BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
3. tempo
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
3. tempo
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
3. tempo
(0-3 : 2-0 : 1-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
i-bambini-sono-pronti-ad-andare-a-scuola-a-piedi
L’intenzione è di riprovarci
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

A Manno è Mercatino di Natale benefico

Bancarelle, giochi e golosità nel nucleo del paese per l’intera giornata del prossimo 8 dicembre
Ticino
9 ore

‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
9 ore

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Bellinzonese
9 ore

Una mozione per una lingua facile a livello comunale

Lo propongono alcuni consiglieri comunali di Bellinzona dell’Unità di sinistra
Luganese
9 ore

Origlio, divieto di pattinaggio sul laghetto

Il Municipio e il Patriziato rinnovano il provvedimento. Non esistono alternative alla prassi seguita negli ultimi anni
Ticino
9 ore

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti
Mendrisiotto
9 ore

Vincent Van Gogh in un libro a LaFilanda a Mendrisio

Incontro con Renato Giovannoli, autore de ‘I vortici di Van Gogh’, per interrogarsi sull’artista olandese
Bellinzonese
9 ore

Fiocco azzurro alla ‘Regione’ di Bellinzona

Lunedì sera è nato Enea, per la gioia dei genitori Francesca e Fabio
Bellinzonese
10 ore

San Nicolao a San Bernardino

Per l’occasione la pista di pattinaggio del Centro sportivo sarà aperta al pubblico
Bellinzonese
10 ore

Mercatino di Natale annullato a Sementina

Doveva tenersi giovedì 2 dicembre ma è stato annullato a causa della situazione di recrudescenza pandemica
Ticino
10 ore

Molestie al Dss, l’audit passerà dal voto in Gran Consiglio

La Sottocommissione della gestione suggerisce di conferire ‘il potere di imporre alle persone interpellate di collaborare’: serve un decreto legislativo
Locarnese
10 ore

Aurigeno, Brunoni e Mancini: scrittori a colloquio

Il Comune di Maggia ripropone gli incontri con gli scrittori locali che presenteranno le loro produzioni recenti
Luganese
11 ore

Preventivo 2022 a Lugano, la Gestione chiede il rinvio

Partita la richiesta agli Enti locali per prorogare l’esame del messaggio che verrà così votato l’anno prossimo, con alcune spese già effettuate
Mendrisiotto
11 ore

Corsa al Ccl in vista dell’introduzione del salario minimo

A poche ore dall’applicazione della legge un altro drappello di ditte ha seguito TiSin. Contratti firmati in zona Cesarini. I sindacati: ‘Inaccettabile’
Mendrisiotto
15.10.2021 - 16:520

I bambini sono pronti ad andare a scuola a piedi

Un progetto pilota della Supsi nelle scuole di tre comuni rivela la voglia dei piccoli utenti di cambiare mobilità. Convinti anche i genitori

Più bambini a scuola a piedi, più genitori convinti, ma soprattutto meno ‘mamme-taxi’: l’esperimento messo in campo lo scorso anno scolastico dalla Supsi nelle scuole di tre comuni del Mendrisiotto può dirsi riuscito. In quattro scuole dell’infanzia - a Balerna, Novazzano, Salorino e Capolago - e in una sede delle Elementari, quella di Canavée a Mendrisio, si è fatta largo (ancora di più) l’idea che il Pedibus non solo è bello ma è anche meglio. In totale fra gennaio e maggio sono stati 688 i bambini che si sono ritrovati al centro del progetto pilota ‘S2Hoes - Safe and sustainable HOmE School mobility’ e sono stati seguiti da vicino dai ricercatori dell’Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito del Dacd (Dipartimento ambiente, costruzione e design). Ragazzi che hanno così contribuito ad aprire la strada ad altri coetanei nel segno di una mobilità “attiva, sicura e sostenibile” sul percorso casa-scuola. La sperimentazione ha entusiasmato a tal punto che, si fa sapere dalla Supsi, si sta già pensando a una nuova edizione. Per il momento, comunque, si fa tesoro dei risultati raggiunti sulla spinta del Coordinamento Pedibus Ticino dell’Associazione traffico e ambiente (Ata) e della Fondazione Bruno Kessler di Trento, con il supporto della Fondazione Axa per la prevenzione. In effetti, combinare un approccio ludico-educativo - grazie a una piattaforma didattica, KidsGoGreen - al Pedibus - reso più snello da un applicazione mobile, PedibusSmart - ha permesso di aumentare del 10 per cento il numero dei piccoli utenti, vedendo crescere tanto gli alunni che gli accompagnatori volontari. Non solo, a Balerna l’Assemblea dei genitori ha deciso di creare una linea di Pedibus a misura dei bambini della Materna. Un servizio attivato con l’inizio di questo anno scolastico e che ha frequenza giornaliera.

Serve un’azione combinata

La tecnologia ha dunque dato una mano non solo a veicolare il messaggio - preferire andare a scuola a piedi - ma altresì a rendersi conto dell’efficacia delle soluzioni prospettate - tre le combinazioni d’intervento previste - e adottate dalle varie scuole. In questo modo, si conferma dalla Supsi, i ricercatori hanno potuto valutare l’impatto delle misure e “individuare criticità e potenzialità”, raccogliendo attraverso un sondaggio condotto fra i partecipanti “eventuali suggerimenti, idee e proposte di miglioramento”. Ciò che è apparso evidente è che unendo le opzioni l’effetto è assicurato, registrando al contempo un calo della mobilità motorizzata, “in particolare l’uso dell’auto privata”. Di fatto, si spiega, alla fine della sperimentazione è “aumentata l’inclinazione da parte dei genitori a considerare la mobilità attiva la forma di mobilità scolastica che prediligerebbero per i loro figli in futuro, potendo scegliere”. In buona sostanza nella globalità l’84 per cento dei genitori si è dichiarato “soddisfatto/molto soddisfatto” del progetto S2HOES. In media, si annota, mamme e papà hanno “convenuto che l’impiego dell’app mobile PedibusSmart rappresenti un valore aggiunto e che l’approccio ludico-educativo proposto (la piattaforma di gioco KidsGoGreen) rappresenti un metodo d’insegnamento innovativo, in grado di suscitare curiosità e maggiore sensibilità dei bambini verso il tema della mobilità sostenibile, producendo un effetto positivo sulle loro abitudini di spostamento sul tragitto casa-scuola”.

Non ci si fermerà qui

Visto l’esito del progetto pilota si è propensi a non fermarsi qui. “Vorremmo avviare un processo di co-progettazione capace di coinvolgere sin dall’inizio sia i genitori che la scuola nel perfezionamento delle soluzioni tecnologiche S2HOES, per adattare le funzionalità dell’applicazione mobile e della piattaforma di gioco alle effettive esigenze dei loro fruitori finali”, commenta Roberta Castri, responsabile del progetto alla Supsi. “Di certo - ribadisce la ricercatrice -, il dialogo e l’unità di intenti tra genitori e scuola sono elementi cardine per poter raggiungere un cambiamento più profondo nelle pratiche di mobilità scolastica. Fare rete tra scuola, genitori e altri attori locali è dunque fondamentale se si vogliono creare nuove opportunità”.

Sul grafico che sintetizza una parte del lavoro della Supsi la linea della mobilità attiva (il Pedibus) tende a salire, quella veicolare a scendere: un’inversione di tendenza incoraggiante, soprattutto per Ata che da anni crede nella necessità di spronare i genitori e invogliare i bambini a... cambiare passo. Un obiettivo, quello dell’Associazione, condiviso con slancio nel Mendrisiotto, dove negli anni le linee di Pedibus si sono moltiplicate.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved