una-casa-per-la-popolazione-a-morbio-inferiore
Si ha voglia di un nucleo più vivo (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
57 min

In Ticino -13 ricoverati (-2 in cure intense) e un decesso

Calano anche i casi giornalieri. Altri 17 contagi registrati in case anziani, con 22 strutture attualmente con residenti positivi al virus
Locarnese
2 ore

Centovalli, il passaggio di consegne slitta

Armando Maggetti, municipale a interim, proseguirà con il proprio mandato fino alla prossima primavera, prima di cedere il testimone a Cristina Tanghetti
Luganese
3 ore

Carabbia, e i lavori nel nucleo e la ‘riqualifica mancata’

Una cinquantina di proprietari criticano il Municipio di Lugano, per gli interventi squalificanti e non vuole pagare gli ‘esosi’ contributi di miglioria
Luganese
5 ore

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

C’è un ricorso pendente al Tribunale amministrativo ma i finestroni son già stati posati al numero civico 54 del salotto cittadino
Mendrisiotto
6 ore

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Basso e Alto Mendrisiotto si accingono a procedere con studi separati. A seguire Vacallo sono altri quattro Comuni. Novazzano resta indeciso
Ticino
11 ore

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
14 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
15 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
15 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
16 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
16 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
17 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
17 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
18 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
Luganese
18 ore

Liceo diocesano di Breganzona, aperte le iscrizioni

Serate di presentazione pubblica, tra i percorsi possibili anche quelli per musicisti e sportivi
Luganese
18 ore

Apre il 26 gennaio il Casinò di Campione d’Italia

La sala da gioco riapre i battenti con la formula ‘Tutto in un Touch’
 
27.08.2021 - 05:300
Aggiornamento : 15:31

Una ‘casa per la popolazione’ a Morbio Inferiore

Il modello de LaFilanda di Mendrisio ha spronato un gruppo di consiglieri comunali a chiedere al Municipio di ripetere l'esperienza in paese

Edifici chiusi, vetrine vuote: il ‘cuore’ del paese di Morbio Inferiore a tratti non restituisce il meglio di sé. Così anche gli stabili finiscono nella lista degli ‘ex’, come i vecchi negozi o l’ufficio postale o ancora qualche ritrovo (come la Trattoria del Persico). Tra i banchi del legislativo – in modo trasversale – si è convinti che serva una ragione per far rinascere il centro storico del comune. Anche perché “l’immagine del nucleo ha un grande margine di miglioramento” come luogo di servizi e di aggregazione: su questo punto varie forze politiche concordano. Aperto il dibattito, un gruppo di sette consiglieri comunali ha messo sul tavolo pure un possibile rimedio, prendendo spunto da un progetto riuscito: il Centro culturale LaFilanda di Mendrisio.

“Crediamo che si tratti di un modello da imitare” e che reinterpretato a misura di Morbio “potrebbe portare grande giovamento anche al nostro Comune”, dicono a una voce. Gaia Mombelli (Morbio 2030) e Raffaele Crivelli (Ppd) – primi firmatari di una interrogazione appena recapitata al Municipio – e con loro Annamaria Patullo (Morbio 2030), Enrico Pusterla (Ppd), Paola Andrighetto (Lega/Udc), Rolf Stephani (Morbio 2030) e Sabina Mordasini Nebuloni (Plr), hanno già individuato l’edificio che potrebbe rispondere alla bisogna e alle aspirazioni dei cittadini: Casa Cereghetti, ovvero l’immobile che sino a poco tempo fa era un asilo infantile, di proprietà della Parrocchia.

Casa Cereghetti, il 'luogo ideale'

Il drappello di consiglieri già se la figura: questa casa appare ai loro occhi come il “luogo ideale” per dare forma al progetto per la sua centralità e accessibilità, per gli spazi e le infrastrutture a disposizione – fra cui una cucina – e per l’ampio giardino, dove è presente pure un parco giochi. Lo stabile, ora “desolatamente vuoto” ma rimasto nella memoria dei morbiensi, andrebbe sì ristrutturato, ma verrebbe valorizzato – come bene culturale di interesse locale –, dando modo di ossequiare al contempo il volere del suo donatore, Giuseppe Cereghetti. Ciò che conta è passare all’azione. «Come studentessa e come giovane – ci mette a parte Gaia Mombelli, fra i promotori di un’interrogazione che ha le carte in regola per essere trasformata in mozione – sento e ho sentito molto (soprattutto durante il lockdown) il bisogno di veder vivere il nucleo del mio paese. Per noi non c’è molto da fare, dobbiamo guardare a Chiasso o a Mendrisio. Qui mancano spazi, anche un luogo dove poter studiare, trovarsi».

Tanti contenuti per una casa 'popolare'

E allora lo sguardo si è posato su Casa Cereghetti, innanzitutto per un fatto «sentimentale» – «è il mio ex asilo» –, poi per le sue potenzialità. Gli autori dell’interrogazione si sono già fatti un’idea sulle attività che potrebbero essere svolte all’interno dell’edificio, che diventerebbe così una sorta di ‘casa per la popolazione’. Tra le sue mura troverebbero un punto di riferimento tanto gli anziani che i bambini, vi si potrebbero coltivare la vita culturale e l’attenzione per l’ambiente e la sostenibilità, dando altresì un’impronta sociale appoggiandosi, suggeriscono i consiglieri, ad associazioni o imprese sociali; il tutto nel solco dell’Agenda 2030.

Ecco che Casa Cereghetti potrebbe essere “un luogo di lavoro e di studio”, oltre che “un luogo di scambio per oggetti ancora in buono stato” o ancora “un’oggettoteca”, come quella che già esiste a Locarno. Oppure vi si potrebbe realizzare “un piccolo anfiteatro/cinema”, oltre che “una sala per conferenze, eventi, mostre”. Ci si spinge anche a immaginare un asilo nido, una piccola caffetteria autogestita e un altrettanto piccolo negozio con prodotti di artigiani e artisti locali, oltre a un punto di ritiro per ConProBio e uno spazio da riservare al Caffè riparazione dell’Acsi. 

Interrogativi aperti

Lo spirito di iniziativa e la propositività, insomma, davvero non mancano. Adesso resta da misurare l’apertura e la volontà del Municipio. Con la consapevolezza che sul tavolo vi è già un progetto nell’ambito della terza età che coinvolge la Parrocchia e il Dss, il Dipartimento sanità e socialità. Ed è qui che si inseriscono gli interrogativi dei sette consiglieri. Per prima cosa, chiedono, il Municipio “sarebbe disposto ad attivarsi concretamente per farsi promotore della rinascita del nucleo del paese nelle sue funzioni di fornitore di servizi e di luogo di aggregazione?”, fissando così il principio. In seconda battuta, vi è la possibilità di “portare avanti un progetto per creare una casa per la popolazione?”.

Ed entrando nel merito, l’esecutivo “condivide l’idea che Casa Cereghetti possa essere il luogo ideale da cui partire per realizzare dei progetti tendenti agli scopi sopra esemplificati?”. Di conseguenza, l’autorità comunale è disponibile ad “avviare un dialogo con il Consiglio parrocchiale per trovare un accordo per l’utilizzo di Casa Cereghetti secondo gli scopi menzionati nell’interrogazione?”. Infine, domandano, “si può pensare alla creazione di una commissione per discutere e mettere a fuoco il progetto?”. Il sasso è lanciato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved