ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

Galleria Melide-Grancia, terminati i lavori in direzione nord

Ustra affronterà ora la seconda fase dei lavori di risanamento, che si concluderà nel 2024. Si parla di un investimento totale di 70 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
3 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
7 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
7 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
12 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
14 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
14 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
15 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
16 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
17 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
17 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
17 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
15.10.2021 - 16:52

I bambini sono pronti ad andare a scuola a piedi

Un progetto pilota della Supsi nelle scuole di tre comuni rivela la voglia dei piccoli utenti di cambiare mobilità. Convinti anche i genitori

i-bambini-sono-pronti-ad-andare-a-scuola-a-piedi
L’intenzione è di riprovarci

Più bambini a scuola a piedi, più genitori convinti, ma soprattutto meno ‘mamme-taxi’: l’esperimento messo in campo lo scorso anno scolastico dalla Supsi nelle scuole di tre comuni del Mendrisiotto può dirsi riuscito. In quattro scuole dell’infanzia - a Balerna, Novazzano, Salorino e Capolago - e in una sede delle Elementari, quella di Canavée a Mendrisio, si è fatta largo (ancora di più) l’idea che il Pedibus non solo è bello ma è anche meglio. In totale fra gennaio e maggio sono stati 688 i bambini che si sono ritrovati al centro del progetto pilota ‘S2Hoes - Safe and sustainable HOmE School mobility’ e sono stati seguiti da vicino dai ricercatori dell’Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito del Dacd (Dipartimento ambiente, costruzione e design). Ragazzi che hanno così contribuito ad aprire la strada ad altri coetanei nel segno di una mobilità “attiva, sicura e sostenibile” sul percorso casa-scuola. La sperimentazione ha entusiasmato a tal punto che, si fa sapere dalla Supsi, si sta già pensando a una nuova edizione. Per il momento, comunque, si fa tesoro dei risultati raggiunti sulla spinta del Coordinamento Pedibus Ticino dell’Associazione traffico e ambiente (Ata) e della Fondazione Bruno Kessler di Trento, con il supporto della Fondazione Axa per la prevenzione. In effetti, combinare un approccio ludico-educativo - grazie a una piattaforma didattica, KidsGoGreen - al Pedibus - reso più snello da un applicazione mobile, PedibusSmart - ha permesso di aumentare del 10 per cento il numero dei piccoli utenti, vedendo crescere tanto gli alunni che gli accompagnatori volontari. Non solo, a Balerna l’Assemblea dei genitori ha deciso di creare una linea di Pedibus a misura dei bambini della Materna. Un servizio attivato con l’inizio di questo anno scolastico e che ha frequenza giornaliera.

Serve un’azione combinata

La tecnologia ha dunque dato una mano non solo a veicolare il messaggio - preferire andare a scuola a piedi - ma altresì a rendersi conto dell’efficacia delle soluzioni prospettate - tre le combinazioni d’intervento previste - e adottate dalle varie scuole. In questo modo, si conferma dalla Supsi, i ricercatori hanno potuto valutare l’impatto delle misure e “individuare criticità e potenzialità”, raccogliendo attraverso un sondaggio condotto fra i partecipanti “eventuali suggerimenti, idee e proposte di miglioramento”. Ciò che è apparso evidente è che unendo le opzioni l’effetto è assicurato, registrando al contempo un calo della mobilità motorizzata, “in particolare l’uso dell’auto privata”. Di fatto, si spiega, alla fine della sperimentazione è “aumentata l’inclinazione da parte dei genitori a considerare la mobilità attiva la forma di mobilità scolastica che prediligerebbero per i loro figli in futuro, potendo scegliere”. In buona sostanza nella globalità l’84 per cento dei genitori si è dichiarato “soddisfatto/molto soddisfatto” del progetto S2HOES. In media, si annota, mamme e papà hanno “convenuto che l’impiego dell’app mobile PedibusSmart rappresenti un valore aggiunto e che l’approccio ludico-educativo proposto (la piattaforma di gioco KidsGoGreen) rappresenti un metodo d’insegnamento innovativo, in grado di suscitare curiosità e maggiore sensibilità dei bambini verso il tema della mobilità sostenibile, producendo un effetto positivo sulle loro abitudini di spostamento sul tragitto casa-scuola”.

Non ci si fermerà qui

Visto l’esito del progetto pilota si è propensi a non fermarsi qui. “Vorremmo avviare un processo di co-progettazione capace di coinvolgere sin dall’inizio sia i genitori che la scuola nel perfezionamento delle soluzioni tecnologiche S2HOES, per adattare le funzionalità dell’applicazione mobile e della piattaforma di gioco alle effettive esigenze dei loro fruitori finali”, commenta Roberta Castri, responsabile del progetto alla Supsi. “Di certo - ribadisce la ricercatrice -, il dialogo e l’unità di intenti tra genitori e scuola sono elementi cardine per poter raggiungere un cambiamento più profondo nelle pratiche di mobilità scolastica. Fare rete tra scuola, genitori e altri attori locali è dunque fondamentale se si vogliono creare nuove opportunità”.

Sul grafico che sintetizza una parte del lavoro della Supsi la linea della mobilità attiva (il Pedibus) tende a salire, quella veicolare a scendere: un’inversione di tendenza incoraggiante, soprattutto per Ata che da anni crede nella necessità di spronare i genitori e invogliare i bambini a... cambiare passo. Un obiettivo, quello dell’Associazione, condiviso con slancio nel Mendrisiotto, dove negli anni le linee di Pedibus si sono moltiplicate.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved