ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
7 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
8 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
11 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
15 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
18 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
18 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 gior

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
laR
 
27.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 16:35

Tavolino Magico Chiasso, una solidarietà lunga 10 anni

Brunella Frigerio, volontaria dalla prima ora, racconta la realtà del Centro di distribuzione alimentare: la povertà colpisce anche i giovani

tavolino-magico-chiasso-una-solidarieta-lunga-10-anni
Una parte del team di volontari

Con gli occhi di chi c’era dal primo giorno. Con gli occhi di Brunella Frigerio, casalinga, volontaria del Centro di distribuzione alimentare di Tavolino Magico di Chiasso – che quest’anno ha raggiunto (silenziosamente) il suo decimo anno di attività – tracciamo un bilancio in tema di inesauribile spirito di solidarietà, umanità, rivolti a una realtà invisibile: la povertà. Non prima di gettare lo sguardo sulla concretezza dei dati: i due Centri di distribuzione più a sud del Ticino – sono 14 in tutto il Cantone – soddisfano i bisogni di un numero considerevole di persone: a Chiasso ogni settimana vengono elargiti 850 chili di cibo a 160 persone; mentre a Mendrisio, realtà che conosce un sensibile aumento di giovani in difficoltà, 630 chili di cibo a favore di 110 persone. Complessivamente in Ticino sono 2’200 i beneficiari aiutati ogni settimana dall’associazione e il numero tende a crescere.

‘La lista si è allungata’

Con la pandemia la situazione si è aggravata? «Sì», risponde Brunella Frigerio, ogni martedì dalle 16.30 alle 17.30 al fronte di Tavolino Magico di Chiasso, in via Vela 2, coordinato da Bruna Bernasconi. «Se prima del virus si poteva avere un contatto e gli utenti potevano scegliere e servirsi direttamente del cibo erogato, adesso ognuno riceve la sua busta, si ferma trenta secondi e poi se ne deve andare. Misure anti Covid che tutelano volontari e beneficiari. Sicuramente questo è stato un cambiamento molto forte». «Un altro dato di realtà è che la lista si è allungata: ci sono molti che hanno perso il lavoro e si vedono inoltre molte famiglie monoparentali, mamme con i loro bambini. All’inizio di Tavolino Magico erano quasi tutti stranieri. Adesso abbiamo diversi ticinesi del posto, soprattutto cinquantenni in disoccupazione». Umanamente cosa le restituisce il Tavolino Magico? «Ogni volta per me il martedì, il giorno di distribuzione, rappresenta una nuova sfida. Ci vado sempre molto volentieri. Il bisogno è crescente anche fra le persone che si conoscono, che vivono momenti di difficoltà», spiega Brunella Frigerio, una delle venti volontarie della sede di Chiasso.

Coloro che hanno diritto ad accedere agli aiuti di Tavolino Magico «ricevono settimanalmente 4,5 chili di prodotti alimentari a testa, perlopiù frutta e verdura. In cambio è richiesto loro un franco simbolico. L’opportunità ad accedere agli aiuti arriva dalle segnalazioni di Comune o di altri enti sociali, quali Croce Rossa e Sos Infanzia, che dopo aver ponderato il caso dal profilo finanziario consegnano la tessera con la data preposta per il ritiro degli alimenti», spiega la nostra interlocutrice. Che aggiunge: «Abbiamo il gruppo dei siriani, quello degli africani. C’è molta solidarietà e integrazione. Da due anni a questa parte, a causa del Covid, non vi è tuttavia quasi più contatto, perché le consegne avvengono a scaglioni e a orari prestabiliti, a discapito della socializzazione».

La solidarietà non si ferma, attiva più che mai soprattutto sotto le feste. «Ma la busta è la stessa, purtroppo noi non possiamo scegliere di mettere di più o prodotti su richiesta, perché dobbiamo sottostare alla distribuzione. Magari un martedì c’è tanto formaggio e meno pane, un altro martedì c’è invece più pane e meno frutta. Anche per noi è una giostra, quel che arriva arriva. Negli anni siamo arrivati anche a raggiungere le 280 persone beneficiarie. Gli alimenti rispondono ai bisogni primari e la quantità e la qualità sono sempre assicurate».

Prosegue la volontaria di Tavolino Magico: «Abbiamo anche giovani in assistenza che hanno interrotto gli studi o che non hanno ancora trovato una stabilità professionale. Abbiamo di tutto, davvero di tutto e i numeri di chi ha bisogno tendono ad aumentare». «Vedere tanta povertà in Svizzera è una lezione di vita che ti apre gli occhi, in dieci anni abbiamo sostenuto davvero tante famiglie, non solo dando cibo, anche aiutando a sbrigare questioni amministrative», dichiara Brunella Frigerio. Tra i beneficiari a Chiasso figurano, come negli altri 13 Centri di distribuzione, ‘working poor’; famiglie numerose, fino a 9 persone, o monoparentali; rifugiati; persone in difficoltà, giovani, che non trovano lavoro, che l’hanno perso o ricevono prestazioni sociali insufficienti; pochi o nessun anziano. Fino al 2014, la distribuzione è avvenuta nel locale sotto il cinema Excelsior, dove lo spazio però non bastava più per 70 carte acquisti (corrispondono a oltre 200 persone), andava trovato uno spazio più adeguato. Da luglio 2014, la distribuzione, si è così spostata alla palestra dismessa di via Vela, messa a disposizione gratuitamente dal Comune. Qui ogni settimana si rinnova l’appuntamento con la solidarietà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved