tocca-ai-giovani-trovare-la-giusta-rotta-del-commercio
Come rilanciare il commercio? (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
8 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
9 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
Luganese
9 ore

‘Benvenuti in Paradiso’, il Comune accoglie i suoi residenti

I nuovi arrivi salutati alla manifestazione ‘Incontriamoci’ indetta dal Municipio
Luganese
10 ore

Banca Notenstein, in aula buco da 15 milioni

Tre rinvii a giudizio per truffa e malversazioni compiute da un ex alto funzionario dell’istituto di credito. In aula pure due persone del ramo dei cambi
Luganese
10 ore

Al Palacongressi i primi 90 anni dei Canterini di Lugano

Concerto e ospiti per il prestigioso traguardo del complesso musicale
Locarnese
11 ore

È morto uno dei promotori della chiesa di Mogno

L’architetto Giovan Luigi Dazio è stato un maestro nella riattazione di rustici in pietra
Mendrisiotto
11 ore

Riva San Vitale, festa e torneo al campo di calcio

L’appuntamento è per il fine settimana dell’8-11 giugno. Oltre alle partite in programma festa e musica per la popolazione
Ticino
12 ore

Atte, nuovo Comitato e bilanci prudenti

L’assemblea dell’Associazione ticinese terza età ha saputo affrontare il colpo della pandemia sulle attività. Preoccupa il calo di iscritti
Mendrisiotto
12 ore

Una Giornata ai mulini della regione

Porte aperte sabato agli impianti storici di Bruzella in Valle di Muggio, del Ghitello a Morbio e de La Tana a Rancate
Mendrisiotto
12 ore

A Mendrisio si alza il sipario su Progetto amore

Tanti artisti sul palco del Mercato coperto per una ‘tre giorni’ – tra giovedì e domenica – solidale con l’Ucraina
Locarnese
12 ore

Giornata dei Mulini a Fusio, Corippo e Frasco

Macine in azione e farine nostrane in vendita
Locarnese
13 ore

Gordola, grigliata per over 60

Organizza il locale Gruppo ricreativo della Parrocchia
Ticino
13 ore

Telelavoro e frontalieri: si chiede omogeneità

Un’interrogazione chiede di parificare le soglie di impiego da casa oltre le quali scattano l’imposizione fiscale e quella previdenziale in Italia
Ticino
13 ore

Giudici di pace, Emma Crugnola nominata presidente

Sarà affiancata da Antonella Grassi Coduri e Mariella Lombardi
Locarnese
14 ore

Minusio, uscita micologica con il quartiere Rivapiana

L’associazione propone una gita con un’esperta per il controllo dei funghi
Locarnese
14 ore

Torna a esibirsi in pubblico la Filarmonica di Losone

La prima ‘Matinée musicale’ è prevista sotto il portico delle scuole comunali
Locarnese
18 ore

Alpe Cedullo, giornata di pulizia dei pascoli

Organizzata dal Gruppo di lavoro dei Patriziati del Gambarogno e dalla Società cacciatori Locarnese e Valli
gallery
Mendrisiotto
18 ore

Furgone prende fuoco a Rancate

Il veicolo si trovava sul piazzale di una carrozzeria. Le fiamme hanno intaccato anche un’auto posteggiata a lato
Ticino
19 ore

Dopo qualche ora di tregua tornano le code al San Gottardo

In occasione del fine settimana dell’Ascensione anche le Ffs non escludono difficoltà per i viaggiatori
Bellinzonese
1 gior

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
1 gior

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
1 gior

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
10.10.2021 - 14:32

‘Tocca ai giovani trovare la giusta rotta del commercio’

Tiziana Grignola ha lasciato il comitato della Società commercianti del Mendrisiotto dopo ‘almeno 25 anni’. L’abbiamo incontrata per un’analisi critica

Ha vissuto tutte le sfide che i commercianti del Mendrisiotto sono stati chiamati ad affrontare negli ultimi anni. L’ultima assemblea della Società commercianti del Mendrisiotto (Scm) ha scritto la parola ‘fine’ per Tiziana Grignola. L’abbiamo incontrata per tracciare con lei un’analisi, anche critica, di quanto successo negli ultimi decenni nel Mendrisiotto commerciale. «Non so nemmeno io per quanto tempo sono stata socia dell’Scm – afferma Tiziana Grignola –. Dai miei calcoli sono almeno 25 anni: ricordo con affetto la presidenza del compianto Giordano Arrigo, le riunioni nella cantina del garage Picio di Alessio Agustoni, così come la grande amicizia che ci legava oltre l’essere membri dell’Scm». Il comitato per il prossimo biennio è composto da Carlo Coen (presidente), Davide Rampoldi, Walter Baumgartner, Stefania Bertolazzi, Roberta Donadini, Emanuela Tulipani (nuova) e Alan Cavadini (nuovo). Oltre a Tiziana Grignola hanno lasciato il comitato Giacomo Morandi e Maurizio Trecchi. L’assemblea ha nominato Tiziana Grignola socia onoraria dell’Scm.

‘Spazio alle nuove generazioni’

Quali sono i motivi che hanno spinto Tiziana Grignola a rimettere il suo mandato? «L’unico modo per fare veramente spazio alla nuova generazione è che chi ha lavorato e dato tutto quello che poteva lasci il posto vacante, consentendo così ai giovani di avere la buona volontà di provarci – risponde la nostra interlocutrice –. Anche se ci sono personaggi che difficilmente riusciranno a guidare una Società dei commercianti che, come ho già avuto modo di dire, da almeno 10 anni mi sto chiedendo se ha ancora ragione di esistere». A mente di Tiziana Grignola «l’unica vera ragione d’essere è il rispetto verso i suoi associati, chi ci ha sempre sostenuto (non finirò mai di ringraziare le grandi ditte che pagano la tassa come se avessero un negozio per sostenere quello che un tempo era un progetto), le istituzioni che ci hanno aiutato e consentito di mantenere un certo livello e, in fondo, anche il dare la possibilità alle nuove generazioni di giovani commercianti confrontati con la piccola economia, di essere loro a guidare una nave della quale noi non conosciamo né la rotta né i motori perché la nostra cultura d’impresa è obsoleta». Anche per i commercianti, quindi, è giunto il momento di adeguarsi ai tempi che cambiano? «Siamo passati dal creare la società per difenderci dallo spauracchio dei grandi magazzini, poi ci sono stati la mancanza della clientela italiana e l’euro, l’avvento degli acquisti online e il Covid. È inutile negare che il momento di crisi è stato ancora più rabbuiato da questa cosa orribile, che è capitata a tutto il mondo e quindi piangere è inutile». Chiunque, in futuro, sarà chiamato a occuparsi di «tutte le associazioni che si occupano di commercio, dovrà avere una visione che parte dall’alto per rendersi conto che ci sono cose che vanno cambiate: se facciamo un’analisi globale emerge che sono i negozi con più di 40 anni di vita a resistere, ma con una capacità di tenere aperto che si basa sul passato e non sul futuro».

L’assenza dei clienti della Brianza

C’è un momento che, visto con il senno di poi, avrebbe dovuto far capire ai commercianti del Mendrisiotto che era il momento di cambiare rotta? «La mia autocritica è che quando non abbiamo più potuto approfittare del bacino d’utenza della Brianza, forse abbiamo sperato che tutto tornasse come prima e non siamo stati in grado, io per prima perché già ero in comitato, di vedere la situazione. Questa assenza, indipendente dalla volontà di chiunque, ha buttato diserbante nel prato: delle zolle verdi sono rimaste e questo ha fatto sì che qualcosa sopravvivesse, ma non l’economia fiorente e i commerci come eravamo abituati a vedere noi». Una caratteristica, questa, comune. «Tutti i centri città del mondo stanno soffrendo – annota Tiziana Grignola –. Oggi si torna a parlare di responsabilità sociale nelle imprese: gran parte dei punti vendita del nostro territorio appartengono a grandi catene che non hanno nessun tipo di sensibilità né sociale né territoriale o di appartenenza. Non è una critica ma una constatazione: se i conti non tornano i negozi chiudono e se ce ne sono sempre meno, la gente non verrà più. Bisognerà trovare un modo per attirare persone e clienti che non deve più essere l’organizzazione di una festa o le luci di Natale».

Il rimpianto: la figura professionale

Chiusa questa esperienza, Tiziana Grignola ha un rimpianto? «Proprio una settimana fa, mentre pensavo alla mia ultima assemblea, mi sono concentrata sulla figura professionale all’interno dell’Scm, un tema che ho sempre portato avanti seriamente. Il rimpianto che ho è quello di non essere stata disoccupata e di non averlo potuto fare io perché col senno di poi, e senza falsa modestia, sarebbe andata bene». Per il futuro «spero si troverà un modo, magari attraverso un progetto sostenuto dai Comuni e dall’Ente regionale di sviluppo, per avere questa figura che non potrà essere un ragazzo che ha appena finito di studiare ma qualcuno che conosce se non la gente, i problemi della gente».

‘I commercianti devono metterci del loro’

Tiziana Grignola resterà vicina all’Scm («tranne che per tornare in comitato») mettendo a disposizione esperienza e conoscenze. Quale l’auspicio per il futuro? «Mi aspetto che i commercianti ci mettano del loro perché sparare sulla Croce Rossa è facile. Dà fastidio, e lo capisco, che ci siano negozianti avviliti perché non funziona niente e non ce la fanno, ma non cercano mai le cause del loro ‘fallimento’ all’interno del loro negozio. Faccio molta fatica a comprendere certi meccanismi perché non sono un commerciante puro, non ho un negozio e sono consapevole che questo può avermi reso anche un po’ antipatica. Ma un piccolo atto di umiltà e buona volontà da parte di tutti sarebbe bene accetto». Inoltre «bisognerebbe collaborare ed essere uniti». Un obiettivo che potrebbe essere raggiunto «se ci fosse una direzione della Società commercianti che sia davvero in grado di tirare a sé tutta questa gente». Nel complesso Tiziana Grignola si definisce «contenta, ho fatto tantissime esperienze e conosciuto tanta gente – conclude –. È stato un onore far parte, senza essere mai esautorata, del comitato di una società che ha vissuto alti e bassi fortissimi perché noi abbiamo davvero fatto tante cose. Oggi l’Scm deve attualizzarsi, ma per fare questo servono soldi, e per avere soldi tanti associati. È una catena che gira, faccio gli auguri di tutto cuore per un domani comunque luminoso, anche se allo stato attuale è in ombra per il contesto che stiamo vivendo».

L’assemblea: più apertura alla promozione

Durante l’assemblea sono state proposte alcune modifiche agli scopi statutari. Questi cambiamenti permettono alla Società di avere una maggiore apertura nella promozione, in collaborazione con altri enti, dell’economia e del territorio, oltre il piano regionale. La Società vorrà inoltre essere un valido punto di riferimento per i propri associati e partner riconosciuto per le istituzioni per favorire un’attiva interazione. L’assemblea ha anche approvato la modifica del contributo sociale per le piccole attività commerciali con una o due persone occupate, rendendolo più attrattivo e permettendo alla Società di raggiungerle e rappresentarle pienamente nei rapporti con enti e istituzioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assemblea comitato commercianti scm tiziana grignola
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved