chiasso-avvicinarsi-alle-istituzioni-gia-alle-elementari
Come funzionano i canali istituzionali? Meglio sperimentare già da piccoli (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
6 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
6 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
6 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
7 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
7 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
7 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
8 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
9 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
9 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
9 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
11 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
11 ore

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
11 ore

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
laR
 
09.11.2021 - 20:44
Aggiornamento : 10.11.2021 - 10:16

Chiasso, avvicinarsi alle istituzioni già alle Elementari

Una mozione di Arianna Cattaneo e Amedeo Mapelli (Ppd) chiede al Municipio di creare un Consiglio comunale dei bambini e delle bambine

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Quello della mancanza di giovani che si dedicano alla politica attiva, è un tema ricorrente a ogni elezione comunale. Per cercare d’invertire questa tendenza, a Chiasso potrebbe presto nascere un Consiglio comunale dei bambini e delle bambine. Sarebbe il secondo, a livello distrettuale, dopo quello istituito a Mendrisio, uno dei Comuni pilota a livello svizzero, in marzo. A lanciare la proposta è una mozione firmata dai consiglieri comunali del Ppd Arianna Cattaneo e Amedeo Mapelli. Al Municipio viene chiesto di istituire l’organo nella formula adottata dalla Città di Mendrisio, con l’invito a “coinvolgere il corpo docenti nella definizione dello stesso così come di chiedere il riscontro a chi ha già messo in atto progetti simili”. Contattata da ‘laRegione’, Arianna Cattaneo spiega che «era un’idea che avevo da tempo. È importante dare ai bambini l’importanza che meritano perché il loro potenziale è enorme così come la loro capacità di apprendimento. Secondo la Convenzione sui diritti del fanciullo, i bambini sono cittadini a tutti gli effetti ed è pertanto giusto coinvolgerli e far loro capire l’importanza di una partecipazione attiva sin da subito». A questo va aggiunto il fatto che «spesso purtroppo non si sa quali sono i propri diritti come cittadini e come portare determinate tematiche all’attenzione della politica proprio perché manca la consapevolezza dei canali istituzionali – aggiunge la consigliera comunale –. Conoscerli e sperimentarli da piccoli può essere un grande aiuto per il futuro». L’idea dei mozionanti è quella di “coinvolgere i bambini delle scuole elementari, affinché l’avvicinamento alle istituzioni avvenga sin dalla giovanissima età, in maniera quasi naturale”. Vi sarà inoltre da “valutare la possibilità di estendere la partecipazione anche ai ragazzi delle scuole medie, magari nel primo biennio, inserendo tale impegno nel programma di educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia in modo armonico”. Così facendo, “i ragazzi verrebbero accompagnati, senza interruzioni, lungo un percorso di sensibilizzazione alla politica che termina con la possibilità, già in essere, di partecipare al Consiglio cantonale dei giovani (15-17 anni)”. Un percorso che apre quindi le porte alla politica attiva.

‘Importante coinvolgere i docenti’

Obiettivo della proposta, come conferma Amedeo Mapelli, «è avvicinare i giovani alla politica e provare a invertire la tendenza sulla loro mancata partecipazione nelle istituzioni. La nuova generazione ha molta voglia di impegnarsi: il clima è per esempio un tema molto sentito e discusso, ma spesso le azioni dei giovani attivisti si tengono sulla strada o sui social e non nei palazzi delle istituzioni». Nel processo che porterà alla creazione del Consiglio comunale dei bambini e delle bambine «sarà importante coinvolgere i docenti, visto che a scuola la civica viene insegnata. E chissà che dagli occhi dei bambini non arrivino idee e impulsi che possano servire anche alla politica dei grandi», annota Mapelli. Per la buona riuscita del progetto, si legge ancora nella mozione, “per ambo le parti sarà importante prendere l’impegno seriamente e, da parte nostra, fondamentale ai fini del progetto, sarà la sua definizione puntuale, la continuità nel portarlo avanti e il coinvolgimento del corpo docenti, non solo nella fase operativa ma anche nella pianificazione stessa”.

Sono gli ‘anziani’ a decidere

Oltre al già citato esempio di Mendrisio, sono stati numeri a suggerire «un’idea con un budget ridotto – annota Mapelli – e che sul lungo termine può portare risvolti positivi». Le statistiche degli ultimi appuntamenti elettorali «dimostrano che è la fascia più anziana della popolazione che prende decisioni che possono andare a influenzare le nuove generazioni, mentre i giovani vanno poco a votare», conclude Amedeo Mapelli. I dati esposti nella mozione indicano che alle elezioni federali del 2019 ha partecipato solo il 33 per cento degli aventi diritto tra i 18 e i 24 anni, mentre la percentuale di voto delle persone tra i 65 e i 74 anni è stata quasi doppia (62 per cento), con una media intorno al 45,1 per cento. “La partecipazione al voto in Svizzera degli under 25 ristagna da anni attorno a un terzo degli aventi diritto. La percentuale più alta è stata registrata nel 2003, con il 35 per cento. Il rischio che porta in grembo questa tendenza è quella che talune decisioni che comportano delle conseguenze per le generazioni future non verranno avallate dalle generazioni stesse”. I giovani di oggi, sottolineano in conclusione Arianna Cattaneo e Amedeo Mapelli, “possono e devono essere parte attiva nel prendere le decisioni più giuste e devono imparare a far sentire la loro voce anche tramite i canali istituzionali”.

Leggi anche:

Mendrisio presenta i suoi giovani consiglieri comunali

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved