gli-insediamenti-alpestri-tornano-a-vivere-grazie-al-mevm
archivio Ti-Press
Il Museo nel territorio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
31 min

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
Luganese
36 min

Birra protagonista nel fine settimana in Capriasca

La quarta edizione di Birra in Capriasca si terrà l’1 e 2 luglio sul piazzale delle scuole elementari di Tesserete
Locarnese
38 min

Feste di Comino, siamo al capolinea

Mancano i rincalzi per portare avanti anche in futuro l’evento sulla montagna centovallina. Il Gruppo promotore, a malincuore, costretto a rinunciare
Luganese
45 min

Caslano, per il 1° agosto corteo patriottico e allocuzione

A pronunciarla, nella cornice di piazza Lago, sarà la deputata al Gran Consiglio e capogruppo Plr Alessandra Gianella
Locarnese
47 min

Piano di Peccia, il calcio protagonista al Draione

Promosso dal Gruppo animazioni locale, si rinnova l’appuntamento con il fine settimana a caccia del pallone in alta quota. Poi notti di musica
Locarnese
55 min

Concerto estivo a Sant’Abbondio

Appuntamento con la formazione musicale diretta da Alan Rusconi venerdì alle 21, a Sant’Abbondio
Locarnese
1 ora

Tegna, si è spento Sergio Ferrari, già vicesindaco

Persona conosciuta e molto impegnata a livello amministrativo, aveva difeso con fervore la costruzione della sede scolastica in paese
Luganese
1 ora

Zelensky a Lugano non ci sarà. Ma arriverà il premier Shmyhal

L’ambasciatore ucraino a Berna fa chiarezza sui delegati che arriveranno in riva al Ceresio in occasione della conferenza Urc 2022
Mendrisiotto
1 ora

Cavea Festival raddoppia: due giorni di musica alle cave di Arzo

La terza edizione dell’evento musicale si terrà venerdì 1 e sabato 2 luglio. A completare il programma anche dj set e prodotti locali.
Bellinzonese
2 ore

Serata osservativa alla Capanna Gorda

Sabato 2 luglio si potranno osservare nebulose, ammassi e altri oggetti celesti. Con Francesco Fumagalli dell’Associazione astronomica astrocalina
Grigioni
3 ore

25 first responder plus operativi in Mesolcina e Calanca

Soccorritori con una formazione aggiuntiva, entreranno in servizio a partire dal 1° luglio
Luganese
4 ore

Sul lago di Lugano sarà un’estate green

Dal 1° luglio al 28 agosto, dal venerdì alla domenica, ci sarà un E-Vedetta Tour a bordo dell’imbarcazione divenuta 100% elettrica nel 2016
Ticino
5 ore

Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni

Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
5 ore

‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina

Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Locarnese
5 ore

Losone, canto in cerchio Open Circlesongs

Spettacolo domani sera alla fabbrica. Anche il pubblico potrà unirsi a questa improvvisazione canora collettiva
Locarnese
5 ore

Le Fart inaugurano il nuovo ufficio accoglienza e biglietteria

Situato a Sant’Antonio, al pian terreno della sede principale, aprirà al pubblico mercoledì prossimo
Luganese
5 ore

Patriziato di Torricella-Taverne in festa

L’evento è in programma domenica 3 luglio alla Cappella delle Torrette. La barriera della strada dei monti rimarrà aperta.
Locarnese
5 ore

Bosco Bolla Grande, interventi forestali urgenti

Scattano lunedì i lavori selvicolturali necessari per garantire la sicurezza dell’area cittadina duramente toccata dal nubifragio del 5 giugno
laR
 
29.12.2021 - 21:37

Gli insediamenti alpestri tornano a vivere grazie al Mevm

Il Museo etnografico della Valle di Muggio ha avviato un progetto esplorativo di ricerca al Nadigh e a Génor-Caserett

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il territorio è il suo patrimonio. Il Museo etnografico della Valle di Muggio (Mevm) ha continuato anche quest’anno la sua attività di promozione e riscoperta del territorio. Il bilancio è stato stilato nel corso dell’ultima assemblea. «Il 2021 è stato un anno piuttosto intenso durante il quale siamo riusciti a proporre quasi tutto quello che avevamo in previsione – spiega Silvio Bindella, presidente del Mevm dal 2018 –. Abbiamo un’offerta che si può fruire per 365 giorni all’anno, non siamo così vincolati agli orari d’apertura: gli oggetti del Museo sono distribuiti nel territorio e sul nostro sito ci sono itinerari». A tal proposito, il presidente anticipa che «per l’inizio della primavera abbiamo in programma la pubblicazione di una carta escursionistica: sentiamo la necessità di promuovere meglio questa offerta perché l’interesse c’è e dobbiamo dare più contenuti per visitare il Museo nel territorio». La risposta dei visitatori non manca. «Da un paio d’anni siamo in crescita – continua il presidente –. Abbiamo molti turisti svizzeri, anche dalla Romandia, una regione che ci mancava. Le nuove possibilità di alloggio e pernottamento che si stanno creando in Valle, così come l’apertura di AlpTransit e alcuni articoli sulla stampa confederata, hanno avuto un influsso positivo sui dati». Due fattori, quelli appena citati, che «stanno dimostrando che la Valle è un nuovo attrattore turistico anche per soggiorni di breve durata».

‘Restaurare le testimonianze che stanno sparendo’

Nel corso di quest’anno il Mevm ha avviato un’indagine storico-architettonica sugli insediamenti alpestri di Nadigh e Génor-Caserett. Sostenuto finanziariamente dall’Ufficio dei beni culturali, il progetto esplorativo di ricerca ha coinvolto specialisti per una lettura a livello archeologico e storico ritenuta essenziale per eventuali riflessioni future sul destino di questi insediamenti. «Siamo intervenuti sugli alpeggi del Generoso per mettere in sicurezza un paio di punti, pericolosi anche per chi visitava l’alpeggio, al Nadigh – aggiunge Silvio Bindella –. Vorremmo gettare le basi per un recupero di tutta la fascia degli alpeggi del Generoso che rischiano di sparire perché abbandonati da tanto tempo ma sono insediamenti che vanno ripresi e valorizzati. Il messaggio che vogliamo dare è che è ancora possibile restaurare delle testimonianze che stanno deperendo». Quello avviato è «un progetto a lungo termine, impegnativo ma doveroso». La prima fase è servita a «definire quali sono i primi insediamenti apparsi e la cronistoria per arrivare a definire le priorità di intervento». Nel dettaglio, «abbiamo scoperto che i primi dovrebbero risalire alla fine del ’500. Abbiamo quindi condotto delle ricerche d’archivio per capire chi si insediava, com’erano occupati i terreni e quali famiglie erano coinvolte». L’analisi coinvolgerà almeno altri due insediamenti. «Se tutto va bene vorremmo mettere in sicurezza le parti pericolanti già l’anno prossimo per prevenire ulteriori danni e poi partire con un progetto più ad ampio respiro». Nello stesso, aggiunge Bindella, «sarà ancora più importante coinvolgere tutti gli attori sul territorio perché ci saranno vari insediamenti con varie priorità e ci vorrà una visione a lungo termine: non sarà solo un restauro, ma la volontà di dare una nuova vita a questi insediamenti in un modo sostenibile nel tempo». Tra gli altri lavori il Mevm, in collaborazione con il Comune di Breggia, ha restaurato la fontana pubblica di Cabbio, un’opera realizzata dall’architetto Luigi Fontana nel 1843. Mentre per l’anno prossimo «prevediamo di completare un pezzo della mulattiera storica Cabbio-Cet, inserita nell’inventario svizzero delle mulattiere storiche d’importanza nazionale, visto che siamo quasi riusciti a completare tutti i finanziamenti».

Il ruolo del Museo

Il Museo etnografico della Valle di Muggio è quindi sempre più radicato sul territorio. «Il museo deve essere il fulcro di quello che succede a livello culturale in Valle – sostiene Silvio Bindella –. Si è imposto come un attore di riferimento sia per progetti paesaggistici di recupero che per eventi culturali». Oltre a svolgere il ruolo di punto di riferimento («ci hanno per esempio appena contattato due giovani ragazzi che vorrebbero organizzare una biennale d’arte, passando dal Museo proprio per avere qualche input e idea») e a promuovere attività sul territorio e alla scoperta dello stesso (il programma può essere consultato su www.mevm.ch), nell’agenda del Museo c’è anche una nuova pubblicazione. «Si tratta del libro ‘Percorsi d’arte tra il Sighignola e la Valle di Muggio’ curato dallo storico dell’arte Ivano Proserpi, nel quale vogliamo riassumere il patrimonio artistico di questa regione». Il Mevm è quindi un «apripista, e questa deve essere la sua funzione principale di attore con cui lavorare in sinergia per tutto quello che riguarda la promozione del territorio». A proposito di sinergie, nel 2022 continueranno quella con l’Accademia di architettura di Mendrisio per un ciclo di conferenze e incontri legati al confine (il tema della mostra allestita a Casa Cantoni), mentre il 12 gennaio inizierà una rassegna cinematografica proposta in collaborazione con il CineClub Mendrisiotto. «Stiamo lavorando anche in collaborazione con il Dipartimento Ambiente Costruzioni e Design della Supsi e con l’Associazione Borghi più belli della Svizzera all’organizzazione di un convegno scientifico internazionale dedicato al patrimonio costruito sotterraneo. L’evento dovrebbe tenersi nei primi giorni di settembre e ospitare ricercatori provenienti da 40 Paesi – conclude Silvio Bindella –. Il nostro curatore Mark Bertogliati, che ringrazio per il suo lavoro unitamente a tutti i collaboratori che ci permettono di far funzionale il Museo, è un ricercatore, fa parte di parte di questo progetto e punta molto a rafforzare il profilo scientifico del museo». Nell’ambito del convegno sarà proposta una conferenza aperta al pubblico dedicata al patrimonio sotterraneo del Ticino con particolare attenzione alla zona del Generoso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
insediamenti alpestri mevm museo etnografico nadigh silvio bindella valle muggio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved