure, racconta a ‘laRegione’, è da cinque lustri che la stretta collaborazione con la Provvida Madre ha permesso di spalancare le porte prima della Materna e, un passo dopo l’altro, di introdurre negli ultimi cinque anni questo approccio anche alle Elementari (e in modo istituzionale), dando modo ai bambini di proseguire nel loro percorso di integrazione scolastica e sociale. «Quest’anno – ci spiega – abbiamo inserito tre alunni in quinta e altrettanti in terza. E per la prima volta concluderemo con loro il ciclo di scuola elementare», sottolinea con giustificato orgoglio. Una esperienza consolidata che ha incoraggiato a ‘esportare’ questo modello. «Ci siamo trovati con tre bambini della scuola speciale a Novazzano e abbiamo avanzato la proposta, poi accettata dal Cantone, di inserire da settembre nelle tre sezioni locali di scuola dell’infanzia una classe inclusiva – conferma il direttore –: i piccoli partiranno da lì e poi gradatamente entreranno a far parte delle sezioni esistenti, secondo un’equa ripartizione; e saranno seguiti da due operatori che collaboreranno con i docenti della sede».

I quattro punti cardinali

Parole, quelle di Pagani, che danno il senso di quanto questo cammino sia stato proficuo. «Lo è stato senz’altro – ci dice –. Grazie a un docente stiamo analizzando questi venticinque anni di esperienza a Balerna, confrontandoli con il modello più classico delle classi inclusive presente a livello cantonale e che prevede l’inserimento di questi bambini ma in un’unica sezione privilegiata». Di fatto da tempo avete scelto una via diversa? «In effetti, sì. Una strada che ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi – fa presente Pagani –. Innanzitutto, serve avere qualche persona in più. Il grosso vantaggio, però, è l’equa distribuzione degli alunni sulle sezioni: ciò significa che tutti i docenti della sede vengono coinvolti. Detto altrimenti, chi decide di venire a insegnare a Balerna sa che potrebbe essere chiamato a confrontarsi con l’inclusività: fa parte della politica dell’Istituto. Un altro aspetto a favore di questa formula riguarda la collaborazione con i docenti di scuola speciale per le tecniche di insegnamento e la didattica. Un terzo punto interessante, poi, è la valutazione degli allievi, visti sotto un’ottica diversa. Infine, un quarto vantaggio ruota attorno al dialogo con i genitori, dai quali non ho mai avuto nessuna resistenza. Anzi, si interessano del futuro dei compagni dei loro figli. Insomma, nelle loro differenze tutti i bambini hanno diritto alla scolarizzazione. Con le loro potenzialità, tocca ai maestri offrire a ciascuno gli strumenti per apprendere».

‘Abbiamo fatto un sondaggio, è positivo’

Sembra di capire che la scuola a Balerna abbia trovato alleati preziosi. «Di recente – ci illustra ancora il direttore – abbiamo effettuato un sondaggio interno tra genitori, docenti e docenti speciali e stiamo raccogliendo i risultati: sono rientrati circa 200 formulari. Da un primo esame, però, sono tutti positivi, sia per i bambini – la stimolazione di chi è in difficoltà –, sia per l’aspetto sociale ed educativo degli altri allievi, con la loro responsabilizzazione. Del resto, quando si ritiene che un bimbo possa essere parte di una sezione di scuola dell’infanzia o elementare, non viene modificato l’assetto delle attività collaterali: tutti allo stesso modo frequentano le ore speciali, ovvero ginnastica, arti plastiche, canto. Ed è così anche per le uscite di scuola montana, con un supporto. È capitato in una quinta, dove una allieva in carrozzina ha potuto partecipare a un’uscita: siamo noi a esserci adattati nella scelta del mezzo di trasporto. E d’altro canto, per ogni anno abbiamo una figura di riferimento: quest’anno per quinte e terze vi sono due educatori a tempo pieno. Nelle classi, a turno, c’è dunque sempre la presenza di due insegnanti».

Questione di cultura

A Balerna, quindi, non si fanno differenze e nel limite del possibile non si preclude nulla a nessuno. E i primi a vivere con naturalezza la vicinanza dei loro compagni davvero ‘speciali’ sono i bambini. «Come detto, la presenza della Provvida Madre sul territorio, il suo inserimento nel contesto sociale, ha dato modo di coltivare una sensibilizzazione e una consapevolezza diverse nella comunità. Chiaro, ci vuole una cultura di fondo e tempo per arrivarci», ribadisce Pagani. Un approccio che a distanza di tempo, il direttore ne è convinto, ha dato risultati evidenti, soprattutto a beneficio dei bambini. «Mi viene alla mente un piccolo alunno. Alla scuola dell’infanzia si diceva che non avrebbe parlato, oggi è in quinta e si fa fatica a farlo stare zitto». Ora porterete tre bambini a concludere il ciclo delle elementari. E poi? «Laddove non è possibile un inserimento nella scuola media si pensa a degli sbocchi personalizzati: da settembre a ciascuno si è trovato la sua strada, grazie anche al raggiungimento di un certo grado autonomia».

Poi c’è la politica

Nella crescita della vostra esperienza avete sentito l’appoggio delle autorità? «Tanto il Comune di Balerna che quello di Novazzano quando abbiamo presentato il progetto ci hanno sostenuto. Anche la proposta per Novazzano non ha incontrato la minima resistenza: subito si è ritenuto giusto e doveroso andare in questa direzione. Inoltre, sul piano cantonale il Decs – il Dipartimento educazione, cultura e sport, ndr – è sensibile sotto questo aspetto e permette questo tipo di inserimenti, monitorati, che dimostrano di funzionare. C’è apertura in questo senso anche nelle risorse messe a disposizione». Il settembre scorso tra Materna e Medie sono partite 33 classi esclusive.

Pagani sente, altresì, di muoversi in un Distretto ‘fertile’ pure da questo punto di vista. «Il Mendrisiotto si sta muovendo bene sul tema dell’inclusione – conferma –. Pensiamo anche all’esperienza delle le Unità differenziate e al progetto pilota ‘Time out’ (in campo a Breggia, ndr) e agli ottimi risultati ottenuti sin qui. D’altra parte, un fattore importante per lo sviluppo di questi bambini è proprio la territorialità e la possibilità di frequentare la scuola vicino a casa; e al termine di poter restare e inserirsi sul loro territorio nel mondo del lavoro. Si ritrovano con i compagni al parco giochi come nelle associazioni e anche le famiglie non si sentono emarginate ma parte della comunità. Le realtà che centralizzano di più portano allo sradicamento».

Ecco perché a Balerna ma non solo ci si sente pronti alla sfida presentata dall’inserimento in classe dei bambini fuggiti dalla guerra in Ucraina. Solo nel Comune se ne contano oggi sei alle elementari, due alle Medie e due più grandi.

L’apripista Atgabbes

‘Inclusione: prima è, meglio è’

Il preasilo inclusivo di Novazzano non è che l’ultimo di una lunga serie di punti d riferimento per mamme, papà e piccolissimi. Una esperienza che dà forza a una collaborazione preziosa, quella stretta tra Atgabbes e le Famiglie diurne del Mendrisiotto. Del resto, è dalla fine degli anni Novanta che l’Associazione di genitori crede nell’inclusione. «Il primo servizio lo abbiamo aperto a Pedevilla: oggi ne contiamo sei – ripercorre Donatella Oggier-Fusi, coordinatrice settore consulenze –. Possiamo dirlo senza paura di essere smentiti: in questi anni Atgabbes ha dato un bello slancio, portando avanti questo discorso e sperimentando».

L’Associazione, d’altro canto, ha compreso un aspetto importante. «Abbiamo capito che bisognava iniziare il più presto possibile. Non a caso il nostro motto è sempre stato ‘prima iniziamo, meglio è’. Quindi, abbiamo cominciato a offrire la possibilità di far capo a preasili integrati. Così dopo Pedevilla nel 2006-7 è nato a Lugano, poi nel 2018 a Locarno: tre nostre strutture nelle quali accogliamo sia bambini senza difficoltà, sia con disabilità fra i 2 e i 4 anni. E negli ultimi anni la società si è interessata all’inclusione, di conseguenza i nostri preasili si sono reinventati».

‘Una risposta ai bisogni’

Un chiaro esempio è appunto quello di Novazzano. «Ci è arrivata la richiesta a favore di bambini con disabilità che avevano bisogno di interagire con i loro coetanei. E allora – ci fa capire la coordinatrice –, anziché aprire una struttura ex novo e a fronte dei bisogni, mirati, delle famiglie, ci siamo detti: perché non collaborare con nidi già operativi sul territorio in grado di rispondere alle esigenze dei genitori che lavorano garantendo un servizio sull’arco della giornata. È il caso di Novazzano con una struttura aperta tutti già consolidata e nella quale noi mettiamo le nostre competenze in pedagogia speciale; così che mamme con bimbi con disabilità possano accedere a quell’offerta».

‘Includere è prendersi cura’

E questo, ci rende attenti Donatella Oggier-Fusi, è uno snodo importante. «Includere vuol dire anche prendersi cura nella dovuta maniera: servono risorse e competenze». E allora, rimarca, si rivelano strategiche le alleanze che si riescono a costruire sul territorio. Biasca è stato il primo nido, nato d’intesa con una iniziativa privata già esistente e sostenuta dal Comune locale: in cima alle Tre Valli c’era una necessità reale. Poi si è approdati a Magliaso, nel preasilo comunale gestito dalle mamme, poi è stata la volta di Novazzano. Un percorso non facile che oggi, ci dice, funziona. «Di fatto noi entriamo con una nostra risorsa specializzata che piano piano trasmette le sue competenze all’equipe, che assicura così la continuità del servizio e la tranquillità delle famiglie. Lo scopo è espandere e condividere le competenze grazie a una collaborazione armoniosa».

Atgabbes, annota ancora la coordinatrice, ha «sempre messo l’accento sul prescolastico. È importate iniziare a sensibilizzare tutte le famiglie già quando i figli sono piccoli. Sostenere il prima possibile le mamme con bimbi disabili, che spesso si sentono sole, stanche o stressate, è importante. Purtroppo le resistenze non mancano. Un’opera che ci viene riconosciuta dal Cantone, che crede molto nel nostro lavoro, ed è resa possibile da soci e donatori. In questo il Ticino in Svizzera è stato all’avanguardia. In fondo includere è andare nei luoghi ordinari e mettere abbastanza risorse affinché tutti possano essere accolti indipendentemente dai loro bisogni. In caso contrario si penalizza due volte».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
atgabbes balerna christian pagani donatella oggier-fusi novazzano scuola inclusiva
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved