corsia-dei-tir-ustra-ha-una-posizione-irrispettosa
Ti-Press
Da anni i camion si incolonnano nel tratto autostradale chiassese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia

Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Mendrisiotto
16 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
17 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
18 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
18 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
19 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
19 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
19 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
19 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
29.11.2021 - 15:48
Aggiornamento: 17:10

Corsia dei Tir, Ustra ha una posizione ‘irrispettosa’

Il Ppd va alla carica anche del Consiglio di Stato. Il Cantone, chiedono tre deputati, è disposto a sostenere il Distretto?

Già alle prese con il progetto della terza corsia dinamica fra Lugano e Mendrisio, il Mendrisiotto non ha proprio digerito la determinazione dell’Ufficio federale delle strade (Ustra) di riservare un’area di sosta ai Tir lungo il tratto meridionale dell’A2. Neppure davanti alla reazione dei Municipi toccati per territorio – ovvero Mendrisio, Coldrerio, Balerna e Novazzano – e della Commissione regionale dei trasporti, in effetti, Ustra ha fatto marcia indietro. Lo aveva fatto capire a chiare lettere nella missiva recapitata agli stessi esecutivi e negli ultimi tempi non ha cambiato idea. Per dar manforte al Distretto il Ppd, tanto a livello cantonale che federale, sta cercando di far uscire allo scoperto sia il Consiglio federale che il Cantone. Seguendo il consigliere nazionale Marco Romano, oggi, lunedì, tre deputati Ppd della regione – Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani – hanno messo il dossier sul tavolo del Consiglio di Stato. Tra le righe dell’interrogazione emerge infatti la richiesta di affiancare il Mendrisiotto nella sua nuova battaglia.

Agli occhi dei tre granconsiglieri “risulta incomprensibile l’atteggiamento di Ustra che dinanzi a un’unanime presa di posizione degli amministratori locali ha ritenuto di non dover concedere nessuna apertura, non ‘ammorbidendo’ in alcun modo il progetto”. Per Fonio, Agustoni e Pagani – che si fanno portavoce del Distretto – si tratta di “una posizione irrispettosa”. La richiesta, quindi, è chiara: “Un intervento deciso da parte del Dipartimento del territorio e del Consiglio di Stato”. Quanto agli interrogativi rilanciati dai banchi del parlamento sono due. Con il primo si mira a misurare il grado di informazione del Cantone sull’intenzione di creare una corsia ad hoc per i mezzi pesanti tra l’area di servizio di Coldrerio e il viadotto di Bisio a Balerna. Con la seconda ci si prefigge di sapere quale sia la posizione sul piano cantonale. Ma soprattutto, il CdS “è disposto a sostenere la regione nei confronti di Ustra?”.

D’altro canto, come evidenzia anche il Ppd distrettuale in una nota, si va a incidere su un territorio “già fortemente sotto pressione dal traffico e dalla qualità dell’aria” e che dunque “non può permettersi di realizzare una nuova infrastruttura per la sosta dei camion che aggraverebbe ancora di più i problemi della nostra regione”.

L’Ustra, da parte sua, ha giocato sin qui la carta della sicurezza. Nella risposta alla lettera degli esecutivi i tecnici federali hanno fatto presente la necessità di una operazione che non solo pianifica il risanamento e la messa a norma di un tratto autostradale aperto nel 1966, ma sana una lacuna.

Leggi anche:

Una A2 a più corsie: dopo la ‘dinamica’ ecco quella per i Tir

Niente Tir sull’A2 a sud? ’Prima c’è la sicurezza di tutti’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved