corsa-al-ccl-in-vista-dell-introduzione-del-salario-minimo
Ti-Press
La manifestazione sindacale di inizio ottobre a Mendrisio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
51 min

Locarno, alla Gestione piacciono gli orti comunali

Il rapporto commissionale preavvisa favorevolmente la richiesta di credito municipale per la realizzazione di 16 appezzamenti in zona Morettina
Bellinzonese
1 ora

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
1 ora

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Locarnese
2 ore

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
2 ore

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
2 ore

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
2 ore

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
3 ore

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
3 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
3 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
Locarnese
4 ore

Gordola, oltre 750 firme contro il ‘mastodonte’ alle Campagne

Abitanti preoccupati per l’inserimento del progetto immobiliare da circa 30 milioni. “Urge soluzione confacente, il Municipio faccia da mediatore”
Luganese
4 ore

Porto galleggiante contestato a Melide

Partita la raccolta di firme contro la variante pianificatoria votata ad ampia maggioranza dal Consiglio comunale nell’ultima seduta del 2021
30.11.2021 - 17:230
Aggiornamento : 20:17

Corsa al Ccl in vista dell’introduzione del salario minimo

A poche ore dall’applicazione della legge un altro drappello di ditte ha seguito TiSin. Contratti firmati in zona Cesarini. I sindacati: ‘Inaccettabile’

Tra poche ore la legge sul salario minimo in Ticino sarà una realtà. Un conto alla rovescia verso l’applicazione della normativa - a partire da domani primo dicembre - che ha convinto alcune ditte con base operativa nel cantone - e in particolare nel Mendrisiotto - a una vera e propria corsa contro il tempo per sottoscrivere un Contratto collettivo di lavoro; infilandosi così nella breccia aperta da TiSin, l’associazione guidata da un ex sindacalista, Nando Ceruso, e che fa riferimento a due esponenti di spicco della Lega, e Ticino Manufacturing. Insomma, l’esempio (cattivo per i sindacati storici Ocst e Unia) delle tre ditte manifatturiere del Distretto - la Plastifil di Mendrisio, la Ligo Electric di Ligornetto e la Cebi di Stabio - ha fatto ‘scuola’. Tanto che in alcuni casi si è arrivati giusto oggi, 30 novembre, dunque in zona Cesarini, a sottoscrivere il nuovo accordo per bypassare a tutti gli effetti la norma.

All’elenco delle industrie che ‘resistono’ all’introduzione della nuova legislazione si sono aggiunte infatti la Ideal-Tek e la Gipienne di Balerna - peraltro tra le aziende che si erano appellate al Tribunale federale - e a quanto pare stando ad alcune informazioni anche la Tecnomec di Stabio. Società fra le quali si ritrovano dei terzisti della stessa Cebi e a cui potrebbe aggiungersi almeno un altro nome, quello della Tecnomatic, sempre di Stabio. Anche a questa tornata, come nel recente passato, i datori di lavoro avrebbero messo, poi, le maestranze di fronte a una scelta in pratica obbligata. Stando a nostre informazioni all’interno della Gipienne si è prospettata una delocalizzazione in Romania, costringendo di fatto i lavoratori ad accettare le nuove condizioni. E ciò che fa più specie è che per i dipendenti della ditta che opera nello stoccaggio e nella gestione delle merci e nelle lavorazioni per terzi - una vecchia conoscenza per i sindacalisti - il nuovo Ccl ha portato un reale adeguamento della busta paga, pur restando al di sotto dei fatidici 19 franchi all’ora. Da quelle parti, in effetti, giravano salari sui 10 franchi orari. In una azienda di Stabio, la Tecnomatic, come riferito dalla Rsi, due dei collaboratori che non hanno aderito al Ccl si sono visti consegnare la lettera di licenziamento. La motivazione? Ristrutturazione.

‘Atteggiamento inaccettabile’

Il verdetto dell’Alta Corte - a favore della legge - non ha, quindi, fatto desistere queste fabbriche - e soprattutto i loro titolari - dal tentare il tutto per tutto per non assoggettarsi alla soglia del salario minimo, sfruttando anche le ultime ora a disposizione. «Si tratta di un atteggiamento inaccettabile», dice fuori dai denti Vincenzo Cicero, cosegretario responsabile Unia Sottoceneri. Qual è la vostra prossima mossa? «A fronte di un Cantone in aspettativa in attesa di far scattare i controlli, noi continuiamo nella nostra opera di denuncia - ci risponde Cicero -. Infatti in una prima fase abbiamo arginato il fenomeno, che ha poi subito una accelerazione quando il Tribunale federale ha spento, per così dire, l’ultima speranza. Giunti a questo punto confidiamo che il governo si sbrighi a mettere le iniziative parlamentari messe sul tavolo all’ordine del giorno del dibattito parlamentare. In ogni caso, ciò che è importante è aver riportato il tema del salario al centro della discussione. Del resto, il nostro compito è quello di organizzare i lavoratori e di smuovere la politica, richiamandola alle sue responsabilità».

Sulle ultime nuove dal mondo dell’industria non fa sconti neppure Giorgio Fonio, segretario Ocst del Mendrisiotto. «Questo modo di fare sta sdoganando il dumping - rilancia -. Da una parte, infatti, le organizzazioni sindacali, grazie al salario minimo ma non solo, stanno migliorando le condizioni dei lavoratori, dall’altra c’è chi con strumenti assolutamente inaccettabili sta mettendo sotto pressione la parte più debole delle aziende, cioè le lavoratrici e i lavoratori».

C’è da credere che i sindacati storici non lasceranno certo la presa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved