ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
37 min

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
1 ora

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
2 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
Luganese
3 ore

I Cantori delle Cime tornano al Lac con il Concerto Corale

Domenica 11 dicembre alle 17 nella sala teatro del Lac sul palco anche Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Rosy Nervi e Flavio Sala
Luganese
3 ore

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Mendrisiotto
4 ore

A Chiasso la quarta edizione del torneo cantonale di burraco

La competizione è stata vinta dalla coppia formata da Lina Pizzi e Silvana Polonara. L’evento ha visto la partecipazione di 24 coppie di giocatori.
Grigioni
5 ore

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
5 ore

Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole

Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
5 ore

Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco

Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Locarnese
6 ore

Locarno, riflessione sul volontariato

La Città propone una conferenza a Palazzo Marcacci
Locarnese
6 ore

Andrea Fazioli ospite alla Biblioteca di Aurigeno

Presenterà la sua opera più recente: Le strade oscure
Locarnese
6 ore

Muralto, la partita su grande schermo

Una proposta abbinata a un aperitivo al Bar Incontro
Locarnese
6 ore

Locarno, aperitivo del Plr

Appuntamento prenatalizio con la Sezione cittadina del Partito liberale radicale
Ticino
7 ore

Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina

La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
laR
 
25.01.2022 - 05:30

Attraverso i boschi di Stabio, in cerca della salvezza

Bruna Cases è fuggita da Milano con la famiglia per scappare ai rastrellamenti. Il diario dove racconta il passaggio da Montalbano è stato pubblicato

attraverso-i-boschi-di-stabio-in-cerca-della-salvezza
Ti-Press/E.Bianchi
Sul luogo da dove Bruna Cases è entrata in Svizzera

Il passo fermo e deciso lungo la ramina che corre attraverso i boschi di Stabio, per raggiungere quel luogo che 79 anni fa la mise in salvo dai rastrellamenti nazisti. Quella di ieri è stata una giornata particolare per Bruna Cases, ebrea milanese, accolta dalle autorità comunali e cantonali e poi accompagnata a rivedere dopo molti anni il luogo che per lei, ancora bambina, e la sua famiglia significò il raggiungimento della salvezza. Al suo fianco il marito Giordano D’Urbino, che nello stesso periodo del 1943 raggiunse il Ticino camminando per oltre due giorni sulle pendici del Monte Generoso e del Bisbino. «Ricordo bene quella notte e la grande paura che avevamo di essere presi. Eravamo in 11, accompagnati da contrabbandieri che conoscevano il territorio e che ci avrebbero garantito un passaggio attraverso il confine. Siamo rimasti nascosti a lungo e non molto distante da noi, a un certo punto, abbiamo sentito dei soldati parlare in tedesco. Non sapremo mai se non ci hanno visto oppure hanno fatto finta di niente lasciandoci passare. Mi commuovo a essere qui», ha raccontato la signora Cases a giornalisti e curiosi presenti. Ricordi e disegni di quei tragici giorni, visti dagli occhi di una bambina, che è possibile conoscere attraverso il diario di Bruna, pubblicato dalla casa editrice Abendstern. «All’epoca avevo solo 9 anni, ma rileggendo quelle pagine si capisce quanto fossi già matura. Capivo quello che stava succedendo e ricordo bene l’agitazione di mia madre in attesa di sapere se saremmo potuti rimanere». Una fortuna di cui solo alcuni componenti del gruppo hanno potuto godere. «Tre fratelli, che entrarono in Svizzera insieme a Bruna e alla sua famiglia, furono respinti. Vennero in seguito catturati e uccisi. È una vicenda che ci tocca come comunità e come individui», ha spiegato Simona Sala, che si è occupata della pubblicazione del libro e dell’organizzazione della giornata.

‘Siete passati da qui’

Ad accompagnare sul posto Bruna Cases e il marito c’era Fiorenzo Rossinelli, ex guardia di confine che si è incaricato d’individuare il punto della frontiera attraverso il quale sono passati gli 11 fuggiaschi. «Abbiamo potuto stabilire con una certa precisione, incrociando le carte con i racconti, che il punto esatto si trova a Montalbano, nei pressi dei vigneti della tenuta che confinano con il bosco. Bruna ricorda infatti di essere scesa verso il paese di Stabio, che vedeva sulla sua sinistra». Rossinelli negli anni si è occupato di studiare i racconti dell’epoca. Ai coniugi ha voluto mostrare una delle campanelle originali che i soldati fissavano sulle reti del confine e che permettevano di accorgersi quando qualcuno cercava di attraversare. «Erano segnali d’allarme. Anche il più piccolo movimento agitava le campanelle. I giorni migliori per tentare il passaggio erano quelli con un forte vento, i soldati non potevano infatti capire cosa agitava le reti. Possiamo dire che il vento ha salvato molte vite». Emozionato anche Giordano, che come la moglie ha poi frequentato i primi anni di scuola nel nostro cantone. «Ricordo che la prima cosa che mi stupì della Svizzera furono i contadini. Avevano l’orologio al polso. Una cosa impossibile in Italia. Anche se parlavano la stessa lingua, sentivo di essere arrivato in un posto diverso».

‘Frontiere luoghi di salvezza e condanna’

La mattinata è cominciata al Municipio di Stabio, dove la autorità cittadine e cantonali hanno voluto accogliere i coniugi che vivono a Milano. «Oggi ricordiamo una bella pagina di storia all’interno di una tragedia immensa, che anche se conosciuta resta difficile da digerire», ha esordito il consigliere di Stato Manuele Bertoli. «Il Ticino è da sempre un ponte sia fisico che culturale tra l’Italia e la Svizzera. Una realtà che è ancora più percepita nelle zone di confine. Frontiere che sono state luoghi di salvezza ma anche di condanna, come ci ha mostrato la storia di Liliana Segre, respinta al confine di Arzo e poi deportata ad Auschwitz», ha proseguito Bertoli. Storie che servono a conoscere il passato per affrontare il futuro. «È triste che da queste testimonianze si fa fatica a trarre insegnamento. Anche al giorno d’oggi, non lontano da noi, ci sono frontiere dove l’indifferenza regna sovrana. Su storie come quella di Bruna e Giordano si dovrebbe costruire un’impostazione politica». Dedicate al legame con il territorio anche le parole espresse dal sindaco Simone Castelletti: «Siamo una realtà di passaggio, oggi come allora. Stabio ha molto da raccontare, la nostra è una realtà molto più complessa di quello che sembra e queste storie, anche se difficili da accettare, sono un’opportunità per capire e imparare». Importante è quindi il lavoro degli storici. «Restano delle zone d’ombra sulla politica dei respingimenti e l’atteggiamento ondivago della Svizzera in quegli anni. Per questo la vostra testimonianza è così importante», ha concluso Michela Trisconi, delegata per l’integrazione degli stranieri.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved