monte-modello-intergenerazionale-premiato-a-livello-nazionale
archivio Ti-Press
Uno dei progetti previsti riguarda la bottega
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
29 min

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
54 min

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
1 ora

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
1 ora

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
1 ora

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
1 ora

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
2 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
Locarnese
2 ore

Gordola, oltre 750 firme contro il ‘mastodonte’ alle Campagne

Abitanti preoccupati per l’inserimento del progetto immobiliare da circa 30 milioni. “Urge soluzione confacente, il Municipio faccia da mediatore”
Luganese
2 ore

Porto galleggiante contestato a Melide

Partita la raccolta di firme contro la variante pianificatoria votata ad ampia maggioranza dal Consiglio comunale nell’ultima seduta del 2021
Bellinzonese
3 ore

Danni del nubifragio, ‘nessuna responsabilità del Municipio’

L’esecutivo di Lumino risponde all’interrogazione Plr rispedendo al mittente ‘insinuazioni e speculazioni’ sull’alluvione del 7 agosto
Mendrisiotto
3 ore

Il Gran consiglio è con India e lancia ‘un messaggio forte’

Deputati compatti, tranne sui banchi della Lega (che si astiene). Critiche alla legge e all’attitudine del Cantone. Ma Gobbi non ci sta
Ticino
6 ore

Iniziativa popolare per abolire i livelli, si scaldano i motori

Scuola media. Vpod, lunedì riunione allargata per decidere su comitato e testo. Associazioni e studenti si esprimono dopo il no parlamentare al test
Locarnese
6 ore

Verzasca, tutti i lavori dopo lo svuotamento del lago

Al via le opere di manutenzione a più di cinquant’anni dalla prima messa in servizio del bacino per la produzione di energia idroelettrica
Luganese
13 ore

Schiacciato sotto un tornio industriale, non ce la fa

Vittima dell’infortunio avvenuto in una azienda di Agno un operaio di 51 anni del Canton Zurigo
Ticino
16 ore

Processo Antonini: due imputati, due versioni

L’ex comandante e l’ex capo dello Stato maggiore si rimpallano le responsabilità della costituzione della ‘cassa nera’
Ticino
16 ore

Operazione ‘Imponimento’, oltre sessanta condanne

La sentenza su uno dei filoni dell’inchiesta italiana contro la ’ndrangheta che aveva portato anche ad alcuni arresti in Svizzera
GALLERY
Luganese
16 ore

Schiacciato da un macchinario, grave infortunio ad Agno

Il grave infortunio è avvenuto intorno alle 17 in un’industria di via Ginnasio. La Polizia è sul posto per gli accertamenti del caso
30.11.2021 - 07:260
Aggiornamento : 16:25

Monte, modello intergenerazionale premiato a livello nazionale

Il progetto voluto per migliorare la qualità di vita degli anziani è arrivato secondo al concorso Eulen Award

«Abbiamo scoperto che bastano veramente pochi interventi per permettere all’anziano di vivere meglio la sua quotidianità». Lo sa bene il Municipio di Castel San Pietro, che si è fatto promotore del progetto ‘Presente e futuro delle persone anziane che vivono in regioni periferiche’ sviluppato per la frazione di Monte. Progetto che entrerà nel vivo nelle prossime settimane e che ha appena conquistato il secondo posto al concorso nazionale ‘Eulen Award’ che premia i progetti innovativi che incrementano la qualità di vita delle persone anziane (il primo premio è andato a un progetto di Zofingen; il terzo a uno presentato dal Canton Giura). Alla soddisfazione per il lavoro svolto, si aggiunge quella di essere i primi ticinesi a essere premiati al concorso. «È stata una bellissima soddisfazione – conferma Alessia Ponti, sindaco di Castel San Pietro – soprattutto perché abbiamo creduto molto e da subito in questo progetto, pilota per la Svizzera, scegliendo di dare credito e spazio a invertenti per gli anziani e a favore di un territorio discosto, che però merita di essere valorizzato». Alla cerimonia erano presenti Dieter Schürch (ideatore del progetto), Giorgio Cereghetti (ex municipale e attuale membro del Gruppo di accompagnamento) e Rina Rolli (per lo StudioSer di Zurigo). La laudatio è stata pronunciata dall’ex consigliere nazionale Meinrado Robbiani. «È stato interessante perché si tratta di un riconoscimento che permette al progetto di essere conosciuto e promosso – spiega Giorgio Cereghetti –. Ad annunciare quanto in corso a Monte è stato il Laboratorio dell’Ingegneria dello sviluppo (Liss) di Ponte Capriasca che ha curato lo studio sugli anziani in Valle». Una ricerca analoga è stata svolta nella valle Onsernone.

Lavori al via da gennaio

Il Consiglio comunale di Castel San Pietro ha stanziato un credito quadro di 500mila franchi (la richiesta inizialmente formulata dal Municipio era di poco inferiore al milione). «Ci siamo attenuti alla decisione del legislativo e ci siamo concentrati su quelle opere che abbiamo ritenuto di primaria importanza – aggiunge il sindaco –. In questi giorni stiamo ritirando le offerte dei capitolati e le delibere partiranno nel mese di gennaio». La prima parte dei lavori sarà completata entro l’estate. Le informazioni raccolte durante il citato studio sono state molteplici. Tra queste c’è la necessità di adattare il territorio alla mobilità delle persone anziane, la creazione e valorizzazione di situazioni che favoriscano lo scambio sociale tra i residenti, la creazione di luoghi e dispositivi che possono favorire situazioni di gioco e contatto intergenerazionale, l’identificazione e la valorizzazione delle qualità paesaggistiche degli spazi pubblici del villaggio, come la trasmissione di ricordi e conoscenze delle persone anziane alle nuove generazioni e la realizzazione di spazi in cui gli anziani possano usufruire di tecnologie della comunicazione e digitalizzazione delle informazioni storiche ed etnografiche del territorio. «Seguendo la linea guida della Confederazione, l’obiettivo è rendere la vita dell’anziano vivibile il più possibile all’interno del suo comune e nella sua abitazione – aggiunge Alessia Ponti –. Abbiamo per esempio scoperto che alcuni anziani non escono di casa perché quando arrivano in piazza non hanno un posto dove sedersi e non vogliono restare in piedi. È un peccato: bastano piccoli accorgimenti, come un corrimano nel nucleo o una panchina in piazza, per cambiare la qualità di vita. Mi auguro che questo progetto possa attirare l’attenzione di altre regioni e comuni del Cantone perché è stato molto arricchente».

Una trasformazione ambientale

Quello che caratterizzerà i prossimi mesi della frazione di Castel San Pietro sarà una trasformazione ambientale che avrà l’obiettivo di percorrere un modo di intendere il rapporto tra anziano e contesto di vita come risorsa per il bene dell’insieme della società. «Non sarà un progetto architettonico, in quanto gli interventi non sono invasivi, ma da vivere», precisa Giorgio Cereghetti. L’esercizio è quello di reinterpretare alcuni luoghi del villaggio, come la piazza, la bottega, i muri a secco, il gioco delle bocce e alcuni punti di incontro. «Stiamo inoltre costruendo diversi tasselli che dovranno far vivere il paese – aggiunge Cereghetti –. Tra questi ci sono l’inserimento della figura del tutor di comunità e i volontari formati dallo stesso Liss». In un secondo momento sarà valutata l’introduzione di strumenti digitali e la collaborazione con associazioni che lavorano con giovani e anziani per rendere vivo il progetto. Per seguire da vicino lo sviluppo del progetto è stato creato anche un gruppo di accompagnamento che coinvolge personaggi attivi in vari ambiti e una rappresentante federale. Questo perché la concezione di Monte è stata scelta e inserita dalla Confederazione nell’elenco dei progetti modello chiamati a svolgere un ruolo di richiamo in altre regioni e Cantoni della Svizzera.

Monte luogo di studio

Monte diventerà anche un luogo di studio. Nella sua laudatio, Robbiani ha alluso all’intenzione dei progettisti e del Comune di Castel San Pietro di concepire Monte come luogo di richiamo e di riflessione, anche a livello accademico. È infatti in programma una scuola estiva con le Università di Barcellona e di Zurigo che rappresenta un esempio di come si intenda approfondire il significato del concetto di ambiente quando al centro si colloca il punto di vista della persona anziana. Una prospettiva di richiamo che supera i confini regionali e che mostra come le regioni periferiche possano diventare un fattore di sviluppo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved