ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
6 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
10 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
14 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
14 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
14 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
22 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
23 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
23 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
23 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
1 gior

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
1 gior

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
1 gior

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
1 gior

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
25.09.2021 - 16:20
Aggiornamento: 26.09.2021 - 12:28

Chiasso, piazza Indipendenza tra manutenzione e potenzialità

Sono in corso i lavori di manutenzione straordinaria delle fontane e del locale tecnico interrato. Quale potrà essere il futuro del salotto cittadino?

chiasso-piazza-indipendenza-tra-manutenzione-e-potenzialita
I lavori dureranno fino alla fine di ottobre (Ti-Press/F. Agosta)

È considerata il salotto di Chiasso e, sin dalla sua creazione nel 2004, ha ospitato innumerevoli manifestazioni. Per la piazza Indipendenza di Chiasso è arrivato il momento della manutenzione straordinaria. Iniziati da qualche settimana, i lavori dovrebbero terminare alla fine di ottobre. Si tratta di interventi che interessano prevalentemente il locale elettrico sotto la piazza, oggetto da tempo di importanti infiltrazioni d’acqua, dove sono presenti il quadro principale d’alimentazione, il quadro di regolazione-gestione degli impianti e l’elettronica relativa alle fibre ottiche delle luci, non più funzionanti da tempo, delle fontane. Infiltrazioni definite abbondanti e che si manifestano principalmente durante l’esercizio dei 20 getti delle fontane e, in modo minore, anche durante le stagioni di chiusura invernali a causa delle precipitazioni. Gli interventi, valutati in poco meno di 200mila franchi, rientrano nel credito di 2,1 milioni di franchi stanziato dal Consiglio comunale per il contrastare gli effetti negativi della pandemia. «Come per altre opere inserite nel messaggio – commenta la capodicastero Territorio Sonia Colombo-Regazzoni –, questo ci ha permesso di assegnare i mandati a ditte locali». Quella in corso, come detto, «è manutenzione straordinaria che restituirà lo stesso impianto, anche se si vedranno delle modifiche – commenta la municipale –. L’obiettivo principale è la messa in sicurezza perché stiamo parlando di un vano dove c’è l’impianto elettrico e, allo stesso tempo, l’acqua delle fontane».

Dentro ai lavori

I lavori serviranno a modificare la modalità d’introduzione dei cavi e dei tubi all’interno del locale per evitare infiltrazioni causate da tali installazioni, di impermeabilizzare le murature in calcestruzzo dall’interno con tecnologia attuale di iniezioni con resine elastiche ed espansive, di modificare, per incrementare la sicurezza, l’ubicazione dei quadri elettrici e di comando-gestione elettronici all’interno del locale elettrico e, infine, di eseguire una manutenzione generale e accurata della superficie in granito della piazza. La stessa, come spiegato nella relazione presentata al Municipio, nonostante la manutenzione ordinaria dell’Ufficio tecnico, si presenta usurata nei componenti di collegamento tra le lastre e nel sottofondo in calcestruzzo di supporto, tanto che alcuni quadrotti di granito sono instabili. Le opere includono inoltre anche le sostituzioni dei fari a Led dei getti e della gestione delle luci con un’impiantistica attuale, dell’illuminazione delle vasche, dei quadri elettrici nel locale e dell’impianto audio con tecnologia al passo coi tempi. «Non avevamo più da tempo un impianto audio – annota Sonia Colombo-Regazzoni –. Magari a Natale potremo inaugurarlo riproponendo musica di sottofondo. In ogni caso, quelli descritti sono interventi definitivi: fatta eccezione per la manutenzione ordinaria, non dovremmo più avere la necessità di intervenire».

Un salotto, tante ipotesi

Situata nel cuore della zona pedonale della cittadina, piazza Indipendenza «si può ormai considerare il salotto di Chiasso perché le manifestazioni principali, a partire dal mercato settimanale, trovano il loro fulcro in questa piazza – annota la capodicastero –. Grazie anche ai lavori in corso, la piazza riprenderà la sua importanza perché i getti delle fontane sono belli e la ritrovata illuminazione potrà rendere più gradevole anche la fruizione serale». Riguardo all’utilizzo e alle potenzialità dello spazio, Sonia Colombo-Regazzoni non nasconde che, «come ovunque, sicuramente si può fare di più e meglio. Se vogliamo sognare, mi piacerebbe vedere questa piazza, o almeno una parte come Piazza della Riforma, trasformata in un vero salotto, con tavolini e un bar. La logistica non si presta molto, ma grazie alle manifestazioni di quest’estate abbiamo visto che la presenza di una mescita attira sempre la popolazione».

Ripensare a una copertura?

Nel 2006 ci sono state le infrastrutture metalliche e di vetro (poi demolite a seguito di un’iniziativa popolare accolta dalla popolazione alle urne). Due anni dopo il Municipio presentò un messaggio (poi ritirato) con una richiesta di credito di 240mila franchi per la posa di un sistema di vele tese e colorate sostenute da pali in acciaio. Nella piazza Indipendenza del futuro, è ipotizzabile tornare a parlare di una copertura? «Una copertura, anche parziale, sarebbe bella – risponde la municipale –. Non dico nulla di nuovo, ma un progetto come quello delle vele, anche se ha sicuramente lati negativi come il costo, permetterebbe di renderla più fruibile». In futuro potrebbe essere ipotizzabile «un concorso di idee per vedere come andare avanti perché è uno spiazzo che permette di avere delle visioni». L’obiettivo del Municipio è attualmente il completamento del piano viario (i dettagli legati ai cambiamenti della viabilità sono stati presentati mercoledì). «Quando questi lavori, che hanno la precedenza assoluta, saranno terminati – conclude Sonia Colombo-Regazzoni – potremo valutare anche il rinnovamento della piazza del Municipio. Ci troviamo in un momento di grandi cambiamenti, la possibilità di lavorare c’è, anche se Chiasso deve principalmente tornare a essere una piazza economica e un polo per poter affrontare il grosso problema del calo della popolazione che coinvolge tutto il Ticino».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved