ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
14 min

La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina

Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
14 min

Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro

Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
7 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
7 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
7 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
9 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
10 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
10 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
11 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
12 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
12 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
13 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
14 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
14 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
14 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
14 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
14 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
14 ore

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
15 ore

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
15 ore

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
laR
 
12.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 19:11

‘Il mio compagno di classe si chiama Sergej’

A Stabio l’Istituto scolastico apre le porte a un bambino di 11 anni, fuggito dall’Ucraina con la mamma. Mentre a Chiasso e Mendrisio ci si prepara

il-mio-compagno-di-classe-si-chiama-sergej
Il benvenuto dei compagni di classe

La vita del piccolo Sergej è cambiata nello spazio di meno di due settimane. In una quindicina di giorni si è ritrovato catapultato dalla sua classe di quinta elementare in Ucraina a un’aula dell’Istituto comunale di Stabio, che lo ha accolto a braccia aperte. Undici anni, è fuggito dal suo Paese in guerra con la mamma, sapendo che ad aspettarlo, da questa parte dell’Europa, c’era sua nonna. Un lungo viaggio in auto e attese interminabili al confine della Romania, dove sono rimasti due giorni. Poi l’Italia e il Ticino. Giusto il tempo di arrivare e di guardarsi un po’ attorno e lunedì Sergej faceva il suo ingresso a scuola a Stabio, dove vive una piccola comunità ucraina. La popolazione locale e soprattutto i suoi compagni hanno cercato di farlo sentire a casa. Al suo fianco c’è un coetaneo che ha le stesse sue radici, ma è nato qui, e con il quale può parlare in russo. Un modo per farlo sentire meno solo e disorientato.

‘Siamo contenti di averlo con noi’

«Adesso il nostro obiettivo primario – spiega a ‘laRegione’ la direttrice dell’Istituto scolastico comunale Sonia Lurati – è quello di restituire a Sergej un momento di benessere e la possibilità di passare del tempo con i suoi coetanei in modo spensierato». Non si trascurerà neppure la didattica, anche se l’undicenne si ritrova confrontato con un’altra realtà scolastica. «Alcune materie sono universali, altre no: farà ciò che può. Ci lasceremo sorprendere». Sin qui non sono giunte direttive particolari da seguire. «In situazioni simili si va di buon senso e di cuore – fa presente la direttrice –. Del resto, i bambini hanno delle splendide risorse e hanno accolto il loro compagno ucraino in modo eccezionale, dandogli il benvenuto tramite dei disegni. L’Istituto ha aperto le sue porte e questo è bello. Noi ci siamo, per lui e la sua mamma».

I piccoli alunni sanno bene, d’altro canto, cosa sta succedendo a casa di Sergej. La guerra è entrata anche in classe. «La scuola è un microsistema – rende attenti Sonia Lurati – e contiene tutto quello che succede fuori, incluso il tema dei conflitti. Poi tocca a noi affrontarlo con i bambini, facendone un’occasione di formazione. La stessa esperienza della pandemia da Covid-19 ci ha portato a cumulare delle competenze inaspettate». Le domande e le curiosità, in effetti, non sono mancate da parte degli allievi, nemmeno in questo caso. «Una cosa è certa, metteremo l’accento sul concetto della pace».

Un tetto per i profughi

‘Chiasso offra La Perfetta’

Dare un tetto sopra la testa (ma un tetto vero), oltre a solidarietà e accoglienza. In tutto il Mendrisiotto si è subito aperto il cuore ai tanti profughi ucraini in fuga dalle cannonate e dai missili che stanno facendo a pezzi il loro Paese. Una volta di più istituzioni comunali e cittadini hanno, infatti, risposto ‘presente’ all’appello e si sono mobilitati, senza risparmiarsi. La preoccupazione di molti, anche fra i politici locali, è che queste persone si ritrovino a passare dai rifugi e dalle cantine delle loro città – unico riparo dalle bombe – ai bunker svizzeri. Per far sì che la permanenza negli spazi della Protezione civile sia davvero temporanea, e dettata dalla necessità di ridistribuire gli arrivi sul territorio, servono però altre soluzioni logistiche. In questi giorni i Municipi di Balerna e Castel San Pietro si sono già fatti avanti offrendo, in un caso, il centro climatico di Bosco Gurin e sei appartamenti protetti del Centro degli anziani, e nell’altro un alloggio comunale. Ma non è che l’inizio. Mendrisio segue passo dopo passo l’evolversi della situazione e sta censendo le strutture cittadine così da tracciare una mappa dell’accoglienza. Mentre Chiasso si sta preparando a divenire, ancora una volta nella sua storia di frontiera, l’avamposto di quello che è ormai un vero e proprio esodo, in particolare di donne e bambini.

‘Serve una soluzione adeguata’

Nella cittadina è stato Claudio Schneeberger, consigliere comunale del gruppo Lega-Udc, a lanciare nelle ultime ore una proposta. Idea che in poco tempo ha fatto breccia anche nelle altre forze politiche. Tant’è che con i colleghi Amedeo Mapelli (Ppd+Gg-Verdi liberali-Ind.), Christian Bruccoleri (Plr) e Antonia Boschetti (Unità di Sinistra-I Verdi-Ind.) c’è l’intenzione, all’inizio della settimana, di vestire la richiesta di ufficialità. Una presa di posizione che si va ad aggiungere, del resto, all’interrogazione firmata da Us-I Verdi per mano di Francesca Bernasconi Bedulli e la stessa Boschetti e che è decisa a promuovere "una concreta azione di accoglienza e di solidarietà". L’esortazione rivolta al Municipio è, in buona sostanza, quella di essere attore dell’ospitalità sul piano logistico e organizzativo. E l’esecutivo non si è tirato indietro. Anzi, le sollecitazioni hanno incrociato l’agire dell’autorità.

«Mi sono detto: occorre garantire a questi profughi una sistemazione adeguata. E allora – spiega a ‘laRegione’ Schneeberger – ho pensato alla Scuola verde del Comune, La Perfetta ad Arzo. Messa a disposizione, darebbe modo di assicurare un alloggio e anche uno spazio didattico e di gioco per i bambini. Sarebbe un aiuto concreto in quella che è una emergenza umanitaria». In questi anni, del resto, il complesso si è rivelato essere una soluzione ottimale per scolaresche e gruppi, anche giunti da lontano, grazie ai suoi 74 posti letto e alle sue infrastrutture di servizio e di svago.

La disponibilità del Municipio è data

E la cittadina come sta affrontando gli eventi? «Martedì il tema è arrivato sul tavolo del Municipio», ci conferma Davide Dosi, a capo del dicastero Educazione. Tra le opzioni logistiche possibili rientra anche La Perfetta? «In effetti, sì. Ci siamo chinati sulla questione: la Scuola è già stata contattata per avere il calendario dell’occupazione della sede, che in questo periodo ospita le settimane verdi». Di fatto, compatibilmente con la situazione locale e internazionale, la cittadina ha già dato alla Protezione civile la disponibilità della Scuola verde. Qui, d’altro canto, si è temprati quanto a crisi migratorie e si possiedono gli strumenti per fronteggiare le urgenze. Non è un caso se sul fronte degli alloglotti Chiasso abbia fatto, letteralmente, scuola. «Noi siamo pronti», ribadisce Dosi.

Il fermento, in effetti, non manca. Sul versante pubblico, le autorità superiori hanno chiesto al Comune la disponibilità del rifugio di Pci di via Chiesa e di valutare la possibilità di riservare alcuni letti nelle case per anziani. Sul versante privato, da nostre informazioni, anche la Fondazione Don Willy è pronta ad aprire le porte della sua casa (destinazione di tante colonie) a Catto.

Mendrisio fa la lista degli spazi utilizzabili

Spostandosi a Mendrisio, la Città fa sapere in una nota di aver intensificato le collaborazioni, soprattutto con la Protezione civile, proprio per "facilitare i preparativi dei dispositivi di accoglienza". Infatti, si sta allestendo "una lista delle papabili strutture cittadine con almeno 50 posti per ospitare provvisoriamente e immediatamente i primi profughi". E tra le proposte vi è pure Casa il Mulino ad Airolo.

Non si trascura neppure il contributo dei cittadini: annunciarsi a ucraina@mendrisio.ch.

Leggi anche:

I Comuni di Castello e Balerna danno casa ai profughi ucraini

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved