il-social-truck-cerca-nuovi-partner-per-aiutare-ancora-i-giovani
L’iniziativa è stata molto apprezzata dai ragazzi
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
7 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
7 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
9 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
9 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
9 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
9 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
10 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
10 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
Grigioni
10 ore

Grono, chiusura notturna della H13 Strada Italiana

Da lunedì 18 luglio a mercoledì 20 luglio dalle 22 alle 5 la tratta rimarrà chiusa alla circolazione per i lavori alla chiesa San Bernardino
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio al lavoro per ridurre l’edificabilità

Sui Piani regolatori il Municipio intende giocare d’anticipo. Con l’obiettivo di tutelare i comparti sensibili
Ticino
11 ore

Insieme a luglio arrivano i radar

La polizia comunica in quali località verranno effettuati settimana prossima i controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
Luganese
11 ore

Plan B Lugano, il governo: ‘Rischio ridotto di riciclaggio’

Rispondendo a un’interrogazione, il Consiglio di Stato smorza le preoccupazioni in virtù della natura locale delle transazioni in criptovalute
Mendrisiotto
11 ore

Occhi puntati su Simonetta Sommaruga. ‘Ne sono cosciente’

Dalle corsie A2 ad AlpTransit, la direttrice del Datec sa che le resistenze dei momò sono forti e le aspettative elevate
Ticino
11 ore

Galeazzi (Udc): ‘L’aliquota fiscale sarà adeguata dal 2023?’

Il deputato democentrista interroga il Consiglio di Stato: ‘Con la ‘progressione a freddo’ il contribuente si troverebbe a pagare meno imposte’
Bellinzonese
11 ore

Si cerca Giuseppe Brioschi, è scomparso martedì da Bellinzona

La polizia prega chiunque dovesse vederlo di chiamare il Comando allo 0848 25 55 55.
Luganese
11 ore

Camignolo, ecco i migliori allievi delle scuole medie

Premiati per la miglior media raggiunta alla fine dell’anno scolastico 2021-2022
Ticino
11 ore

Carceri, agenti di custodia cercansi: aperto il concorso

Il direttore Laffranchini parla a laRegione del numero di assunzioni che potrebbero esserci. Il 20 luglio serata informativa a Rivera
Ticino
12 ore

La campagna ‘Montagne sicure’ allarga il raggio d’azione

Quest’anno particolare attenzione a segnaletica dei sentieri, e-bike, cani da protezione delle greggi e vacche nutrici. Gobbi: ‘Collaborazione importante’
Bellinzonese
13 ore

Cerimonia di passaggio del comando delle Scuole sanitarie 42

Daniele Meyerhofer venerdì 1° luglio ha riconsegnato la bandiera, il comando della scuola e della piazza d’armi a Silvano Barilli
Bellinzonese
13 ore

Centro sci nordico, fallita la società incaricata della gestione

La Sagl responsabile di ristorante e albergo ha depositato i bilanci. A pesare sarebbero i costi di gestione. Questa sera l’assemblea della Sa.
Bellinzonese
13 ore

Festa della Madonna del Rosario con Milizia napoleonica

La manifestazione avrà luogo domenica 3 luglio ad Aquila: alle 8 presa della bandiera e saluto delle autorità, poi Santa Messa e processione
Grigioni
14 ore

Ferma alcuni giorni la teleferica Arvigo-Braggio

La linea rimarrà chiusa per importanti lavori da martedì 5 luglio alle 8 fino a venerdì 8 luglio alle 17
Grigioni
15 ore

Soazza, è tempo di open air ‘Rock di Fra’

La manifestazione è in calendario sabato 9 luglio a partire dalle 18, ora in cui entrerà in funzione anche una fornitissima griglia
Bellinzonese
15 ore

Osco, sagra di San Bernardo a Freggio

Domenica 10 luglio alle 10.30 è in programma la Santa Messa con banco dei dolci e aperitivo, seguirà poi il pranzo all’azienda agricola ‘La Parpaiora’
Grigioni
15 ore

Torna la SanbeRun, la ‘classica’ attorno al lago

Domenica 10 luglio è in programma la nuova edizione della corsa podistica sulle strade di San Bernardino
Gallery
Ticino
16 ore

Da Sciaffusa a Mendrisio: il Consiglio federale in Ticino

Prima la visita a Tenero, poi lo spostamento nel Sottoceneri. Dove, dopo la parte ufficiale, i sette ‘saggi’ hanno incontrato la popolazione.
Mendrisiotto
16 ore

Zigzag in autostrada, multati vari motociclisti

La Polizia cantonale ha riscontrato 31 infrazioni durante alcuni controlli fatti a maggio e giugno.
Locarnese
16 ore

Lavori in corso per gli scali della Navigazione Ascona-Locarno

La prima fase per la sostituzione dei vecchi pali degli imbarchi partirà il 4 luglio e si protrarrà fino al 15 luglio.
Locarnese
17 ore

Lilly Polana espone alla Galleria Amici dell’Arte di Brissago

Mostra personale dedicata all’artista di Montagnola e ai suoi quadri realizzati unicamente con francobolli
Locarnese
17 ore

Tè danzante a Tenero

Al Tertianum Al Vigneto l’appuntamento con la musica è per martedì prossimo
Bellinzonese
18 ore

‘Pranzo dell’amicizia’ con il Gruppo ATTE Leventina

La giornata è in programma giovedì 14 luglio ai laghetti Audan ad Ambrì, obbligatorio iscriversi entro il 10 luglio
Bellinzonese
18 ore

Il Piccolo Museo della Scatola di Latta riapre i battenti

Da domenica 3 luglio sino al 31 ottobre a Grumarone è possibile scoprire i quasi 6’500 pezzi della collezione di Franco Grassi
Bellinzonese
19 ore

‘Sua figlia ha avuto un incidente’, ma è una truffa

Una sedicente poliziotta al telefono ha chiesto, invano, a una 78enne del Bellinzonese 50mila franchi per evitare a sua figlia la prigione
Locarnese
19 ore

Russo, lavori agricoli nella campagna Grande

Prosegue il lavoro nell’ambito del progetto di riqualifica di questi terreni in alta Onsernone
19.05.2022 - 08:58
Aggiornamento: 15:10

Il Social Truck cerca nuovi partner per aiutare ancora i giovani

Il servizio offerto ai ragazzi di Bellinzona necessita di nuovi fondi visto che a settembre finiranno i sussidi della Confederazione

Il furgone itinerante che da quasi tre anni aiuta i giovani tra gli 11 e i 19 anni del Comune di Bellinzona a far diventare realtà progetti ideati e proposti dagli adolescenti stessi «è stato molto apprezzato». Alicia Iglesias, fondatrice e responsabile del cosiddetto Social Truck, stila un bilancio molto positivo di questo progetto. Un progetto la cui fase sperimentale si concluderà a settembre, quando terminerà anche il sostegno della Confederazione che su un costo totale di 700mila franchi ne ha sussidiati la metà. L’auspicio è quindi quello di riuscire a proseguire con questa iniziativa «che è ormai diventato un servizio tutti gli effetti», afferma a ‘laRegione’ la responsabile del settore giovani della cooperativa Baobab (che promuove questo progetto). Per continuare con questo lavoro è quindi necessario trovare nuovi fondi e l’appello è in particolare rivolto alla Città di Bellinzona, ma anche ai Comuni limitrofi e a fondazioni o altri enti disposti a sostenere il ‘furgone sociale’. Social Truck che sarà visitabile sabato 28 maggio in occasione delle porte aperte della Cooperativa Baobab (via V. Vela 3). Maggiori informazioni su www.cooperativabaobab.ch e su www.thesocialtruck.ch.

Alicia Iglesias, qual è l’obiettivo del Social Truck?

L’intento è quello di dare ai ragazzi, grazie al lavoro sul territorio, uno spazio di espressione, ascoltando i loro bisogni e le loro idee. Quindi far sì che lo spazio urbano diventi un luogo dove i giovani possano esprimersi attraverso progetti nati e promossi da loro. Insomma, rendere una piazza o un parco un posto dove le loro idee diventino realtà. Il concetto che sta dietro a questo progetto è ‘crescere attraverso il fare’, ovvero dare spazio a una manualità che risponde alle loro passioni.

E come riuscite in questo intento?

Il nostro lavoro si divide in due fasi: la prima prevede di recarsi con il nostro furgone nei luoghi di ritrovo dei giovani e sviluppare con loro una relazione di fiducia, instaurando un rapporto. Cerchiamo di farci raccontare quali sono i loro bisogni e nel caso dovessero emergere problematiche più profonde (come una situazione familiare complessa), cerchiamo di accompagnarli verso i servizi preposti. Ovviamente questo processo richiede tempo, ma una volta instaurata la fiducia passiamo alla seconda fase: li aiutiamo a lavorare sulle proprie passioni, sui propri talenti, a sviluppare le proprie abilità, sostenendoli poi in progetti che propongono loro stessi.

Concretamente?

Ad esempio il Truck è stato costruito proprio con l’aiuto di alcuni ragazzi. Altri giovani appassionati di calcio, hanno invece organizzato un torneo locale di street soccer (che poi è stato riproposto a livello regionale). Durante questa manifestazione, altri adolescenti hanno potuto svolgere attività legate alle loro passioni, come mettere musica o fare fotografie. Vi sono pure ulteriori progetti legati alla musica: dallo scrivere canzoni, condividendo momenti di riflessione sui testi, alla creazione di una playlist dedicata al carnevale, quando quest’ultimo non si è svolto a causa della pandemia. Interagiamo anche con un gruppo di giovani che frequenta lo Skate Plaza. Interazione che ha portato alla posa di alcune panchine così come di una fontana. Tutti i progetti permettono ai ragazzi di sentirsi parte di qualcosa: vedere realizzate le loro idee li aiuta anche a sentirsi parte di una comunità. Non da ultimo, il Truck permette anche di sbagliare, e va bene così, perché è anche attraverso questi che si impara.

La pandemia che influsso ha avuto?

Il progetto è partito nel novembre del 2019 e a marzo del 2020 c’è stato il primo lockdown. Va però detto che il risultato è stato ottimo malgrado la pandemia. Non ci siamo mai fermati: abbiamo organizzato molti eventi online. Questo ci ha permesso di mantenere costante la relazione con i ragazzi e di mantenere molti contatti privilegiati: il bisogno dei ragazzi era anche quello di potersi aprire individualmente. Quando poi è finito il lockdown, sono comunque rimaste delle restrizioni che hanno limitato il nostro lavoro. Anche in questo caso ci siamo però reinventati: abbiamo deciso di lasciare il furgone fermo (visto che era uno spazio ristretto) e andavamo in giro a piedi. Inoltre abbiamo anche sfruttato gli spazi della Cooperativa Baobab.

Come è stato accolto il Social Truck dai ragazzi?

Molto bene, a tal punto che, dai dati raccolti, è emersa la richiesta di una maggiore presenza del furgone sul territorio. E questo è sicuramente un risultato molto positivo. Il lato negativo è che diversi progetti sono fermi, perché non abbiamo tempo per realizzarli. In ogni caso, questo dimostra che l’interesse c’è. Un altro aspetto importante è che i giovani si riconoscono nel Social Truck: sanno che possono parlare liberamente dei loro problemi, che possono affrontare questioni che in altre occasioni non tematizzano. Lo vedono inoltre come uno mezzo che permette loro di conoscere nuovi spazi, visto che si recano nei luoghi dove si trova il furgone, magari dall’altra parte della città.

Purtroppo, spesso si parla di giovani solo quando succede qualcosa di negativo. Recentemente, ad esempio, un ragazzo è stato pestato a margine di un concerto all’Espocentro. Come affrontate questi fatti?

Si è trattato di un episodio di violenza di cui abbiamo parlato. Lo abbiamo affrontato, ragionando sui motivi che portano a questi atti. Insomma, li abbiamo portati a riflettere, aiutandoli a sviluppare un pensiero critico verso certi comportamenti. In generale di questo episodio si è parlato molto perché è stato tematizzato dai media, ma non bisogna dimenticare che noi ci confrontiamo anche con sofferenze meno evidenti. Fra i giovani notiamo spesso una certa rassegnazione e paura del futuro, così come un sentimento di non sentirsi accolti, di essere etichettati solamente come quelli che fanno casino. Se a ciò poi aggiungiamo storie familiari complicate, allora diventa davvero difficile per ragazzi di 14-15-16 anni credere in un miglioramento, in un futuro migliore. A quell’età dovresti pensare di avere il mondo in mano e non di averlo perso. Con il Truck cerchiamo quindi di offrire una via, un modo per affrontare la quotidianità: li portiamo a fare qualcosa che a loro piace, a trovare soluzioni anche quando si commettono errori, a cambiare se qualcosa non funziona. E tutto questo permette loro di tornare a credere nella vita, riscattando anche quell’immagine negativa che viene spesso accollata agli adolescenti.

In passato a Bellinzona è più volte stata evocata l’idea di un centro giovanile, ma non si è mai arrivati a una concretizzazione. Bisognerebbe fare qualcosa di più per i giovani?

Bisogna investire in quello che c’è già, scostandosi un po’ dall’idea di generare contesti chiusi, dedicati esclusivamente a una categoria di persone. Bisognerebbe quindi puntare maggiormente sul concetto di inclusione, su un contesto urbano che appartenga agli anziani, agli adulti e ai giovani. Ben vengano i centri giovanili, ma l’esperienza mi ha portato a capire che i ragazzi vogliono vivere la città. È inoltre importante lavorare in sinergia con i servizi già esistenti.

Da alcuni mesi a Bellinzona sono attivi due operatori di prossimità che offrono consulenza, sostegno e ascolto nelle situazioni di disagio sociale. Vi è una collaborazione con queste figure?

L’idea è proprio quella di costruire una sinergia e non duplicare un servizio, promuovendo la collaborazione e valorizzando le risorse presenti e già attive.

‘Investire in quello che c’è già’. Come il Social Truck?

L’obiettivo è quello di riuscire a proseguire con questo progetto che risponde a un bisogno reale e che, consolidandosi, è ormai diventato un servizio a tutti gli effetti. Un progetto che è stato portato avanti finora grazie al sostegno della Confederazione, della Città di Bellinzona e del Cantone. Gli aiuti federali, tuttavia, finiranno a settembre al termine della fase di sperimentazione durata tre anni. Ora il desiderio è quello di andare avanti con Bellinzona che ha già mostrato di essere interessata, come pure il Cantone. Ma stiamo prendendo contatti anche con i Comuni limitrofi e ci rivolgiamo anche a fondazioni o enti che potrebbero sostenerci.

Cosa serve quindi per proseguire?

Abbiamo bisogno di un politica che creda anche nel lavoro sociale con i giovani (politiche giovanili) informale svolto sul territorio. Se la politica non sostiene questo tipo di lavoro, diventa molto difficile proseguire. Ricordo che si tratta anche di qualcosa di nuovo: siamo un ibrido tra il lavoro di strada e l’animazione socioeducativa. Il nostro atout è proprio il fatto di concretizzare idee, passando dall’incontro sul territorio con i ragazzi. Infatti è stato il primo progetto in Ticino che ha ricevuto un finanziamento in quest’ambito dalla Confederazione. Inoltre abbiamo ricevuto anche due riconoscimenti a livello federale: nel 2019 il 2° posto al Prix jeunesse e nel 2021 abbiamo ricevuto il Prix citoyenne (promozione alla cittadinanza).

Renato Bison

‘La Città continuerà a sostenere il progetto’

«La Città ha apprezzato il lavoro fatto finora e intende continuare a sostenere il Social Truck anche in futuro». Renato Bison, a capo del Dicastero educazione, cultura, giovani e socialità della Città di Bellinzona, reputa infatti questo progetto «meritevole», sottolineando che il Municipio è di principio pronto a «garantire l’importo di 62mila franchi annui anche per i prossimi tre anni». Tuttavia, «non sarà possibile coprire l’intera somma concessa dalla Confederazione» per la fase di sperimentazione che, ricordiamo, ammontava a circa 350mila franchi per il periodo 2019-2022.

‘Importante coinvolgere anche i Comuni limitrofi’

La sfida per il Social Truck è quindi quella di riuscire a raccogliere fondi per compensare quanto verrà a mancare dal prossimo settembre. Una possibilità sarebbe quella di chiedere un finanziamento più consistente al Comune che comunque contribuisce già con una «somma importante» al progetto, sottolinea il municipale. Per farlo sarà tuttavia necessario inoltrare un’apposita richiesta che dovrà dapprima essere approvata dal Municipio e in seguito dal Consiglio comunale. Anche se questa richiesta venisse accolta, non basterà, però, per pareggiare il contributo della Confederazione. Un’altra strada è quindi quella di coinvolgere anche i Comuni limitrofi, un strategia giudicata in modo positivo da Bison: «I giovani che frequentano Bellinzona provengono ovviamente anche dal territorio esterno al Comune». Sarebbe quindi ideale che «pure i Comuni limitrofi contribuiscano per far proseguire questo progetto che offre un servizio molto importante ai giovani dell’intera regione». Il municipale si dice quindi «disponibile ad accompagnare i responsabili del Social Truck durante gli incontri con i Comuni limitrofi per sottolineare la bontà di questo progetto, che Bellinzona sostiene, così come il Cantone». Oltre a ciò servirà però anche il sostegno di enti e fondazioni private. Insomma, per proseguire «serve una base finanziaria solida e nel caso non si riuscisse a ottenere l’intera somma a disposizione attualmente, si dovrà anche prendere in considerazione la possibilità di ridimensionare questo servizio».

‘Una base per il futuro dei ragazzi’

Un servizio che Bison reputa in modo molto positivo per diversi aspetti: «Il fatto di recarsi nei luoghi dove i ragazzi si incontrano solitamente, aiutandoli a realizzare progetti proposti da loro, contribuisce a fissare basi importanti per il loro futuro». Un altro aspetto importante è che il Social Truck, operando direttamente sul territorio, riesce anche a «individuare e segnalare ai servizi preposti situazioni difficili, critiche o addirittura pericolose». Svolge quindi un lavoro di «prevenzione, monitorando eventuali criticità». Anche secondo il capodicastero Educazione, cultura, giovani e socialità, il ‘furgone sociale’ non rappresenta un doppione di altri servizi come gli operatori di prossimità. Queste ultime figure si occupano infatti di persone di tutte le fasce di età (non solo giovani) in estrema difficoltà «in modo mirato». Uno dei compiti del Social Truck è, invece, proprio quello di «evitare che si arrivi a situazioni di tale gravità».

Anche se in gran parte il bilancio del Social Truck è positivo, vi è ovviamente anche margine per migliorare alcuni aspetti. In particolare, stando a Bison, sarebbe da perfezionare «la collaborazione quotidiana con l’amministrazione comunale».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alicia iglesias baobab social truck
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved