ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
57 min

Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’

Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Luganese
1 ora

Lugano, circolazione tribulata a causa del film

Richiamata la chiusura del lungolago domani. Gli odierni problemi di traffico in centro città potrebbero aumentare
Ticino
1 ora

La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles

Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
2 ore

Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno

Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
2 ore

Un principe poco da favola di un regno di bugie

Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Luganese
2 ore

Lugano, auto d’epoca in mostra nelle piazze

Alla seconda edizione dell’evento, ‘cancelli’ riaperti agli appassionati ed è previsto anche il premio per l’automobile più vecchia
Luganese
2 ore

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il Partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
3 ore

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
3 ore

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
3 ore

Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’

L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Locarnese
3 ore

Muralto, dal ‘Vangelo secondo Harry Potter’

Al Centro Evangelico una tavola rotonda propone una lettura delle tematiche spirituali presenti nel ciclo del noto personaggio
Mendrisiotto
3 ore

Cinque Comuni del Mendrisiotto pensano al tutor di comunità

Avviata la formazione di una nuova figura di operatore sociale da parte di Morbio Inferiore, Vacallo, Breggia, Castel San Pietro e Balerna
Locarnese
3 ore

Energie rinnovabili, ‘il Municipio che intenzioni ha?’

Interpellanza del Gruppo Plr e Verdi liberali di Gordola sulla possibilità di sfruttare incentivi federali per fotovoltaico e mobilità elettrica
Mendrisiotto
3 ore

Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità

Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Grigioni
3 ore

Porte aperte all’alambicco regionale del Moesano

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 15 vicino al magazzino comunale ed ecopiazza a Roveredo
Bellinzonese
4 ore

Visita in cioccolateria con l’Atte Leventina

Mercoledì 12 ottobre è in programma una visita alla Chocolat Stella di Giubiasco
Luganese
4 ore

Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare

Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
Locarnese
4 ore

Cevio, dal brunch in fattoria allo Svuotacantine

Un successo la giornata didattica e benefica in fattoria; la raccolta fondi prosegue domenica con il mercatino sul piazzale della Manor di Ascona
laR
 
15.01.2022 - 05:30

Ferrovia Monte Generoso: rifatte le stazioni intermedie

Proseguono alacremente i lavori di ristrutturazione, fra imprevisti meteo e pandemia. Intervista al direttore del cantiere Pietro Brenni.

ferrovia-monte-generoso-rifatte-le-stazioni-intermedie

Procedono con un buon ritmo i lavori di rifacimento della ferrovia del Monte Generoso, entrati ormai nel vivo della terza fase. Tra «sorprese positive e negative» – come ci dice il direttore dei lavori Pietro Brenni –, il cantiere, avviato a novembre 2019, prosegue e dovrebbe raggiungere alla fine dell’inverno uno stato d’avanzamento importante, di modo da poter terminare la ristrutturazione nel marzo 2023, come da programma.

Emergenza Covid: fattore negativo e positivo

Ingegner Brenni, a che punto siamo? «A buon punto. La terza fase è iniziata con un imprevisto: abbiamo tentato di attaccare la tratta più elevata (tra la stazione di Bellavista e la vetta, ndr), però le condizioni meteorologiche a fine novembre erano sfavorevoli e quindi siamo scesi e stiamo realizzando la stazione di San Nicolao e la tratta che da lì scende fino a Capolago. Poi il tempo è cambiato e con il senno di poi si sarebbe potuto rimanere su. Ciononostante siamo soddisfatti perché i lavori procedono secondo i tempi prestabiliti, anche perché alcune sorprese negative si sono rivelate allo stesso tempo positive». A cosa allude? «All’emergenza Covid. Da un lato ci ha fatti inizialmente procedere con prudenza, ma dall’altro il primo lockdown ha ritardato l’apertura di esercizio al maggio 2020 e questo ci ha permesso di continuare i lavori per metà primavera, favorendoci. Così abbiamo terminato la seconda fase con oltre il 50% del lavoro già svolto e stiamo quindi rispettando la tabella di marcia».

Materiale molto usurato

Tabella di marcia che per la bella stagione dell’anno prossimo dovrebbe permettere al trenino blu e arancione di portare in vetta i numerosi turisti che amano il monte. Lavori che sono stati decisi nel 2014 perché, come spiega Brenni, l’infrastruttura ferroviaria necessitava di importanti interventi. E d’altra parte, era anziana: rotaie, traverse, cremagliera, non erano stati sostituiti dal 1890, ossia dall’anno di fondazione. «Il materiale era molto usurato, quindi la Ferrovia Monte Generoso ci ha incaricati di elaborare un progetto di sostituzione della sovrastruttura ferroviaria. Abbiamo suddiviso i lavori in quattro fasi, da metà novembre a metà marzo per non perturbare la stagione turistica, lungo le tre tratte di tre chilometri ciascuna: Capolago-San Nicolao, San Nicolao-Bellavista, Bellavista-vetta».

‘La complicazione è soprattutto logistica’

Un cantiere complesso: sebbene il tragitto non sia particolarmente lungo, a tratte scoscese se ne alternano altre molto rocciose, e poi vi è naturalmente il fattore pendenza. «La complicazione dell’opera è soprattutto logistica – spiega il direttore –. I trasporti di materiale vengono fatti prevalentemente via treno». E di materiale da trasportare ce n’è parecchio. «Ci sono 1’400 tonnellate d’acciaio che vengono rimosse (fra rotaie, traverse e cremagliera, ndr), sostituite da 2’000 tonnellate di nuovo materiale d’acciaio». Seicento in più? «Sì, la nuova ferrovia è stata pensata in funzione di una possibile evoluzione dell’infrastruttura ferroviaria, se ad esempio i convogli futuri saranno più lunghi o pesanti di quelli attuali il materiale dovrà essere in grado di sopportarli. Per questo le nuove rotaie e la nuova cremagliera sono un po’ sovradimensionati. Vengono poi sostituiti sette scambi, 13’500 traverse. E poi c’è la massicciata (la ghiaia che si trova fra le traverse, ndr), anche questa parzialmente sostituita: 8’000 metri cubi di materiale portati a valle e altrettanti riposizionati».

A settembre riapre dopo nove anni il buffet a Bellavista

Cifre impressionanti, ma il rinnovo non si ferma qui. «L’anno scorso abbiamo ristrutturato la stazione intermedia di Bellavista, quest’anno quella di San Nicolao. Sono stati realizzati i marciapiedi, dotati di illuminazione e di equipaggiamenti per ipovedenti, di modo da favorire la sicurezza, la mobilità e la comodità dei passeggeri». «Quando il 2 aprile, Covid permettendo, la ferrovia riaprirà al pubblico, si sentirà veramente la differenza tra le tratte già ristrutturate e quelle ancora da rimettere a nuovo il prossimo inverno» ci dice dal canto suo Viviana Carfi. La responsabile media della Ferrovia Monte Generoso Sa aggiunge poi che «a settembre ci sarà l’inaugurazione del buffet di Bellavista, chiuso dal 2013».

Splendori della Belle Èpoque

Dietro il rilancio di una delle più antiche ferrovie a cremagliera in Svizzera, nonché l’unica in Ticino, c’è la Migros, che dagli anni Quaranta è proprietaria della società. Ma la storia dell’infrastruttura è ben più antica e deve la propria esistenza a un illustre antenato di Mendrisio, il dotto Carlo Pasta. «Il dottore aveva fondato ancora nel 1867 il Grand Hotel Bellavista, dove oggi sorge l’osteria Le Peonie – racconta Carfi –. Per alcuni decenni l’albergo è stato raggiungibile solo a piedi o a dorso di mulo: la prima locomotiva a vapore è del 4 giugno 1890. Il Grand Hotel è stato quindi collegato alla stazione Bellavista con dei binari, solcati da carretti trainati da cavalli che trasportavano l’agiata clientela della Belle Èpoque». Alla fine degli anni Trenta in Europa soffiano venti di guerra e il turismo entra in crisi. La ferrovia cessa le sue attività e si pensa persino di smantellarla per ricavarne il ferro, materia prima preziosa in periodi bellici.

In futuro sostituiti anche i treni

«Fu Gottlieb Duttweiler (fondatore della Migros, ndr) di fatto a salvarla – sottolinea Carfi –, ridandole una seconda vita corrispondente al periodo del boom economico del Dopoguerra». In quei decenni si sono susseguiti i treni a Diesel e poi quelli a trazione elettrica, in uso dagli anni Ottanta, sebbene durante la stagione estiva viaggi ancora saltuariamente anche uno storico convoglio a vapore. E proprio i treni potrebbero il prossimo grande investimento, dopo i 25 milioni circa per la ristrutturazione e gli altrettanti per il Fiore di pietra inaugurato in vetta nel 2017: «Sebbene non sia ancora stato deciso quando, nei prossimi anni verranno sostituiti anche i treni. Siamo testimoni di un momento storico molto importante».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved