droni-e-galline-fra-i-vigneti-viticoltori-ecosostenibili
Ti-Press
Il raccolto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
12 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
16 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
16 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
16 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
17 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
17 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
17 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
17 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
18 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
19 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
19 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
19 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
19 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
19 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
19 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
20 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
20 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Locarnese
20 ore

Minusio-Mappo, miniferrovia in servizio nel weekend

Locomotive a vapore ed elettriche traineranno i convogli (solo se non piove) domenica 22 maggio dalle 14.30 alle 17.30
Locarnese
20 ore

Due presentazioni librarie alle scuole di Riazzino

Domani dalle 17 incontro con gli autori Zeno Ramelli e Jan Gaggetta, grazie alla Commissione culturale del Municipio di Lavertezzo
Bellinzonese
20 ore

Ostilità digitale e odio reale: se ne parla a Bellinzona

Incontro pubblico il 24 maggio alla Biblioteca cantonale con quattro conferenzieri
26.01.2022 - 22:56
Aggiornamento : 23:17

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’

Oche, galline, capre stanno sempre più soccorrendo i viticoltori nel loro paziente lavoro di produzione di vino e all’insegna dell’ecosostenibilità. Il Mendrisiotto, in particolare, si sta distinguendo in questa via, nel solco degli obiettivi dell’Agenda 2030. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese-Commissione Ticinowine, dal suo osservatorio dichiara: «Sicuramente il viticoltore, come pure l’agricoltore, è sensibile alla biodiversità e soprattutto a una produzione ecosostenibile. Perché sappiamo che esiste un solo territorio e una sola natura. C’è chi sta compiendo delle prove, inoltre va evidenziato che negli ultimi dieci anni l’utilizzo di erbicidi è diminuito di oltre il 50%, così pure come i prodotti sistemici. Si sono fatti grandi progressi per la produzione biologica, prestando attenzione ai trattamenti delle malattie: non dimentichiamo che la vigna è una pianta molto sensibile e richiede pertanto di essere curata con trattamenti mirati».

E al posto dei diserbanti si fa strada... la natura animale, in grado di tradursi in un concreto aiuto ai viticoltori, nel segno appunto della sostenibilità ambientale. «C’è chi ha iniziato ad affidare il lavoro di ‘pulizia’ dei vigneti alle pecore, chi alle capre, chi alle galline. Ci sono inoltre alcuni viticoltori che si sono convertiti alla produzione biologica. Negli ultimi anni molti giovani si stanno distinguendo per una mentalità più verde. Quindi mi sembra di poter dire che si va senz’altro in questa direzione, anche se ad oggi il numero delle aziende certificate bio rimane ancora basso, seppure comunque in crescita. Il grande problema è che tutti questi cambiamenti, a livello pratico, richiedono molto tempo. Senza contare il clima, che muta tutti gli anni».

All’orizzonte un progetto regionale con gli aiuti dell’Ufficio federale dell’agricoltura

Intanto, a livello regionale qualcosa si sta muovendo nel panorama ticinese, che nell’intero Ticino annovera oltre 2500 viticoltori. Parliamo del progetto “Viso - Viticoltura sostenibile” che intende coinvolgere una quindicina di aziende. Spiega Conconi: «Si tratta di un progetto partito dalla base, sostenuto da Interprofessione, Federviti, piccoli produttori e negozianti di vino - quindi da tutta la filiera - e dalla Sezione dell’agricoltura del Canton Ticino, la quale sta portando avanti l’iniziativa davanti all’Ufficio federale dell’agricoltura. Il progetto si prefigge di trovare soluzioni improntate all’ecosostenibilità, dalla lavorazione del terreno ai trattamenti, garantendo naturalmente la sopravvivenza economica delle singole aziende. Un progetto che si svilupperà sull’arco dei prossimi sette anni, a partire dal 2023. Saranno elargiti sostegni economici da parte della Confederazione, a vantaggio dei singoli viticoltori che metteranno a disposizione le loro singole parcelle di terreno, ciò che richiederà metodi di lavoro meticolosi e precisi nonché scientifici metodi di trattamento». E tra le novità, questa volta di natura tecnologica, si sta facendo strada l’uso di droni, ai quali vengono delegati i lavori di trattamento delle piante, grazie a dei piccoli serbatoi applicati ai velivoli. L’elettronica consente una maggiore precisione sulle superfici interessate, ma oggi ancora non mancano tuttavia aspetti negativi, come il trattamento sul grappolo, non ancora ottimale, e la dispersione del prodotto sul suolo. I droni potranno tuttavia dimezzare i tempi di trattamento». EnricoTrapletti, dell’omonima Tenuta vitivinicola biologica di Coldrerio, è il primo in Ticino ad avere sperimentato i droni per dodici mesi interi, lo scorso anno. Da 1 a 10 qual è il riscontro? «Dieci - risponde il nostro interlocutore. «Il drone non inquina, funziona infatti a batteria e neppure a livello fonico, rispetto al trattore che rimane oltretutto più caro. La velocità di esecuzione del lavoro è inoltre maggiore e il drone si presta per i terreni in pendenza». Enrico Trapletti si dice ora pronto per i prossimi trattamenti di fine aprile, quando rimetterà in moto il velivolo, programmato al centimetro, e assicura di aver trovato un accordo con altri viticoltori desiderosi di condividere l’avveniristica tecnologia.

Il fotovoltaico per energia

Ma se c‘è una cantina che pone al primo posto la sostenibilità ambientale questa è certamente quella a conduzione familiare di Luciano e Grazia Cavallini a Cabbio. I proprietari ci illustrano l’essenza della loro filosofia: «Nel vigneto di Morbio Inferiore abbiamo avviato da un paio d’anni una collaborazione con dei giovani agronomi della start up, ’Future Farmers’: si tratta di un progetto di gestione agricola integrata nella viticoltura. Con loro è il secondo inverno che mettiamo 100 galline in vigna. Dal punto di vista sociale è un’iniziativa molto bella, perché il vigneto si apre alle visite delle persone interessate a comprare le uova fresche sul posto, in fattoria. È un modello già affermato da molto tempo in Svizzera tedesca». Ma quali sono i vantaggi di far razzolare le galline tra i vigneti? «Sono molteplici. Il primo è senz’altro quello di tener pulita la vigna, cosicché risparmiamo il primo sfalcio d’erba primaverile. Le galline inoltre mangiano molte larve d’insetto e questo significa una minor pressione l’estate d’ insetti. Le nostre ospiti d’inverno rilasciano le piume, ciò che costituisce un significativo apporto di minerali al terreno. Non da ultimo, concimano, e producono le uova, offrendo dunque un valore aggiunto all’azienda. Ai nostri abbonati alle uova, il primo anno abbiamo donato loro le galline. Invece quest’anno andranno in un pascolo estivo, precisamente in un bosco, dunque proseguono la loro attività in un altro ambiente agricolo».
Ma l’azienda Cavallini, al suo secondo anno di conversione bio, ha avviato un altro progetto ecosostenibile nel vigneto di Pedrinate, gestito dalla figlia, Marta, ingegnere agronomo. «Si tratta di un progetto di agro-forestazione viticola che persegue lo scopo di avere un impianto viticolo resiliente ai cambiamenti climatici, quindi contro le penurie d’acqua, resistente, chiaramente biologico». Senza contare che la stessa produzione del vino avviene nel pieno rispetto dell’ambiente: «la cantina è alimentata esclusivamente facendo capo all’energia fotovoltaica. E quando c’è una minore produzione utilizziamo l’energia idroelettrica ticinese. L’intera nostra produzione del vino è sostenibile». Pecore e oche sono invece l‘aiuto e al contempo la mentalità in uso all’Azienda vitivinicola Bianchi di Arogno che vanta il prestigioso marchio ’Bio Suisse’. Un’azienda a conduzione familiare, fondata nel 1998 da Marcy e Alberto Bianchi e che ora vedono nei figli due giovani leve, Martino e Gabriele Banchi, rispettivamente 27 e 30 anni. «Lo spirito rimane biologico - assicura da noi interpellata l’azienda. «Tra i vigneti, per mantenerli puliti abbiamo reclutate 10 oche, purtroppo scese a 6 dopo che durante le vacanze natalizie abbiamo ricevuto la sgradita visita di una volpe. Tre-quattro sono invece le pecore alle quali facciamo capo». Insomma, un vero e proprio inno alla natura.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ecosostenibile mendrisiotto vino viticoltori
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved