ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
3 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
6 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
6 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
11 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
13 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
13 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
15 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
16 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
16 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
16 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
16 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
17 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
17 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
17 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
Ticino
17 ore

Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni

La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
10.03.2022 - 20:46
Aggiornamento: 21:43

Masseria di Vigino: ‘Il Cantone deve intervenire subito’

Il Municipio di Castel San Pietro scrive al Consiglio di Stato. La sindaca Ponti: ‘Tutto tace ma la situazione è precaria’

masseria-di-vigino-il-cantone-deve-intervenire-subito
Comune Castel San Pietro
Il degrado non si è fermato

Si dice che le immagini parlino da sole, a volte. Di sicuro gli scatti che il Comune di Castel San Pietro mostra oggi sul suo portale - www.castelsanpietro.ch - la dicono lunga sullo stato di conservazione della Masseria di Vigino. Giorno dopo giorno l’antica testimonianza rurale del Mendrisiotto rischia, infatti, di andare in rovina. Che ne sarà di lei?, si chiedono le autorità comunali, lanciando una sorta di manifesto che vede un grande un punto interrogativo rosso stagliarsi su tre vedute emblematiche del sito.

Del resto, attorno al recupero di un complesso che è parte, a pieno diritto, del patrimonio storico e culturale collettivo, non si muove nulla. A tal punto che il Municipio locale ha deciso di imbucare una raccomandata all’indirizzo del Consiglio di Stato (CdS), determinato com’è a richiamare l’attenzione del governo su una sua proprietà (dal 1996), peraltro iscritta dal 2007 tra i beni culturali di interesse cantonale. Occorre agire e in fretta. E l’esecutivo è pronto a dare, da parte sua, "ampia disponibilità a collaborare". In effetti, non vorrebbe trovarsi nella posizione scomoda di dover "ordinare" a una autorità superiore di restaurare e consolidare la Masseria.

‘Non è giunto nessun segnale concreto’

Le Norme di attuazione del Piano regolatore comunale, d’altro canto, non lasciano spazio all’interpretazione: l’area della Masseria è inserita in una zona di protezione che apre la strada a un restauro conservativo e garantisce la "salvaguardia del paesaggio circostante", oltre alla promozione delle attività agricole "nel preminente interesse della continuazione dell’uso degli edifici". Di fronte a ciò, ci dice subito Alessia Ponti, sindaca di Castello, «per noi ciò che sta accadendo è inconcepibile». Inviati richieste e appelli (da parte dei consiglieri comunali), a Palazzo delle Orsoline tutto tace. «Nessuno si è mosso. Le nostre iniziative - fa notare Ponti - non hanno sortito alcun effetto. Mentre a livello di popolazione e di forze politiche si è reagito bene e sussiste impegno oltre che interesse; sul lato del governo, zero. Non abbiamo ricevuto nulla. Ecco perché ci siamo decisi a intervenire e a sollecitare il Consiglio di Stato a mettere mano a una sua proprietà». Così come si è fatto a favore dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana - l’ultimo stanziamento è di 11 milioni -: un passo "molto apprezzato" dalle autorità comunali e che conferma la "sensibile attenzione per i beni cantonali tutelati e di proprietà dello Stato". Come dire che questo segnale "fa ben sperare per la Masseria di Vigino", che ne avrebbe davvero bisogno.

Un bene in uno stato ‘indecoroso’

Per il Municipio di Castel San Pietro è infatti un dovere non restare a guardare: davanti a Vigino non ci si può tirare indietro. «Anche perché dopo questo ultimo inverno - illustra la sindaca - lo stato di degrado della Masseria è peggiorato. Il tetto è crollato e della parte retrostante del complesso resta poco». D’altra parte, a imporre attenzione sono, da un lato, la protezione dei beni culturali - tutela, ricorda lo stesso esecutivo, sulla quale il governo esercita la vigilanza - e, dall’altro, l’amore per le proprie radici. Al momento, si fa capire a chiare lettere nella missiva, "siamo davanti a una situazione inconfutabile". In effetti, l’edificio, si certifica, si "presenta in uno stato manifestamente indecoroso e in una situazione statica tale da far legittimamente temere la sua definitiva rovina e dunque la definitiva perdita di un patrimonio culturale". Si sta parlando, di fatto, di una realtà di 4’100 metri quadrati che riporta alla prima metà del XV secolo.

‘Mancano le garanzie, non le idee’

A oggi, come detto, per quanto ne sa l’esecutivo, non sono state prospettate "concrete misure di intervento o indicazioni anche di natura strategica riguardo all’edificio". Tutto è fermo alle parole del CdS del luglio scorso e alla dichiarata disponibilità a cedere il terreno e a sostenere - in modo tangibile - l’organizzazione disposta a sviluppare un progetto di interesse pubblico.

In realtà l’ente pronto a farsi carico dell’operazione - e di un investimento stimato sui 10 milioni di franchi - c’era (una Fondazione privata). Il punto è che, interrotta la trattativa, l’iniziativa è naufragata, come ricorda l’esecutivo. Tra i nodi irrisolti, l’esigenza di doversi assoggettare alla Legge sulle commesse pubbliche (a fronte di un contributo superiore al milione). Persa questa occasione di svoltare sul destino di Vigino, resta l’urgenza di intervenire.

E qui, ribadisce Alessia Ponti, di garanzie tangibili non ve ne sono ancora. Eppure, anticipa senza entrare nei dettagli, «di idee sul futuro della Masseria ce ne sono. Non vorremo però, ritrovarci, ancora una volta, la porta chiusa in faccia». E allora è importante riuscire a capire come intenda operare il governo. Non a caso la richiesta rivolta in veste ufficiale è quella di "riprendere l’argomento in modo celere, proattivo e responsabile nel rispetto delle competenze che vi sono affidate" (rivolti al CdS,ndr). In effetti, prosegue la lettera, "ammettere il contrario significherebbe, infatti, assumersi il rischio di abbandono in precedenza paventato e metterci nella più che spiacevole condizione di dover (paradossalmente) ordinare le misure più opportune regolate dal diritto pubblico in concreto applicabile".

La sindaca, a questo punto, chiarisce: «Il nostro non vuole essere un attacco, semmai un richiamo alle responsibilità di ciascuno». E il Comune, come si rileva nella raccomandata al Cantone, ha fatto la sua parte, agendo sulla pianificazione. Un impegno andato di pari passo agli sforzi profusi nell’arco di un decennio (dal 2011) dall’Ente regionale per lo sviluppo del Mendrisiotto e Basso Ceresio, d’intesa con il Municipio. Salvo poi ritrovarsi ai piedi della scala.

Leggi anche:

Naufraga il recupero della Masseria di Vigino

Masseria di Vigino, il Cantone assicura la tutela del bene

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved