chiasso-rafforza-i-servizi-sociali-e-la-lotta-alle-dipendenze
Andrea Bianchi, nuovo responsabile dei servizi sociali di Chiasso (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
12 min

Si riunisce l’Associazione dei Comuni del Generoso

Assemblea annuale alla Masseria Cuntitt a Castel San Pietro. Piatto forte saranno i consuntivi 2021
Mendrisiotto
48 min

Due incontri per introdurre alle formazioni sociosanitarie

La Fondazione youLabor di Chiasso presenta cinque profili professionali per il reinserimento sociale
Ticino
1 ora

Da TiSin a Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo l‘uscita di Sabrina Aldi e Boris Bignasca, il sindacato cambia nome e direttivo e attacca: ’Controlli delle paritetiche senza senso e vessatori’
Ticino
2 ore

Finiscono le vacanze, ricominciano le colonne al Gottardo

Il rientro dal ponte dell’Ascensione sta causando colonne fino a 11km fra Faido e Airolo con tempi di attesa intorno alle 2 ore
Locarnese
2 ore

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
3 ore

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
3 ore

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
20 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
21 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
1 gior

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
laR
 
02.11.2021 - 05:30
Aggiornamento : 08:39

Chiasso rafforza i servizi sociali e la lotta alle dipendenze

In cantiere un centro di accoglienza diurno. Intervista ad Andrea Bianchi - neoresponsabile dei servizi del Comune - e alla capodicastero Roberta Pantani.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un centro di accoglienza diurno per persone con dipendenza da sostanze a Chiasso. Al momento si tratta ancora soltanto di un’idea, che dovrebbe venir messa nero su bianco entro la fine dell’anno prossimo e presentata al Municipio per una valutazione. La notizia è emersa dal nostro incontro con la capodicastero Socialità Roberta Pantani Tettamanti e con Andrea Bianchi, che dal 1° gennaio scorso ha assunto la guida dei servizi sociali del Comune. Un rafforzamento: «Vanta già una solida esperienza in ambito sociale – spiega la municipale –. Il suo inserimento ha fatto sì che si iniziasse con una riorganizzazione dell’Ufficio, con l’obiettivo migliorare la collaborazione fra i vari servizi ed enti coinvolti».

Progetto di prossimità avviato nel 2019: ‘Ricevevamo lamentele da uffici e privati’

Fra le altre cose, Bianchi si è trovato a gestire il progetto di prossimità avviato da Chiasso nel settembre del 2019. A due anni dall’avvio, è l’occasione per fare un bilancio. «Si tratta di un sostegno a persone bisognose di aiuto e con diversi tipi di dipendenze: droga e alcol, ma anche farmaci – ricorda Pantani –. Pensiamo ad esempio a chi abusa degli sciroppi che contengono codeina. È un progetto voluto dal Municipio perché in quel periodo alcune zone del centro, soprattutto piazza Indipendenza, sono diventate problematiche. Avevamo iniziato a ricevere lamentele da parte di uffici e privati cittadini sulla presenza di un gruppetto di persone, da metà mattinata a fine pomeriggio. Pur non consumando in pubblico, tenevano un atteggiamento che per taluni poteva essere considerato molesto e quindi influivano in modo negativo sulla sensazione di sicurezza soggettiva. Pertanto i dicasteri Socialità e Sicurezza pubblica hanno dato vita a questo progetto».

‘L’approccio è sociale, preventivo’

All’origine dell’iniziativa, quindi, non un vero e proprio problema di ordine pubblico: «A oggi non sono stati riscontrati palesi atti contrari alla legge – chiarisce la capodicastero –, non ci sono mai stati vandalismi o atti denunciabili. È proprio una questione soggettiva, che va però comunque tenuta in considerazione. Non avendo ragioni oggettive per intervenire, si cerca di ridurre il danno attraverso un approccio sociale, preventivo. Sia da parte delle forze dell’ordine che dei servizi sociali». «Sono persone che generalmente hanno uno stile di vita che ritengono accettabile per sé, ma che crea loro qualche problema legato magari al mondo del lavoro, o all’abitazione, o all’inserimento sociale – specifica Bianchi –. Inoltre, sono persone che generalmente non si rivolgono a enti specializzati in quanto non riconoscono di avere un problema». E quindi il servizio nasce per intercettarle, direttamente in strada. «Ci sono due operatori di Ingrado (che ha a Chiasso un suo consultorio, ndr), pagati dal Comune per questo servizio, che vanno ad agganciare queste persone in strada, parlano la loro lingua e fanno sensibilizzazione. La grande forza del progetto è la flessibilità, grazie anche alla capacità degli operatori di adattarsi ad imprevisti al fine di dare il giusto supporto sia in situazione di emergenza che nel quotidiano».

‘Le lamentele sono diminuite’

Una sensibilizzazione che, inizialmente, non si svolgeva solo per strada. «Quando il progetto è partito, si offriva loro una colazione al centro Ingrado e una decina di persone avevano preso quest’abitudine. Si tratta di un modo per approfondire il rapporto di fiducia, ma anche per ridurre il consumo di sostanze che spesso comincia già alla mattina. Purtroppo continuare con queste modalità nel 2020 è stato impossibile» spiega il responsabile dei servizi sociali. La pandemia ha infatti portato a un cambiamento del progetto: «Quindi ci si è spostati per strada lavorando per costruire un rapporto di fiducia. È stato fatto un lavoro veramente complesso di inserimento nel gruppo. E i risultati sono soddisfacenti». «È un lavoro costante, quotidiano, i risultati più incisivi si vedranno solo a lungo termine – aggiunge Pantani –, però l’efficacia è riconosciuta: a polizia e autorità comunali sono state segnalate meno lamentele. Perciò il progetto finora è sempre stato rinnovato».

La proposta del centro entro fine 2022

E se il Covid ha cambiato le carte in tavola, idee per un potenziamento a breve termine del progetto non mancano. «Vorremmo concretizzare l’apertura di un centro di bassa soglia per persone con dipendenze, sul modello del centro di accoglienza diurno di Ingrado a Viganello – svela Bianchi –, con l’obiettivo di accogliere quelle persone che non desiderano andare in un centro terapeutico ma che abbiano la possibilità di avere un pasto caldo, un posto dove fare la doccia e lavare i propri indumenti, dove poter fare delle attività occupazionali sotto un minimo di controllo. La dipendenza da sostanze spesso ha effetti psicologici, sociali, economici, nella vita delle persone. Fare attività semplici, che restituiscano una routine, possono essere il punto di partenza per il reinserimento nella società. L’idea è di proporre uno spunto al Municipio sul centro entro la fine dell’anno prossimo».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
andrea bianchi chiasso dipendenze ingrado roberta pantani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved