quei-selfie-dopo-il-parrucchiere-e-la-morte-di-un-uomo
Rescue Media
L'auto si era rovesciata su un fianco
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

‘Il-rispetto-non-ha-età’: la polizia di Lugano gioca d’anticipo

Presentata la campagna di sensibilizzazione ’mirata a promuovere una serena convivenza tra chi ha il diritto di divertirsi e chi di riposare’
Locarnese
3 min

Locarno, Alzheimer Café con Anna Margani 

La direttrice Casa VitaCore, a S. Antonino, proporrà una riflessione sull’accompagnamento nella malattia
Bellinzonese
3 min

Un successo il ritorno dell’accademia della Sfg Bellinzona

Dopo due anni la Società è tornata a organizzare la manifestazione, tenutasi per la prima volta allo stadio Comunale davanti a un migliaio di persone
Locarnese
5 min

Il secondo tiro obbligatorio allo stand di Cevio

Mercoledì 25 maggio tra le 16 e le 19, organizzato dalla società Tiratori Vallemaggia
Locarnese
11 min

Pedemonte, Associazione Amici Tre Terre in assemblea

La riunione si terrà a Cavigliano. Oltre al rendiconto finanziario spazio alle nomine statutarie e a una discussione sulle finanze
Mendrisiotto
12 min

Porte aperte agli scavi paleontologici sul San Giorgio

Per un giorno si potrà vedere da vicino il lavoro dei ricercatori in uno tra i più importanti giacimenti fossiliferi al mondo
Locarnese
18 min

Ascona, una conferenza sul linguaggio d’odio

‘Fare male con le parole’ è la tematica dell’incontro organizzato da Agorà Ascona con il direttore delle Biblioteche cantonali, Stefano Vassere
Bellinzonese
26 min

Biasca, un progetto a sostegno delle famiglie fragili

Mercoledì 8 giugno dalle 20 alla Casa Cav. Pellanda sarà presentata l‘iniziativa ‘Una famiglia per una famiglia’
Locarnese
51 min

Fermata Tilo: ‘Niente votazione, ma chiedo accorgimenti’

Minusio, Tiziano Tommasini intende rinunciare alla chiamata alle urne contro uno dei due crediti contestati (ma potrebbe doverla confermare)
Mendrisiotto
52 min

Cade il carcere per il cacciatore che uccise per sbaglio l’amico

I giudici della Corte di appello hanno ridotto e sospeso a 2 anni la condanna per omicidio colposo all’autore, un 53enne del Mendrisiotto
Mendrisiotto
56 min

Mendrisio, al campo Adorna arrivano le finali di Coppa allievi

L’appuntamento è per questo giovedì. A sfidarsi saranno i migliori giovani calciatori del cantone.
Locarnese
57 min

Passeggiate guidate alla scoperta di Ronco s/Ascona

Mercoledì 25 maggio per riscoprire la vita nel passato, mentre domenica 29 maggio per conoscere le peculiarità urbanistiche e paesaggistiche
Luganese
1 ora

Crediti facili con documenti falsi, una condanna a Lugano

Trenta mesi, in larga parte sospesi, a un 60enne che truffando banche e società è riuscito a ottenere finanziamenti per circa 65’000 franchi
Ticino
1 ora

Nelle casse dei benzinai ticinesi manca il pieno dei frontalieri

Conti alla mano, l’assenza dei frontalieri pesa di più rispetto a quella dei ticinesi che preferiscono fare il pieno in Italia
Locarnese
1 ora

Il ‘Carnage’ del Piccolo Teatro al Centro S. Antonio

L’adattamento della commedia di Yasmina Reza torna in scena mercoledì a Locarno per la regia di Katya Troise
Luganese
1 ora

Melide-Gentilino, si pavimenta l’A2. Sarà a prova di rumori

Il cantiere interessa l’ultimo tratto autostradale nell’ambito delle opere di risanamento globale
Gallery
Luganese
2 ore

Reti alte 9 metri a protezione delle Ffs a Capo San Martino

Il progetto sarà ultimato nel 2023 a tutela della tratta ferroviaria fra Lugano e Melide. L’investimento è di 18 milioni
Ticino
3 ore

Coronavirus, da venerdì nuovo allentamento delle misure

Cadono le restrizioni per accedere a istituti per invalidi, centri terapeutici e centri diurni. Il punto sui contagi si fa settimanale
Grigioni
3 ore

Buseno, escursione botanica con il Parco Val Calanca

Domenica 5 giugno sarà possibile andare alla scoperta di fiori ed erbe con la guida Antonella Borsari nella zona fra i Monti di San Carlo e Mazzucan
06.10.2021 - 16:47
Aggiornamento : 21:02

Quei selfie dopo il parrucchiere e la morte di un uomo

Condannata per omicidio colposo la donna che nel 2018 investì a Riva San Vitale due centauri in viaggio di nozze

Su quell’auto non avrebbe mai dovuto salire per almeno due motivi: era consumatrice abituale di marijuana, tanto che anche la sera prima ne aveva fumata, ed era in possesso di una patente (bulgara) non valida sul territorio svizzero. Invece, anziché considerare il pericolo alla guida quale conseguenza di un utilizzo di sostanze stupefacenti e il divieto generale di circolazione, l’allora 26enne decise comunque di andare nella sua abitazione di vacanza a Brusino Arsizio (risiedeva in Svizzera interna). Un viaggio che finì in tragedia: poco dopo l’abitato di Riva San Vitale – erano le quattordici e un quarto del 23 marzo 2018 – investì due centauri, marito e moglie, residenti a Parigi, in viaggio di nozze fra il lago di Como e il Ceresio. Sull’asfalto rimase il corpo senza vita dell’uomo, 51enne; la donna subì delle policontusioni, ma soprattutto ne uscì sconvolta dal dolore.

L’imputata, oggi trentenne, che ha deciso di non partecipare al dibattimento e che ha quindi imposto il processo in contumacia, è stata condannata dalle Assise criminali di Mendrisio in Lugano, presiedute da Amos Pagnamenta, affiancato dai giudici a latere Renata Loss Campana e Fabrizio Filippo Monaci, a 3 anni, di cui 6 mesi da espiare. Colpevole, dunque, di omicidio colposo, anche se il presidente non ha mancato di accennare all’ipotesi di omicidio intenzionale: «L’imputata ha omesso di adeguare la velocità, di mantenere la giusta distanza e di prestare attenzione al traffico tanto da non riuscire a fermare la sua corsa, avrebbe altresì dovuto prestare maggiore prudenza e cautela proprio per la presenza del cantiere e vedendo frenare i motociclisti. Gli scatti dei selfie poi risultano dagli accertamenti degli inquirenti, come è pacifica la condizione di inattitudine per il consumo di marijuana. Una colpa, quindi, grave dal profilo oggettivo e soggettivo. L’imputata ha crassamente violato le norme della circolazione e ogni elementare dovere di diligenza a cominciare dal fatto che non avrebbe dovuto né potuto essere al volante. Ha tentato di accampare scuse, ha palesemente mentito, anche sulle cause della sua assenza al dibattimento. Si fatica a credere, infatti, a quei particolari motivi religiosi legati al Covid-19 quando, a guardare le sue fotografie, si è sottoposta a interventi ben più invasivi di un tampone nasale...».

Duro il commento della procuratrice pubblica Margherita Lanzillo che, all’inizio della sua requisitoria, non ha mancato di evidenziare la figura della vittima, «padre, compagno e figlio». Quel giorno, per l’accusa, vi erano tutte le condizioni necessarie a una guida sicura: «La visibilità era buona, il fondo stradale asciutto, il cartello che informava dei lavori e del semaforo era presente lungo la carreggiata. Segnalazione che l’imputata aveva ben visto come si era accorta della presenza dei due motociclisti che viaggiavano davanti a lei». A pesare invece sulla colpa, grave, della donna era stato, appunto, il consumo di ‘erba’ e, soprattutto, la disattenzione condizionata, pochi minuti prima, dall’utilizzo sconsiderato del cellulare: «Scattava selfie (almeno otto quelli indicati nell’atto d’accusa, ndr) e si scambiava messaggi con il marito. Non di meno, aveva una velocità inadeguata, calcolata in almeno 70 chilometri all’ora, e non viaggiava con un’adeguata distanza, nella fase di avvicinamento al semaforo. Tutti elementi, con la mancata reazione tempestiva dovuta al superamento del valore limite di Thc nel sangue, che portano alla definizione della causa dell’incidente». E se la donna è risultata essere «pesantemente colpevole – come ha annotato Lanzillo – vi è un’assenza di qualsivoglia colpa da parte delle vittime». Un’imprudenza consapevole, per la pp, che aveva chiesto una pena di 30 mesi: «La sua capacità di guida era inficiata dall’uso del cellulare, confermato dal paesaggio che muta nelle varie fotografie presenti sul suo telefono. È vero che non vi sono prove oggettive che attestino che lo stesse utilizzando proprio nel momento dell’incidente, ma tale atteggiamento conferma il suo approccio alla guida totalmente inadeguato. Del resto – ha ribadito la procuratrice – l’ambito stradale è fra i contesti più pericolosi, tanto da dettare i pilastri su cui poggia nel diritto penale l’elemento della colpa. L’esistenza della vittima, nel pieno della vita, è stata dunque interrotta da un comportamento disattento e spudorato, non adeguato alle circostanze, tanto che solo per puro caso la compagna non ha subìto lesioni più importanti».

Daniele Meier, avvocato che in aula rappresentava la compagna sposata pochi mesi prima, ha posto l’attenzione sul momento del tragico investimento, quando la moglie della vittima, che lo seguiva su una seconda moto, aveva dovuto prestare il primo soccorso, lei medico, al compagno a terra in fin di vita: «Dolorante e con il timore di essersi rotta il bacino, ha dovuto chiedere aiuto. Urlava dal dolore, lascio a voi immaginare la scena... Un sentimento da lei vissuto forte e devastante tanto che non è più riuscita, una volta rientrata in Patria, a fare il medico in quanto vedeva sempre il viso del marito nei pazienti che stava curando. Una sofferenza morale importante, che fatica ancora oggi a superare». La colpa della trentenne bulgara è quindi «grave ed esclusiva, per il solo fatto di un consumo usuale di canapa e il vezzo di ritrarsi con selfie in tutte le pose e in tutte le fogge. Del resto, e non si può non parlare di negligenza – ha chiosato il legale che non ha mancato di accennare alla linea sottile fra omicidio colposo e omicidio intenzionale con dolo eventuale – la signora, che ha pensieri solo per se stessa, era appena stata dal parrucchiere...».

Un intervento ribadito dal collega Ergin Cimen, rappresentante dei due figli del primo matrimonio e dei genitori della vittima, che ha ricordato come l’imputata nel momento concitato dell’incidente si era giustificata con la moglie ammettendo di essere stata distratta dal cellulare: «Il fatto che non sia stato possibile stabilire se stesse proprio in quel momento visualizzando foto o video presenti nel cellulare, ma di aver avuto unicamente i dati degli autoscatti, ci porta purtroppo a non poter contare sulla discriminante legata alla negligenza cosciente e dunque al dolo eventuale».

Una pena contenuta in 16 mesi, era stata invece la richiesta della difesa, sostenuta dall’avvocato Stefano Marinetti, che aveva giustificato l’uso della marijuana per scopi analgesici, ovvero attutire i dolori del ciclo mestruale. Appena pronunciata la sentenza, il legale della trentenne ha annunciato ricorso in Appello.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cellulare incidente mortale motociclista omicidio colposo riva san vitale selfie
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved