ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’

La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
2 ore

Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti

Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
Ticino
2 ore

Cantonali ‘23, Gianella (Plr): ’Sarò nella lista per il governo’

La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
GALLERY
Mendrisiotto
10 ore

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
10 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
12 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
13 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
13 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
13 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
14 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
14 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
14 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
14 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
laR
 
31.12.2021 - 09:23
Aggiornamento: 11:18

Chiasso: nel 2024 via ai lavori al tunnel di via Favre

Il Comune ha ricevuto garanzie dalle Ffs. Già avviato nel frattempo lo studio di fattibilità. Colombo Regazzoni: ‘Sarà più largo e meglio illuminato’.

chiasso-nel-2024-via-ai-lavori-al-tunnel-di-via-favre
Ti-Press

Il tunnel di via Favre a Chiasso: una delle quattro cerniere fra quartiere Soldini e area del Penz da un lato, e centro e resto del comune dall’altro. Essenziale per la viabilità cittadina, ma stretto e male illuminato al punto da essere a lungo al centro di richieste d’intervento. Dopo anni di rinvii, finalmente c’è una data per il rinnovo: nel 2024 inizieranno i lavori. A confermarcelo è la capodicastero Sicurezza pubblica e territorio. «Le Ffs (proprietarie della galleria, ndr) stavolta ci hanno garantito che si inizia nel 2024» spiega Sonia Colombo Regazzoni.

Un primo bando nel 2012

Le discussioni fra Comune e Ferrovie federali svizzere sugli interventi da fare nei tre sottopassaggi di via Rampa, via Dunant e appunto via Favre, che dei tre è l’unico interamente bidirezionale, risalgono ormai a quasi vent’anni fa e hanno portato alla sottoscrizione di una convenzione. I primi due sono nel frattempo stati effettivamente sistemati. E il Comune è anche riuscito a ottenere qualcosa in più: «Come Municipio abbiamo chiesto e ottenuto la realizzazione della passerella che collega il centro con il quartiere Soldini» precisa la municipale. In via Favre, che porta alla centralissima piazza Indipendenza, si è invece rimasti fermi. Eppure, nel 2012 si era arrivati addirittura a pubblicare un bando di concorso per la progettazione del risanamento.

Risultati dello studio entro l’autunno

Indicazioni di massima per il progetto c’erano già: si parlava di un costo stimato attorno ai 15 milioni di franchi, ripartiti fra Ffs, Comune e Cantone (proprietario a sua volta della strada che passa in galleria) e si sarebbe dovuto iniziare coi lavori tra il 2014 e il 2015, per un cantiere che sarebbe dovuto durare circa cinque anni. «Sì, poi si diceva che sarebbero dovuti partire nel 2019, poi nel 2022... – ancora Colombo Regazzoni –, d’altra parte se sono rimasti fermi è perché ci sono stati dei ricorsi che hanno a loro volta bloccato i lavori alla Stazione Ffs: è tutto un concatenamento. Stavolta ci hanno garantito che i lavori partiranno nel 2024. Poche settimane fa è anche stato avviato uno studio di fattibilità, al quale partecipa anche il Comune finanziando una parte: i risultati sono attesi per l’autunno prossimo».

Passaggio chiuso per alcuni anni

Il progetto precedente prevedeva lavori per circa cinque anni. Tempistiche confermate? «Siamo ancora a livello di studio di fattibilità e pertanto non abbiamo indicazioni precise. Però ci hanno detto di meno. In ogni caso, credo che due, tre anni bisognerà metterli comunque in conto. Sarà certamente un cantiere impegnativo, perciò prima di partire bisognerà aspettare che siano terminati gli altri lavori (quelli in zona Stazione Ffs e quelli del comparto di via Livio, che hanno comportato una serie di modifiche viarie, ndr) e che il resto della viabilità sia a posto, in quanto il tunnel andrà evidentemente chiuso». Sempre nel vecchio progetto si parlava di un costo importante e di una tripartizione degli oneri. Sarà ancora così? «È prematuro parlarne, ma difficilmente costerà meno delle previsioni di allora».

Buone notizie quindi e da lungo attese. E non si poteva più aspettare, sottolinea la capodicastero. «Ci sono delle problematiche tecniche da risolvere, come ad esempio le infiltrazioni d’acqua, che non si possono procrastinare sine die».

La sicurezza? ‘Non un grosso problema’

E al di là delle questioni oggettive, ve ne sono di più soggettive, che parimenti contribuiscono a conferire al sottopassaggio un aspetto vagamente sinistro. «Sì, è vero, il tunnel di via Favre non è bello e posso capire che influisca sulla sensazione soggettiva di sicurezza – ammette la nostra interlocutrice –. È necessario anche allargare la carreggiata, che è stretta e crea disagio agli automobilisti. Infatti è da anni che insistiamo con le Ffs affinché vengano fatti dei lavori. Però non abbiamo mai ricevuto segnalazioni di episodi particolari capitati lì per quanto riguarda reati penali». Per questi motivi, non c’è una videosorveglianza. «Non c’è mai stata l’esigenza di installarla e se anche questa si fosse presentata, sarebbe comunque spettato alle Ffs farlo visto che sono i proprietari della galleria. Ribadisco comunque che la sicurezza non è un problema e che fortunatamente ora sappiamo che verrà sistemato. Il progetto che ci hanno illustrato per altro è bello: il tunnel sarà molto più largo e meglio illuminato».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved