delitto-di-via-valdani-chieste-pene-fino-a-19-anni
archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
3 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
3 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
3 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
4 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
5 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
5 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
5 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
6 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
6 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
6 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
16.12.2021 - 11:17
Aggiornamento: 17:27

Delitto di via Valdani, chieste pene fino a 19 anni

Per la pp Marisa Alfier è stato un assassinio. Alla condanna proposta per Pasquale Ignorato si aggiungono i 16 anni e 6 mesi per il figlio

«Hanno tolto la vita a una persona che faceva unicamente il suo lavoro». Per la procuratrice pubblica Marisa Alfier non ci sono dubbi: quello commesso il 27 novembre 2015 nel sotterraneo di via Valdani, a Chiasso, è stato un assassinio. Al termine della sua requisitoria, iniziata ieri, Alfier ha chiesto condanne a 19 anni di carcere per Pasquale Ignorato e di 16 anni e 6 mesi per il figlio 29enne. «La loro colpa è gravissima e la loro credibilità è pari a zero». Padre e figlio devono rispondere di assassinio, in via subordinata omicidio intenzionale o aggressione (ipotesi valida solo per il figlio) e una serie di reati finanziari.

In via subordinata, qualora la corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa non riconoscesse l’assassinio ma il reato di omicidio intenzionale, la procuratrice ha chiesto una condanna a 17 anni per Pasquale Ignorato e a 13 anni e 6 mesi per il figlio. Se per quest’ultimo venisse riconosciuta l’aggressione, la pena proposta è di 4 anni e 6 mesi.

‘Non è stato un raptus’

I fatti che hanno portato alla morte di Angelo Falconi «non sono stati un raptus. Pasquale Ignorato era bene in chiaro: ha mandato il figlio a fare un sopralluogo e lo ha portato il giorno dopo a fare quello che hanno fatto insieme». Un’azione che ha portato Alfier a stabilire che «la premeditazione c’è stata ed è stata condivisa da entrambi: hanno preso assieme la decisione di eliminare la persona che faceva valere i suoi diritti, solo perché non seguiva la loro volontà». Un movente «particolarmente odioso: il fatto di dover traslocare sapendolo da mesi, è la ragione per uccidere una persona? Se tutto è precipitato è solo perché hanno smesso di pagare le pigioni». L’avere atteso Falconi nel sotterraneo «è stato un agire particolarmente odioso perché si sono presentati entrambi armati ed entrambi erano più giovani e nel pieno delle forze rispetto alla vittima».

‘La fuga è servita a tanto’

Prima di formulare le sue richieste, la pp ha ripercorso quelle che sono state «la fuga e l’estradizione» di padre e figlio, arrestati in casa di parenti a Ercolano «a seguito di un mandato di cattura internazionale». Una fuga che «è servita a tanto perché abbiamo perso buona parte degli elementi concreti: non abbiamo vestiti, reperti per tracce organiche e l’esame esterno dei corpi. Se ben ricordo aspetto ancora adesso due telefoni cellulari». Sugli abiti – «arrivati tutti accatastati e non separati in singoli sacchetti» – gli inquirenti non hanno trovato tracce. «Non c’è nulla, nemmeno una macchia di sangue. Si può quindi desumere che o non sono quelli indossati la sera del 27 novembre o sono quelli ma sono stati lavati. Non si può credere che dal 27 novembre al 1° dicembre abbiano tenuto gli stessi vestiti senza averli lavati». Anche nella vettura del 29enne non sono state trovate tracce «nonostante le strisciate nel sotterraneo». Nell’auto non sono stati trovati i tappetini. Durante l’inchiesta l’imputato ha affermato di averli tolti dopo l’acquisto della vettura perché non gli piacevano.

A breve inizierà l’arringa dell’avvocato Elio Brunetti, legale del più giovane degli imputati. In seguito la parola passerà all’avvocato Marco Bertoli, difensore di Pasquale Ignorato.

Leggi anche:

Via Valdani, ‘massacrato per la misera somma di 5mila franchi’

Iniziato il processo per il delitto di via Valdani a Chiasso

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assassinio chiasso procuratrice pubblica via valdani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved